Dettagli Recensione

 
Il bordo vertiginoso delle cose
 
Il bordo vertiginoso delle cose 2013-12-24 14:52:44 gracy
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
gracy Opinione inserita da gracy    24 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le storie sono un pezzo di mondo

“Il bordo vertiginoso delle cose” (la citazione è da un verso di Robert Browning, “a noi preme soltanto il bordo vertiginoso delle cose”), si staglia quasi come un accorato bisogno di raccontare una storia vissuta, una storia sofferta, quasi al capolinea e quasi accorata.
Enrico Valenti è uno scrittore di grido che dopo aver pubblicato un solo libro non trova più la sua ispirazione e si ritrova a fare un lavoro “sporco”, senza slancio e senza talento, quello di ghost writer, giusto per far quadrare i conti e soffocare l’angoscia tutte le volte che gli chiedevano quando sarebbe uscito il suo prossimo romanzo.
Come l’avvocato Guerrieri nel suo ultimo “Le perfezioni provvisorie” , si avvale degli spazi temporali per raccontarci la sua storia. I flashback si alternano in capitoli che sono suddivisi in ordine cronologico, quando Enrico Valenti adulto si confessa, e in capitoli che portano il nome “Enrico”, che rappresentano il passato adolescenziale del protagonista ai tempi del liceo, quando per caso viene a contatto con le rappresaglie di sinistra negli anni di piombo e vive la struggente passione per la giovane supplente di filosofia.

“Non ero mai stato un adolescente felice – qualcuno lo è?”

Enrico Valenti appare un essere macilento che girovaga nel buio, barcolla in virtù del passato che lo ha segnato come uomo, un po’ fiacco e distrutto.
Gli basta leggere una notizia sul giornale per capire che finalmente è arrivato il momento di fare i conti col passato e dare le risposte ai quesiti insoluti ormai datati quasi vent’anni, col rischio di precipitare del tutto o di ancorarsi al trampolino e oscillare senza scivolare.

Pochi personaggi che ruotano nella storia di Enrico, sicuramente i minori, sono quelli che danno forza alla trama autobiografica, come il barbiere e il professore-pescatore in pensione.

Gianrico Carofiglio mantiene il perfetto equilibrio nella narrazione, avvalendosi dei contenuti di molti autori, da Tonio Kröger a I Buddenbrook di T. Mann, dal revisionismo di Marx a Gramsci, da Fitzgerald “Nella vera notte buia dell’anima sono sempre le tre del mattino” all’ironia pungente dei Peanuts, da Hegel a Schopenhauer, da Platone a Jackson Pollock, da Mellville a Conrad…e così via. Una bravura fin troppo perfetta e indiscutibile.
Ma il succo della storia in sé mi ha delusa, forse è mancata la forza trascinante e intrigante che richiedeva una trama così articolata e ricca di spunti. Perdersi nei meandri delle letterature altrui e poi scivolare con troppa semplicità in una storia troppo scontata e prevedibile, con finale aperto compreso, l’ho trovato fin troppo facile.

Un tentativo di allontanarsi sempre di più dall’essere scrittore di gialli che aveva trovato un felice approdo con “Il silenzio dell’onda”, che ritengo davvero magistrale rispetto a quest’ opera, per non parlare del racconto noir di “Cocaina” , il più bello che ho letto quest’anno, che ha superato di gran lunga Carlotto e De Cataldo per la sua completa bellezza.
Giusto per fare una puntualizzazione, a me il Carofiglio noir è quello che piace, quello che meglio sa discernere le storie e le sa esprimere con i perfetti criteri di giudizio, pacato, intelligente e sicuramente più coinvolgente e meno banale.

“E allora che pensieri l’hanno portata sull’orlo del molo, a rischio di finire nell’acqua fra i cefali?”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
300
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Bella recensione controcorrente, Gracy! :)
Cristina72
26 Dicembre, 2013
Ultimo aggiornamento:
27 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella rece, equilibrata e obiettiva!
gracy
26 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Robbie e Cristina
grazie!!!
@Robbie
Ti assicuro che di libri come questo nelle librerie ne trovi a iosa, non capisco il dispiegamento di stelle...de gustibus :D
Bella recensione Gracy....concordo con Cristina...davvero obiettiva. Brava!!!
In risposta ad un precedente commento
gracy
28 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Little Dorrit
thank you!!!
Ho iniziato a leggere questo libro spinto dalle super recensioni che avevo letto inizialmente, ieri l'ho finito e sinceramente non capivo i bei voti che gli avevano dato, sicuramente è una bella lettura ma non così eccezionale..
Oggi sono tornato sul forum per vedere se altri lo avessero letto e quando ho letto la tua recensione mi sono trovato pienamente d'accordo con le tue riflessioni.
Sopratutto sul fatto che di libri come questo se ne trovano a iosa in libreria!!
In risposta ad un precedente commento
gracy
11 Gennaio, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Si Jaku, lettura che ti scivola e che si dimentica velocemente, certo urlare al capolavoro è un azzardo! Tranquillo, non siamo gli unici a non aver apprezzato appieno questo "anarchico" Carofiglio, che è più interessante quando scrive noir.
... ma anche i personaggi minori, alla fine, si possono riporre nel dimenticatoio schiacciati da una trama piatta e "ovvia"....
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri