Dettagli Recensione

 
L'allieva
 
L'allieva 2013-08-04 19:06:19 Domitilla Ganci
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Domitilla Ganci Opinione inserita da Domitilla Ganci    04 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'allieva difficile

Se qualcuno mi avesse parlato prima di questo libro, certamente non ne avrei rimandato così tanto la lettura. Purtroppo, invece, il titolo lapidario, come nel consueto stile del thriller, unito alla breve biografia dell’autrice, giovane anatomopatologa, all’uscita del libro me ne allontanarono immediatamente: adoro i labirinti del giallo, ma i particolari sanguinolenti di cui, soprattutto alcuni, sono infarciti smodatamente (mi rendo conto che siano funzionali alle storie e necessari, però…), mi impediscono di accostarmici con disinvoltura, pena…infinite nottate insonni! Ma qui il richiamo al genere è solo un pretesto. Il romanzo è frizzante e coinvolgente, ma abbastanza lontano dagli impressionanti “cugini” cui il titolo vorrebbe far riferimento. Fin dalle prime pagine Alice, la protagonista, ci trascina nelle sue tragicomiche avventure, sullo sfondo dell’Istituto di medicina legale ,in cui è specializzanda, attraverso una varia umanità fatta di giovani dottoresse rampanti, assistenti vanitosi come pavoni, irraggiungibili professori universitari, in un mondo abbastanza cinico, in cui ogni “caso”, prima di essere una persona che ha perso la vita, spesso in modo violento e misterioso, è freddo oggetto di studio, utile per dimostrare agli altri le proprie competenze e abilità e progredire nella carriera... Dopo aver avuto a che fare con bisturi e tavoli insanguinati, giovani specializzandi, medici e ricercatori riprendono la propria quotidianità, fatta anche di momenti frivoli, storie d’amore, ripicche, invidie e gelosie, come in un qualunque altro ambiente di lavoro. L’autrice dedica molte pagine alla descrizione di questo mondo, che evidentemente conosce a fondo, che ai più appare inquietante e ricco di un fascino morboso e luciferino, riportandolo ad una prosaica normalità, dove gli attori di questo straordinario teatro, lungi dal trascorrere la propria vita in un lontano lattiginoso acquario, presi unicamente dalle loro macabre indagini, come noi potremmo pensare, vanno a fare la spesa, spettegolano dei colleghi e prendono l’autobus! Fin dall’inizio della storia, Alice ha a che fare con uno strano caso: la morte di una giovane e bellissima rampolla dell’aristocrazia romana, avvenuta in circostanze nebulose e che lei ha incontrato, fortuitamente, poco prima della morte. Tale circostanza allontana Alice dalla freddezza con cui dovrebbe affrontare l’autopsia e i successivi sviluppi delle ricerche. Lo sguardo di Alice davanti al corpo inanimato della sfortunata ragazza è umano e commosso. L’inesperta dottoressa resta irrimediabilmente coinvolta nella storia e Alice non si accontenterà di analizzare campioni e processi biochimici, ma si improvviserà detective, cercando con mezzi propri (e spesso illeciti), di decifrare il mistero. Tra provette e reattivi Alice ci accompagna, attraverso una serie di avventure al limite del credibile, in cui la sua goffaggine e il suo innato talento per cacciarsi nei guai, ci faranno davvero divertire, fino alla risoluzione del “giallo”. Una volta compreso che non ci si trova dinanzi ai complessi casi dei thriller d’oltreoceano, ci si può rilassare e godersi in pace anche le derive rosa della storia (anch’esse abbastanza inverosimili: ma ti pare che Alice, tra tanti, va a incontrare proprio il figlio del suo capo, che naturalmente è bellissimo, di animo nobile e corredato di delizioso accento anglosassone e fascinosissimo lavoro di reporter…ma dai!). Davvero un libro godibile, scritto in un ottimo e piacevole italiano (non sempre capita tra i giovani autori), peccato che si legga così velocemente! Un’unica pecca: non ho capito la necessità dell’autrice di nominare continuamente marchi commerciali di abiti e accessori, che non sono necessari ai fini della storia e appesantiscono inutilmente la narrazione. Boh!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Interessante recensione, incuriosisce molto.....
E' un libro accattivante, che mescola vari elementi in modo abile ed equilibrato, è scritto benissimo e, a dispetto della mole, si legge davvero velocemente. Te lo consiglio (ma solo se non sei un integralista del thriller!).Ciao. Domitilla.
A me proprio non è piaciuto per niente!!! Il tuo commento è ben motivato quindi rispetto la tua opinione, ma le caratteristiche che a te hanno fatto apprezzare la storia a me, al contrario, l'hanno fatta "scadere" in modo irreparabile.... Un caro saluto
gracy
05 Agosto, 2013
Ultimo aggiornamento:
05 Agosto, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Quoto Francesca e sottoscrivo...un raggiro editoriale di un romance godibile spacciato per thriller è una cosa che non si fa! Domitilla premiati il tuo entusiasmo e le tue precisazioni.
Cara Francesca, capisco il tuo disappunto, poichè evidentemente non si tratta di un thriller ma di un quasi- rosa che richiama, come molti hanno osservato, i libri della Kinsella. Per i lettori che, come me, apprezzano quel genere divertente e disimpegnato (ma non leggo solo quello, sia chiaro!), il libro della Gazzola è stato una piacevole sorpresa. Coloro che si aspettavano un thriller secondo le regole, sono giustamente infuriati! Il titolo e il commento di Brunella Schisa sul retro, mandavano fuori strada, però l'accenno all'"...irresistibile miscela di ironia suspence e umorismo" e soprattutto il commento di Luciana Litizzetto (che mi ha spinto all'acquisto)sulla copertina, potevano essere un indizio sull'effettivo contenuto del libro!Ciao e grazie. Domitilla.
Grazie Gracy! Comprendo le tue ragioni e credo che il battage pubblicitario intorno a questo piccolo caso editoriale, abbia confuso i lettori, indirizzando il libro al target sbagliato! Basta leggere le recensioni sul portale, per capire quanto gli appassionati di thriller siano rimasti delusi, mentre tanti lettori come me, che hanno apprezzato il libro, inizialmente si sono ben guardati dal leggerlo, convinti che non fosse il proprio genere! Quello che so è che l'autrice ha proposto il testo, addirittura senza titolo e la casa editrice ha fatto il resto...Se posso spezzare ancora una lancia in favore di questo romanzo, è per dire che ha avuto il pregio di accostare comunque i lettori più "impressionabili" ad un genere che non appartiene loro, prendendoli per mano e placando con l'ironia le loro ansie, così da far prendere coraggio per lanciarsi verso più inquietanti letture! Ciao. Domitilla.
In risposta ad un precedente commento
GLICINE
05 Agosto, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Va benissimo qualsiasi genere di lettura.... io leggo "quasi"di tutto, ma va bene anche focalizzare la propria attenzione su un solo genere, che male ci sarebbe? Grazie Domitilla apprezzo la tua risposta, probabilmente hai ragione, le mie aspettative erano del tutto diverse...
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri