Dettagli Recensione

 
Jonathan Strange e il signor Norrell
 
Jonathan Strange e il signor Norrell 2015-07-14 13:13:49 Zomboide
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Zomboide Opinione inserita da Zomboide    14 Luglio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due maghi appariranno in Inghilterra

La società magica di York è in subbuglio, il giovane Segundus ha fatto l’unica domanda che non avrebbe dovuto fare: perché la magia inglese non funziona più? Grandi del passato hanno compiute prodezze, Martin Pale, Catherine di Winchester, Ralph Stokesey e soprattutto John Uskglass, il Re Corvo che per 300 anni regnò sopra metà dell’Inghilterra. Ma quei tempi d’oro sono finiti, o così sembra, finché Gilbert Norrell, scontroso signore del nord, non anima le statue della cattedrale. Allora la profezia è vera: due maghi riporteranno la magia in Inghilterra, uno sembra essere Norrell, e l’altro?
Norrell va a Londra, vuole ridar lustro alla magia inglese, e per farsi prender sul serio riporta in vita Lady Pole. Ma dovrà stringere un patto con il Gentiluomo dai capelli lanuginosi, e nulla è senza conseguenze. E nel frattempo, anche l’istrionico Jonathan Strange trova il suo destino, è lui il secondo mago, gli dice lo straccione Vinculus, e dovrà andare a Londra a incontrare il Signor Norrell.
Siamo nel XIX° secolo, e l’ombra di Napoleone incombe su tutta l’Europa, e ora, con due maghi al suo fianco, l’Inghilterra è certa di vincere. Così Strange, ora allievo di Norrell, parte, prima per il Portogallo, poi per Waterloo, a dar manforte all’esercito, ma mentre è via capisce che il suo maestro non gli ha detto tutto, e a lui non basta, vuole conoscere la verità: perché la loro magia non può fare le meraviglie dei maghi del passato? E cercando quel potere che sembra perso, segna il suo destino, la profezia dice che riporteranno la magia in Inghilterra, ma parla anche della loro rovina.
Jonathan Strange e il Signor Norrell è il primo, fortunatissimo, romanzo di Susanna Clarke, un fantasy forse unico, in cui realtà storica e fantastica si mischiano in un’originale narrazione fuori dal tempo. Personaggi realmente esistiti, come il risoluto Generale Wellington, il folle Giorgio III o l’insopportabile Lord Byron, fanno da spalla ai protagonisti di questa storia sulla magia, tra regni fatati, schiavi senza nome e strade nascoste dietro gli specchi. L’autrice usa un linguaggio arcaico, non solo il modo con cui i personaggi si esprimono, ma la ricercatezza del linguaggio della stessa Clarke danno la bizzarra sensazione di star leggendo un testo d’epoca vittoriana, anziché un qualcosa non molto più vecchio di una decina d’anni. E questa scelta ben s’adatta alla coltre di malinconia che pesa su tutto il romanzo. Qualcosa d’inestimabile è andato perso, qualcosa il cui valore non possiamo nemmeno più comprendere. Ma non è una lettura triste, tutt’altro, l’ironia, “l’inglesità”, il mistero e la magia, tanta magia, rendono le oltre 800 pagine piacevoli, e le note con cui Susanna Clarke correda il testo, ampliano il mondo in cui Jonathan Strange e il Signor Norrell immergono il lettore, un mondo così credibile, che sembra così vicino, che potrebbe davvero trovarsi dietro il cielo, dall’altra parte della pioggia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi cerca un fantasy originale, sembrerà strano, ma se avete amato lo stile di Charles Dickens o di Jane Austen, sono sicuro che vi piacerà anche questo,
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

FrancoAntonio
14 Luglio, 2015
Ultimo aggiornamento:
14 Luglio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi ha fatto piacere leggere un commento su questo libro che, rammento, mi piacque moltissimo all'epoca in cui lo lessi. Temevo fosse uscito dal commercio. Soprattutto sono felice di vedere che Ti è piaciuto, perché, in tutta la sua follia e stranezza (comprese le note a piè di pagina come fosse un testo scientifico) ritengo che abbia un fascino unico e che, forse, meriti un maggior successo di vendite anche qui in Italia.
Una cosa è certa: è difficile battere gli scrittori britannici di letteratura inglese fantasy, per la fantasia e l'inventiva che riescono ad infilare nelle loro storie, mai banali.
PS Ho notato con piacere che la scheda mostra la copertina dark (nera con bordo pagina nera): un pizzico di stranezza in più!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Fable
La lama dell'assassina
The Falconer. La trilogia
Tredici lame
La moglie del califfo
Redemptor
Il regno delle ceneri. I libri di Ambha
Arianna
La dea in fiamme
Shorefall
Se Mefistofele sbaglia Faust
Half Lost
The witch's heart. La leggenda di Angrboda
La repubblica del drago
L'ultima missione di Gwendy
La piuma magica di Gwendy