Dettagli Recensione

 
L'addio
 
L'addio 2016-03-23 07:45:11 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    23 Marzo, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Divieto di addio


Il romanzo per il contenuto mi ha ricordato molto La lucina, forse più deGli increati per la presenza del bambino e per chi rappresenta quel bambino. Anche qui il discorso è difficile: come può l’uomo spiegarsi e giustificare la sofferenza dell’innocente. Non può. Non c’è spiegazione che convinca, non c’è ragionamento, non c’è azione che la possa colmare e sanare. Nemmeno la vendetta del poliziotto giustiziere serve a nulla. L’unico balsamo è la vicinanza solidale dell’uomo al bambino, del bambino all'uomo, quell'esserci e camminare vicini. Per il resto il male è invincibile, è troppo forte, è alla radice di tutto, prima e dopo. Nemmeno in una favola si riesce a estirpare la sua radice maligna in modo da far cessare il canto dei bambini che accolgono altri bambini che in ogni momento muoiono di morte violenta. Il mondo è ingiusto, violento, marcio. Le ferite che vorremmo curare e vendicare sono le nostre stesse ferite, l’unico guadagno è tenere per mano noi stessi bambini.
Di fronte alla tenerezza dell’uomo per il bambino fa quasi un passo indietro anche l’amore che è meno presente che negli altri romanzi di Moresco. La tenerezza per il bambino riempie tutto il romanzo in modo bello e straziante e la si percepisce dal non detto, dal non descritto, dal rispetto con cui è trattato il tema da uno scrittore che di solito non ci risparmia nulla. La critica al male è radicale, c’è il male evidente dell’uomo di luce che risplende nella sua terribile ovvietà e c’è il male nascosto nelle pieghe della società, subdolo e carnivoro. C’è una descrizione della materia che rimanda alla morte, all'abiezione, al degrado come quando vengono descritti certi personaggi che mangiano, ruttano, guardano film porno come se piacere e dolore fossero strettamente legati e il male si nascondesse tra le pieghe della vita, di quella che consideriamo vita. I bambini cuciti, i bambini che cantano però sono immagini di pace, nonostante tutto. Certo, di fronte al dolore dell’innocente non c’è risposta solo umana.
Come direbbe Camus, anche se tutti dovessero morire di peste il medico resta al suo posto a fare il medico fino alla fine e pure il poliziotto e, perchè no, lo scrittore con i suoi occhi bianchi. Infatti, le parole sono importanti per combattere il male: sono il cannone, la mitragliatrice, la pistola e la bomba a mano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La lucina, gli increati, i fratelli Karamazoff, l'Idiota
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Bravo Mario, altra lettura superlarmente recensita. Bravissimo :-)
Grazie
Ciao Mario. Di Moresco non ho letto nulla. Vedo però commenti alle sue opere molto convinti e convincenti.
Le stellette attribuite sono degne dei grandi classici della letteratura. Mi domando se i suoi libri siano veramente all'altezza dei Grandi Autori oppure se tante lodi debbano essere relativizzate agli standards dei testi italiani di questi anni.
Per le mie valutazioni uso un criterio unico. Se tutti facessero così, significherebbe che mi starei perdendo perle letterarie....
Moresco è atipico, non rientra nei testi degli ultimi anni. E' una scrittura visionaria, con ripetizioni di frasi, di parole che ricorda i "canti", infatti gli Increati è stato paragonato a una divina commedia. E' come se percepisse il male del mondo e lo rendesse al lettore con una scrittura visionaria, irrazionale anche nella trama. Non so se a te piacerebbe, credo che non rientri nei tuoi gusti. Potresti provare La lucina per vedere che impressione ti fa. Non è una scrittura commerciale, per niente. E' molto sincero e per niente costruito a tavolino, per anni gli editori lo hanno ignorato anche se da qualcuno è riuscito a farsi mandare delle lettere di insulti.
Trovo molto bello il tuo commento e credo che questo testo possa rientrare tra quelli che amo. Sperimenterò....
Aspetto il tuo commento.
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri