Dettagli Recensione

 
Non avevo capito niente
 
Non avevo capito niente 2015-01-04 22:06:37 Vincenzo1972
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vincenzo1972 Opinione inserita da Vincenzo1972    05 Gennaio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Malinconicamente ... Vincenzo

Vincenzo Malinconico: già il fatto che porti il mio stesso nome m'ispira un sentimento d'istintiva empatia nei suoi riguardi per la disgrazia che ci accomuna sin dalla nascita e contro cui (almeno io, non so lui) non ho potuto ribellarmi visto che, nel momento in cui i miei genitori hanno pronunciato all'unisono 'Vincenzo' al ginecologo che mi ha portato alla luce, nessuno dei presenti in quel luogo
è riuscito a tradurre dal ueè-ueèese le mie urla disperate nel loro vero significato, ossia 'Ma che diamine di nome mi state affibbiando, ma vi rendete conto? Ma ci pensate al mio futuro? E perchè non scegliete.. che so Mattia, o Joe.. già, Joe.. breve, conciso, affidabile e serio.. un nome, una garanzia.. è statisticamente provato che uno che si chiama Joe fatica il 90% in meno di uno che si chiama Vincenzo per conquistare una donna.. e allora cosa volete? che rimanga scapolo a vita? ecco, è questo che volete?"
Solo l'ostetrica di turno sembrava aver intuito qualcosa nel mio pianto.. chissà quanti ne aveva sentiti.. ma non intervenne, la stronza.
E potrei raccontare molto altro in proposito, potrei scrivere un libro sulla disgrazia di chiamarsi Vincenzo.. ma sarebbe una digressione troppo ampia, ben più ampia delle innumerevoli digressioni presenti in questo libro di De Silva. Anzi direi quasi che il libro è una raccolta di digressioni intervallate da una storia; divagazioni piacevolissime, mai noiose, che spaziano dalla musica alla camorra, dall'amore ai panini di Burger King, rese ancor più gradevoli dall'umorismo dell'autore che seppur non dotato della carica cabarettistica di un Benni, per esempio, riesce spesso e volentieri a strappare un sorriso.
Si chiama patologia del narratore incoerente:

"Il fatto è che io sono un narratore incoerente. Non si può fare affidamento su di me. M'interessano troppo le chiacchiere incidentali che ti portano da un'altra parte. Quando racconto, sono come uno che cerca una bolletta nel cassetto delle ricevute. Prima tasto un pò, tanto per prendere confidenza con il materiale organico, poi pesco a casaccio, sperando di prenderci. Ovviamente non prendo, e comincio a raspare. Mescolo. M'incanto. Faccio mucchietti. Scopro bollette che non c'entrano e ci penso sopra. Guardo la data stampigliata su una ricevuta di ritorno, riconosco la calligrafia di quand'ero più giovane (avete notato come mostrano gli anni, le calligrafie?) e cerco di ricordarmi dov'ero e cosa facevo quando l'ho spedita. Se stavo meglio o peggio. Se mio figlio era già nato. Che odore aveva casa nostra. Chi erano i miei amici. Mi piace rivedermi negli avvisi di ricevimento. Penso che siano più attendibili delle foto. Tutto questo per dire che ho una cattiva tenuta di strada dei pensieri. Infatti credo che la mia patologia, in fondo, non sia altro che un saltuario collasso di questa inclinazione naturale. Mi prendo parecchie scappatelle dai discorsi che faccio, ecco."

E la storia? La storia è quella di un uomo, avvocato e marito senza successo, che trascina la sua esistenza sotto i colpi di un destino avverso ed alla mercè dei capricci della moglie..
sino alla svolta, quella che il destino ti offre quando meno te l'aspetti e che va presa al volo, senza troppe esitazioni... ed allora riacquisti dignità, speranza, quello scatto d'orgoglio a lungo represso e mai assecondato.

"Vaffanculo, penso. Ecco quello che penso. E' questa la parola che viene spontanea quando capita che ti senti inaspettatamente felice, tutt'a un tratto."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
gracy
05 Gennaio, 2015
Ultimo aggiornamento:
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ahahahah che bel commento!! Anche a me è piaciuto. Molti lo hanno stroncato, io l'ho trovato molto divertente e originale.
Bel commento, divertito tu dal libro, divertente tu nel recensirlo.
Non disperare, ci sono nomi peggiori, e accoppiate nomi-cognomi terrificanti.
Bravo e simpatico.
Saluti
siti
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
L'umorismo dell'autore ti ha ispirato. Divertente recensione. hai pure amplificato il potere e le potenzialità del tuo nome...e chi ti dimentica più!!
In risposta ad un precedente commento
Vincenzo1972
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille.. non avrei mai pensato che il mio nome potesse essere utile a qualcosa.. se vi ha divertito ne sono molto contento.. ma non mi illudo, tra qualche giorno tornerà ad essere il solito insignificante ... Vincenzo...
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Che piacevolezza leggerti caro Vincenzo, un nome che io trovo "elegante"...
Non disperare; io non ho mai amato il mio nome di sole 3 lettere ; Pia...finchè un giorno l'ho sentito pronunciare in un modo dolcissimo, che mi ha lasciata ammaliata...conclusione? Me ne sono innamorata...
Ciao e grazie...
Pia
In risposta ad un precedente commento
Vincenzo1972
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Più che disperarmi, sono rassegnato carissima Pia...
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Io per esempio quando lo sento dire alla meridionale Vincè...bellissimoooo
In risposta ad un precedente commento
Vincenzo1972
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Se dovessero leggerti i miei genitori sarei spacciato.. dopo che ho rinfacciato loro per una vita questa scelta poco felice nonostante continuassero a ripetermi quanto fosse bello come nome... gliel'ho fatto pesare così tanto che adesso si portano dietro un senso di colpa enorme.. hanno persino rinunciato a chiamarmi Vincenzo preferendo la forma abbreviata Enzo.. immaginando forse che abbreviandolo possa diventare più accettabile per me...
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
05 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
E allora doppiamente spero ti capiti quello che è successo a me...ciao...
Pia
Molto divertente questa tua recensione. Naturalmente, come agli altri, mi è piaciuta soprattutto la prima parte, quella relativa al nome. Anch'io ho sempre pensato che la maggior parte dei genitori fosse "ubriaca" quando ha deciso il nome per i propri figli. Nome che, molto spesso, non corrisponde assolutamente alla persona che lo porta (altro che "Nomen omen"...) Ognuno dovrebbe, una volta adulto, decidere di farsi chiamare con un nome che gli piaccia o che gli corrisponda. Va beh, che ci vuoi fa?!? C'è di peggio. Il destino, oltre che per il nome, ci prende in giro in continuazione, c'est la vie.
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri