Olocausto Olocausto

Olocausto

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Il libro costituisce un affresco di un periodo che ha segnato la storia, descritto secondo la visione in soggettiva dei due protagonisti: una sorta di diario parallelo delle vite di chi si crede vincitore (l'ufficiale nazista) ed è dichiarato sconfitto dalla storia, e di chi quale vittima (il giovane ebreo pronto a lottare per la sopravvivenza) risulta figura eroica simbolo del sacrificio di un popolo cui non viene accordata tregua.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
Olocausto 2020-04-17 12:10:43 martaquick
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
martaquick Opinione inserita da martaquick    17 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

VITE SPEZZATE DALL'OLOCAUSTO

Racconto la storia di come ho letto questo romanzo: quando ero piccola leggevo davvero tantissimo ma i miei genitori non potevano comprarmi libri di continuo quindi tra biblioteca scolastica e quella comunale qualcosa avevo, ma mi ritrovavo spesso anche a spulciare i libri di mio papà anche se molte volte erano romanzi particolari e un bel giorno mi sono ritrovata in mano questo, Olocausto, e ho deciso di provare a leggerlo.
Credo di aver avuto 11 o 12 anni quando l'ho letto la prima volta e mi aveva fatto una certa impressione.
A scuola ci insegnano le terribili vicende della seconda guerra mondiale e dello sterminio degli ebrei, ma di certo quando siamo ancora piccoli non siamo sempre pronti a leggere certe cose così forti.
La prima lettura del romanzo mi ha lasciato abbastanza scossa infatti dopo tutti questi anni me lo ricordo molto bene questo libro, la storia di più personaggi che si intreccia in un terribile periodo storico.
I protagonisti sono un ragazzo e la sua famiglia ebrea che fugge dalla Germania dopo aver visto la morte dei genitori e lo stupro della sorella (resa catatonica dall'abuso); un militare tedesco che non si riconosce nel suo popolo che uccide e terrorizza le persone; un uomo ebreo che viene rinchiuso in un campo di concentramento e sua moglie tedesca che cerca di aiutarlo usando il proprio corpo per corrompere un ufficiale dell SS.
Quando poi diversi anni dopo l'ho riletto ho pensato che fosse un racconto (ispirato a storie vere) molto toccante, forte e rappresentativo di un mondo che per fortuna non abbiamo vissuto ma che purtroppo c'è stato.
Il romanzo è molto vecchio e non credo sia facilmente reperibile però ne varrebbe la pena leggerlo.

Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù