Dettagli Recensione

 
Saltatempo
 
Saltatempo 2014-05-30 10:47:31 enricocaramuscio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    30 Mag, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia, politica e malinconia

Un pezzo di storia italiana, dagli anni cinquanta fino alla strage di piazza Fontana, raccontata dalla penna critica, ironica, surreale e malinconica di Stefano Benni. Gli echi delle gesta partigiane aleggiano ancora nell'aria, la contrapposizione tra comunisti e fascisti è molto forte, la politica si fa dappertutto, al bar, al lavoro, in casa, tra i banchi di scuola. Il boom economico trasforma radicalmente la vita, la mentalità, perfino la stessa terra, ma non sempre progresso è sinonimo di miglioramento. Saltatempo è un ragazzino bizzarro e un po' incantato, dotato di uno speciale marchingegno, un orobilogio, che gli permette di intravedere spezzoni di futuro. Orfano di madre e figlio di un falegname comunista e beone cui è molto legato, cresce, si forma, fa le sue esperienze e diventa uomo in un periodo storico topico e delicato come questo. Dalle scuole elementari fino alla scelta della facoltà universitaria, lo accompagniamo nel suo percorso di vita tra sacrifici e rinunce, studio e lavoro, amori e amicizie, pesca e letture, calcio, sogni e rock’n’roll. Sono i tempi di Jim Morrison e di Sartre, delle assemblee e delle occupazioni, dell'amore libero e dell'emancipazione sessuale, della lotta di classe, delle manganellate, dell'eroina. Tempi al contempo belli e difficili, tempi di grandi speranze in cui però era facile perdersi, in cui bastava restare in acqua un attimo in più per essere trascinati giù dalla corrente. Saltatempo vedrà gente smarrirsi per strada, tremerà di rabbia davanti alla cementificazione selvaggia, si indignerà scoprendo quanto in basso è pronto a scendere l'uomo in nome del guadagno. Vedrà il mondo trasformarsi, cambiare padroni e intraprendere quella strada fatta di avidità, consumismo, corruzione politica e assenza di ideali che purtroppo ancora oggi continua imperterrito a percorrere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Bel commento, Enrico. Benni è un autore molto interessante e si rivolge a un pubblico molto vasto, ma non per questo poco qualificato....
Grazie Anna Maria...per me è la seconda esperienza con Benni dopo La compagnia dei Celestini, ma questa volta volta mi ha entusiasmato molto di più rispetto alla precedente...
Bellissima questa recensione Enrico...Benni mi ispira molto....:D
Grazie Marcella...io ero un po' scettico invece alla fine mi è piaciuto molto
In risposta ad un precedente commento
Raffa73
31 Mag, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Bravo Enrico, anche io ero scettica, ma comincio a ricredermi
Grazie Raffaella :-)
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti
Padri
Quaderno proibito
Lei che non tocca mai terra
Il gioco delle passioni