Dettagli Recensione

 
Nessuno sa di noi
 
Nessuno sa di noi 2013-11-10 07:28:42 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    10 Novembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ombra di Medea

Nella cinquina finalista del premio Strega 2013, “Nessuno sa di noi” è un romanzo cha affronta un argomento delicatissimo: quello dell’aborto “terapeutico” e dei connessi conflitti personali, morali e psicologici.
La storia si sviluppa in due parti. Nella prima si narrano gli eventi: la promessa di una maternità che finalmente si realizza dopo tanti tentativi (“Il fatto è che io questo figlio lo voglio”; “Non lo voglio un pecorone che segua il branco, voglio che si distingua e che pensi con la sua testa. Bello o brutto, basso o alto, etero o omo, non fa alcuna differenza. Lo voglio speciale, e con un cuore immenso”), la scoperta – durante una visita di controllo – dell’anomalia genetica del feto (“Displasia scheletrica”; “So che gli acondroplastici sono quegli individui comunemente definiti nani”), la sofferta decisione di ricorrere all’aborto terapeutico.
Nella seconda parte si affrontano le conseguenze della decisione assunta da Luce e Paolo: le ripercussioni sul rapporto di coppia (“Vedo ogni giorno dissolversi quello che c’è tra noi”), l’interiorizzazione del senso di colpa, il suo sbocco, se di sbocco si può parlare…

Quanto alla tecnica narrativa, alle parti descrittive del romanzo vengono intervallate parti in forma espistolare: perché Luce è giornalista, tiene una rubrica su un settimanale (“Leggo sempre la sua rubrica. Mi fa compagnia una sera a settimana…”) e a lei scrivono molte donne. Poi, alle lettere della rivista subentrano le mail del forum “lospaziorosa.com”, che Luce frequenta, alla ricerca di conforto e risposte, attanagliata dal proprio senso di colpa.

Il tema dell’aborto terapeutico è affrontato con una sensibilità che mette in luce i tragici interrogativi che esso pone (“un medico obiettore di coscienza definisce improprio il termine terapeutico accostato all’aborto che si pratica per interrompere la gestazione di un feto affetto da un’anomalia cromosomica” … “si tratta di infanticidio, specifica. E spiega che bisognerebbe insegnare ai genitori ad accettare l’handicap, a valutarlo nella sua completezza, prima di ricorrere a scelte così definitive”).

Anche la dinamica del senso di colpa (“Da cosa crede che dipenda allora il suo senso di colpa?”), l’elaborazione del dramma (“Come si possa sentire una mancanza del genere per qualcuno che non abbiamo mai conosciuto”) e la progressiva consapevolezza che interviene dopo una decisione per forza di cose repentina (“E’ un essere puntiforme e luminoso. Lo vedo circondato da un’aura dorata. Un essere uterino e celestiale che emana una luce calma e costante”) sono analizzate in modo originale, con profondo rispetto per il pluralismo ideologico e nella piena coscienza del relativismo decisionale e del soggettivismo. Con un occhio puntato al complesso di Medea.
Un libro che fa molto riflettere. Un libro che può far soffrire.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... l'indimenticabile "Lettera a un bambino mai nato" della Fallaci
Trovi utile questa opinione? 
320
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

9 risultati - visualizzati 1 - 9
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

gracy
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
"rispetto per il pluralismo ideologico e nella piena coscienza del relativismo decisionale e del soggettivismo."
esatto....inutile dire quello che ha rappresentato per me questa lettura quasi perfetta!
un tema delicato e difficile, che bisogna affrontare con sensibilità e rispetto, qualunque siano le decisioni verso le quali si sia inclini. Sono d'accordo, un libro che può far soffrire.
In risposta ad un precedente commento
gracy
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Certo Annamaria, il rispetto senza atteggiamenti di megaego, sai salta fuori sempre la wonderwoman di turno:D
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Un plauso a te Bruno, che sai proporci delle analisi profonde e sempre rispettose nei confronti di tutti...tu sei una presenza preziosa qui.
Pia
si, è vero Gracy.... a volte risulta irresistibile porsi al centro dell'attenzione anche in casi come questo. Come sempre tutto sta alla personalità di ognuno.....
In risposta ad un precedente commento
gracy
10 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Annamaria :)
Vari critici e anche un'utente del sito hanno definito lo stile del romanzo stereotipato, ma vedo che tu gli hai dato il massimo, paragonandolo addirittura alla Fallaci. Interessante!
mi manca, lo dovrò leggere.
ricordo la fallaci, un libro che ho letto dopo aver avuto i miei figli. un secolo fa.
ricordo la scelta di una donna che soffre per la perdita, ma che non vuole legami e vincoli alla sua libertà.
bravissimo bruno
Bruno Elpis
11 Novembre, 2013
Ultimo aggiornamento:
11 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Gracy e Annamaria: ho letto con attenzione il vostro scambio. Se vogliamo aggiungere problema a problema, potremmo parlare anche del ruolo e della figura dell'uomo/compagno... L'autrice parla anche di questo nel suo romanzo. :-)

@ Pia: tolleranza, democrazia e pluralismo delle idee sono per me valori assoluti. Quando li vedo variamente riflessi in un libro, non posso che apprezzarlo. Grazie :-)

@ Cristina e Paola: la Fallaci l'ho citata più per connessione/contiguità di argomento che per affinità di stile. "Lettera a un bambino" è un libro indimenticabile che vide la luce in un momento storico nel quale il dibattito sull'aborto accompagnava quello di approvazione della legge relativa. E Oriana Fallaci è un'icona. Lo stile della Sparaco è lucido e razionale nell'organizzare una storia difficile, ma sa vibrare quando maneggia contenuti ad alta carica emotiva. :-)
@ Cristina: non cercare la coerenza nei voti che attribuisco! In genere li assegno sulla scia dell'onda sentimentale scatenata dalla lettura recente. :-)

Grazie a tutte per la bella discussione che ne è nata. :-)
9 risultati - visualizzati 1 - 9

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
Le perfezioni
Domani e per sempre
In tua assenza
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
L'anno capovolto
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR
Lingua madre
Per sempre, altrove