Dettagli Recensione

 
L'ordine imperfetto
 
L'ordine imperfetto 2020-07-01 15:43:45 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    01 Luglio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Valeria, diligente spazzina del crimine

Valeria Bardi è una signora di mezza età, alta, piacente, anche se un po’ arrotondata dagli anni, bonaria e materna con coloro che le stanno a cuore, scarsamente mattiniera e amante della buona cucina. Tuttavia è anche un segugio infaticabile sul lavoro. Infatti ricopre l’incarico di Capo della Squadra Mobile presso la Questura di Firenze, anche se lei preferisce farsi chiamare “commissaria” al femminile, e svolge le sue funzioni con implacabile determinazione. Immagina sé stessa come una solerte casalinga che s’è messa d’impegno a far pulizia in tutti gli angoli luridi, con l’unica differenza che questi non sono negli ambienti di casa sua, ma a Firenze, la città che lei tanto ama.
La incontriamo per la prima volta impelagata in due spinosi casi. Il primo, appena accennato, riguarda un pezzo grosso fiorentino che fa pressioni perché le indagini che lo interessano siano riaperte, il secondo, fresco di giornata, è un brutto omicidio avvenuto in una sontuosa villa alla periferia della città. La vittima, Alfonso Nassi, ricco e potente imprenditore edile, è stato assassinato con un violento colpo alla nuca portato con un oggetto contundente non identificato. Inizialmente non c’è nessuna indicazione su chi possa essere l’autore del crimine, anche se i moventi potrebbero essere parecchi. Alfonso era un individuo che suscitava odi e invidie, ma non ci sono indiziati o, al contrario, ce ne sono troppi, ma nessuno incriminabile con prove irrefutabili.
La moglie, Tea Altieri, è separata da un mese, è fuori di casa assieme alla figlia adolescente, ospiti di una coppia di suoi amici, i dottori Giorgio Navarri e Stefano Morante, che sono stati, un tempo, innamorati di lei e, forse, ancora lo sono. Lei, però, è immobilizzata da una gamba ingessata sino all’anca forse causata da violenze domestiche. I due amici, che potrebbero aver agito per amore della donna, hanno un alibi, come pure tutti gli altri parenti di Alfonso, i suoi pochi amici e coloro che potrebbero avercela con lui per il suo comportamento da spietato squalo negli affari.
Le indagini proseguono lente e in modo ondivago, sino a quando alcune intuizioni di Valeria e un paio di nuove, drammatiche circostanze consentiranno di svelare quanto è realmente accaduto, oltre a portare alla luce una serie di brutte vicende connesse.

“L’ordine imperfetto” non è un vero e proprio romanzo giallo, inteso come un enigma che il lettore è invitato a risolvere assieme agli inquirenti. Non segue, cioè, le famose venti regole teorizzate da Van Dyne né fornisce, puntualmente, gli indizi e le tracce per sbrogliare la matassa.
È da classificare, piuttosto, come un attento resoconto di una indagine poliziesca, che procede con i tempi reali, secondo schemi concreti e credibili, seguendo tutte le piste, anche quelle che si riveleranno false. Non ci sono subitanee scoperte, prodigiose rivelazioni scientifiche o folgoranti illuminazioni. In uno stile formalmente impeccabile l’A. ci presenta la squadra investigativa e i protagonisti del crimine con diligente cura, mostrandoci le loro personalità e introducendoci con garbo nel loro mondo. Così, mentre facciamo la conoscenza con la Commissaria, con l’Ispettore capo Manuele Belgrandi, non tanto segretamente innamorato di lei, e con tutti gli altri agenti, veniamo messi a parte degli indizi che lentamente si accumulano nel fascicolo di indagine. Scopriamo, assieme agli inquirenti, i misteri che circondano Tea, i suoi due spasimanti, Giorgio e Simone, il defunto Alfonso e lo sporco mondo in cui agiva.
Complessivamente si tratta di un romanzo gradevole che si lascia leggere con facilità e piacere. Come detto non ci sono colpi di scena o azioni mozzafiato, ma la storia corre tranquilla e sicura sino al finale, eticamente auspicabile, senza far perdere al lettore interesse o voglia di proseguire.
Forse l’unica pecca che ho rilevato è un certo distacco nella narrazione. Pur assaporando con piacere l’umanità dei personaggi, apprezzando l’accurata descrizione dei caratteri e della città, ho fatto fatica ad appassionarmi, a immedesimarmi in qualcuno o nella storia in sé stessa. Storia che ho sentito un po’ impersonale e fredda.
Però Valeria e la sua squadra suscitano simpatia e, tutto considerato, ritengo che sarebbe interessante farne una conoscenza più approfondita in nuove indagini letterarie, anche in virtù della prosa, veramente elegante e perfetta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Bell'abissina
Intrighi e morte sull'Adda
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Chi si ferma è perduto
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio