Dettagli Recensione

 
La verità della suora storta
 
La verità della suora storta 2016-01-22 08:37:15 evakant
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
evakant Opinione inserita da evakant    22 Gennaio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA SUORA (STORTA) E' LA CHIAVE DI TUTTO

“Non sta mai ferma,
è sempre indaffarata...
e nasconde qualcosa.”


Ormai Vitali è una garanzia:
garanzia di una trama vivace, scorrevole e mai scontata;
garanzia di passare alcune ore staccando la mente da tutto;
garanzia di ironia, acutezza e di una dota innata nel saper raccontare delle vite di tutti noi.
Sono le persone normali quelle che Vitali ci racconta: non improbabili eroi bellissimi e temerari, non improbabili eroine bellissime e soavi, ma donne di mezza età, marescialli dei carabinieri, giovani sfortunati ma che si affacciano con fiducia e buona volontà al futuro.

Siamo nel 1970 e il giovane Sisto sta aspettando dentro la sua macchina alla stazione di Bellano, lui è l'unico tassista del paese e sta per arrivare il treno da Milano.
Dal treno scende una donna, apparentemente vecchia, che chiede di andare al cimitero, non c'è mai stata, Sisto l'accontenta, ma giunto a destinazione si accorge che la donna è morta. Lì, sul suo taxi.
Indispensabile sarebbe identificarla: non ha con sé documenti, non ha detto chi andava a trovare al cimitero, ha scambiato solo pochissime parole con Sisto e nemmeno il ritrovamento della sua borsa, verso sera, sul treno che torna a Milano, da indizi...nemmeno lì i documenti.

Il maresciallo Riversi (e non Pezzati come riportato nel riassunto...) inizia a indagare sulla possibile identità della donna: secondo l'esame del medico aveva la sifilide, e aveva avuto un figlio, o una figlia, e quindi forse da qualche parte qualcuno la sta cercando. Nella sua tasca una foto: la donna da giovane, l'avvocato Agliati e lei, la suora storta, quella che lavorava all'ospedale di Bellano, quando non era ancora suora e non era ancora storta.
Sarà lei la chiave di tutto.

La storia corre parallela a quella del giovane Sisto, orfano cresciuto in parrocchia e avviato nell'officina dello Scaton, burbero e bestemmiatore, di poche parole ma che saprà essere per Sisto quasi un padre.
Parallela anche la necessità del maresciallo Riversi di dare un nome, una storia, di ridare dignità ad una donna sola, morta su un taxi in un paese sconosciuto, e trovare cosa potesse mai c'entrare in tutto questo la suora, quella storta.
Il tutto con il solito stile fresco, un libro divertente, leggero ma acuto.
Lo si legge in un fiato e non ci si annoia mai.
Forse il finale questa volta non è proprio originalissimo, e Vitali non ricorre ai soliti nomi strampalati, ma il titolo “La verità della suora storta” incuriosisce già abbastanza il lettore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri lavori di Vitali
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Mi permetto di fare uno dei migliori complimenti che un lettore possa ricevere: mi hai convinta a leggere questo libro!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri