Dettagli Recensione

 
Smith&Wesson
 
Smith&Wesson 2015-01-29 19:56:57 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    29 Gennaio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tom & Jerry

“Smith & Wesson” (di nome sono Tom & Jerry!) sono gli originali interpreti di quest’opera di Alessandro Baricco.
Wesson vive in prossimità delle cascate del Niagara (“Ho un chiosco, giù, alle cascate… souvenir”), conosce il fiume (“Guardo i colori e guardo come si muove il fiume, quanto è alto, quanto è veloce…”) e ivi pratica un’attività inconsueta (“Lei negli ultimi ventiquattro anni ha ripescato 127 corpi dal fiume…”).
Smith giunge lì per sfuggire a un passato truffaldino (“Sta di fatto che è ricercato per debiti in quattro stati dell’Unione”).

Ai due strani tipi si associa “Rachel Green… inviata del San Francisco Chronicle”.
La ragazza è alla ricerca di un’affermazione come giornalista e scrittrice (“Allora la notizia la creo io”) ed è disposta a tutto pur di emergere. Emergere nel vero senso della parola, visto che i tre squattrinati (“Bene, coi miei fanno in totale circa diciannove dollari”) insieme concepiscono un’impresa folle: Rachel tenterà un salto dalle cascate in una botte di birra (“Bisogna infilare quella ragazza in qualcosa che galleggi…”) e verrà ripescata da Wesson (“C’ho la mappa in testa. La mappa del fiume. Me la sono costruita a forza di provare…”).
All’inventiva di Smith viene invece affidata la messa a punto dei dettagli tecnici del grande salto (“Le ho applicato alla parete della botte un carillon, quando parte lei tira la cordicella, lui inizia a suonare. La carica dura tre minuti e dodici secondi: è il tempo che lei ha prima che finisca l’aria”).

Sullo scenario delle “Tre sorelle” (le isolette nel fiume), di Tower Rock e di Great Falls (“Per lui quelle non erano cascate, erano un palcoscenico”) si scatena un finale apoplettico (“Sono cinquanta metri che finiscono all’inferno, Wesson!”): mentre il teatro si trasforma in botte, gli spettatori puntano i loro occhi atterriti sulla sorte di Rachel e Smith & Wesson si trasferiscono in Messico (“Smith & Wesson, spara con noi”)...

La storia è piuttosto coinvolgente: inscena le paure (“Non ho mai sofferto di vertigini, giuro”) e il dramma umano della ricerca della fama e del successo attraverso la spettacolarizzazione delle proprie abilità (“Seminiamo immaginazione, e follia e talento”) e dei propri istinti naturali di affermazione.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Bella la pennellata dell'"emergere" e verissimo il pensiero sulle paure, che per più di un personaggio del libro sono il vero cuore della storia, al di là delle apparenze! ;-)
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri