Dettagli Recensione

 
Ma gli androidi sognano pecore elettriche?
 
Ma gli androidi sognano pecore elettriche? 2016-06-22 07:18:38 Francj88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Francj88 Opinione inserita da Francj88    22 Giugno, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La disfatta della creazione

Questo romanzo di Philip K. Dick è ambientato in un futuro distopico in cui gli uomini convivono con gli androidi in comunità sparse per la galassia. La Terra è diventata quasi inabitabile per via di tempeste di sabbia che hanno portato alla desertificazione di parte del globo, nonché danni cerebrali a una vasta porzione di uomini rimasti sulla Terra. Nelle colonie gli androidi, ormai sempre più sofisticati, vengono impiegati come forza lavoro ma, alcuni di essi, decidono di scappare e fare ritorno sulla Terra dove agenti speciali, come il nostro protagonista Rick Deckard, hanno il compito di “ritirarli”, ovvero eliminarli.

Il problema è che questi androidi, specialmente i nuovi modelli Nexus 6, sono talmente simili agli esseri umani che diventa difficile individuarli. Lo strumento utilizzato per verificare se un individuo è un androide o meno è quello di sottoporlo ad un test sull’empatia. Pare infatti che gli androidi non siano in grado di provare partecipazione emotiva nei confronti di altri esseri viventi, tanto meno verso altri androidi. Questo è il futuro verso cui tende l’umanità? Una progressiva perdita dei valori umani di empatia e solidarietà non solo verso il prossimo, ma verso qualsiasi essere vivente? Perché forse il punto è che non sembrano essere i nuovi modelli Nexus 6 sempre più simili all’uomo, ma al contrario sembra essere l’uomo in procinto di somigliare sempre più ad un androide, una macchina senz’anima.
D’altronde il concetto di empatia è presente nel racconto anche sotto forma di pseudo-religione: il mercenearismo, che fa leva su questo legame empatico e sulla condivisione universale dell’esperienza da parte degli uomini, come se facessero parte di un’unica entità. Ma se casualmente viene fuori che questo Mercer, il Dio/Profeta dell’empatia non è altro che un ubriacone e a fare questa scoperta (ironia della sorte) non è altro che un androide, allora cosa resta all’uomo? La consapevolezza che non esistono ideali nè verità assolute e ciò porta ad un quesito ancora più angosciante: cos’è che ci rende umani? Quando l’evoluzione tecnologica avrà raggiunto un livello tale da permettere agli androidi di somigliare in tutto e per tutto agli esseri umani, empatia compresa, come sostanzieremo e giustificheremo il nostro antropocentrismo?

Nel romanzo di Dick sembra che l’uomo sia diretto verso la sua stessa distruzione. Di certo in una società come la nostra, in cui il progresso tecnologico sembra ormai inarrestabile, viene spontaneo chiedersi se e quali debbano essere i limiti da porre al progresso scientifico per evitare che nel nome di tale progresso l’uomo compia qualcosa si irreparabile. Curioso è anche il fatto che nell’ universo descritto da Dick il vero bene di lusso non sia possedere oggetti tecnologici o androidi ma animali veri, esseri viventi (da qui l’ironico titolo).

Questo romanzo, permeato da un cupo pessimismo, per quanto si legga velocemente per via della scorrevolezza data anche dalla brevità dei capitoli, richiede in realtà una lettura attenta, tante e complesse sono le tematiche messe in gioco. “Ma gli androidi sognano pecore elettriche?” è un capolavoro della fantascienza ma non solo, potrebbe essere considerato un vero e proprio trattato di sociologia. Il film che ne è stato tratto, Blade Runner, uscito nel 1982 (a quasi vent’anni dalla pubblicazione del romanzo) e diretto da Ridley Scott è anch’esso un capolavoro nel suo genere ma, essendo liberamente ispirato al libro, è da considerarsi un’opera a parte. Il regista è riuscito a coglierne l’atmosfera cupa con le ambientazioni notturne e la fotografia fredda e futuristica ed è riuscito a dare una mirabile caratterizzazione agli androidi protagonisti, ma l’opera di Dick contiene degli elementi che a mio parere lo pongono tra quei libri che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Ciao! Bellissima recensione complimenti!! Anche io di recente ho letto un libro di Dick e trovo anche io che la sua scrittura sia piena di significati nascosti tra le righe!
Marta
In risposta ad un precedente commento
Francj88
23 Giugno, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao, grazie mille! :) Per me è stato il primo libro di Dick.. devo recuperare!!
Rollo Tommasi
24 Giugno, 2016
Ultimo aggiornamento:
24 Giugno, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ottima recensione.
Il libro è senz'altro una bella performance ma il film è a mio parere superiore (senza comunque dimenticare che senza libro non ci sarebbe stato film). Philip Dick è lo scrittore di fantascienza visionario per eccellenza, ma non ha uno stile letterario robusto, e questo a volte si ripercuote anche sul "filo" delle sue storie. Ridley Scott ha dato "geometria" alla storia, e ha valorizzato il doppio parallelo androide-uomo uomo-Dio che nel libro è più suggerito che trattato. Blade Runner (il film) è diventato un cult planetario letteralmente dal nulla (la sua prima versione è rimasta praticamente semisconosciuta), un'opera di significato enorme.
Sul rapporto tra libro e film ci sarebbe tantissimo da dire, ma, proprio perchè rischierei di parlare troppo a lungo per questo spazio, aggiungo solo un'ultima cosa: che - come tu giustamente sottolinei - tolte le défaillance di stile, Dick è un autore che andrebbe assolutamente letto.
In risposta ad un precedente commento
Francj88
24 Giugno, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie! :) Sono d'accordo con te, se dovessi scegliere tra libro e film sicuramente sceglierei il film! A Dick però va riconosciuto il merito di essere stato un precursore nel suo genere (oltre ad essere il capostipite del cyberpunk) e di averci lasciato molto su cui riflettere. Il film è un capolavoro ma c'è da dire che arriva quasi a vent'anni di distanza dal libro, in tempi sicuramente più maturi per determinate tematiche. Detto questo il film è sicuramente superiore soprattutto per quanto riguarda la caratterizzazione di alcuni personaggi come l'androide Roy Baty. Nel libro Roy è freddo, spietato, disprezza gli esseri umani e la loro cosiddetta “empatia”. Nel film invece, ad un certo punto, svilupperà delle emozioni, varcando così la famosa linea di demarcazione tra esseri umani ed androidi e mettendo quindi in discussione l'essenza stessa dell'essere umano. Nel libro si limita a fuggire, il Roy del film vuole vivere! Credo sia questo, ovvero l'umanizzazione dell'androide, ciò che mancava nel libro e che Ridley Scott ha brillantemente intuito. Per questo scrivevo che libro e film vanno secondo me considerate come due opere a parte... ma entrambe da conoscere! :)
In risposta ad un precedente commento
Rollo Tommasi
25 Giugno, 2016
Ultimo aggiornamento:
25 Giugno, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Che il film arrivi in un momento in cui l'età d'oro della letteratura sf è già passata ma - paradossalmente - i tempi sono più maturi per discutere di certi argomenti, è un'osservazione intelligente e giusta.
Quanto a Roy, va detto che Rutger Hauer (che lo impersona) è stato fondamentale per la costruzione del ruolo: se si pensa che "Ho visto cose..." non era un discorso scritto in quel modo, ma è frutto della sua capacità di improvvisare...
In risposta ad un precedente commento
Francj88
28 Giugno, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Già, Rutger Hauer ha dato tanto al personaggio, se non ricordo male il testo originale fu scritto dallo sceneggiatore David Webb Peoples, ma venne lievemente modificato da Hauer, che improvvisò la frase “like tears in the rain”... un attore dalla sensibilità straordinaria!
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri