Dettagli Recensione

 
La leggenda del ragazzo che credeva nel mare
 
La leggenda del ragazzo che credeva nel mare 2018-08-13 15:12:37 Chiara77
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    13 Agosto, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Donarsi alla vita con la certezza di essere accett

Marco ha compiuto da poco 18 anni e lavora in una piscina come addetto alle pulizie.
È grazie a questo impiego che viene a contatto con il mondo dei tuffi e con le persone che li praticano. È attratto in particolare da una ragazza, Virginia, ed inizia a sentire una forza misteriosa che lo chiama sul trampolino e lo fa provare a tuffarsi.

“Lentamente, il tuffatore si era sollevato in punta di piedi, poi aveva piegato leggermente le ginocchia e si era lanciato all'indietro. Marco l'aveva visto ripiegarsi su sé stesso come un fiore al tramonto e roteare nell'aria, sospeso: una, due, tre volte, come una girandola di luce. E in quel momento aveva capito che tuffarsi in quel modo era come donarsi alla vita con la certezza di essere accettati. Era appartenere al mondo per diritto e ottenerne l'ammirazione: proprio tutto ciò che gli era sempre mancato nel corso della vita […].”

Marco infatti si porta dietro, pur essendo molto giovane, un bagaglio di sofferenza e privazione. È stato abbandonato alla nascita ed ha trascorso l'infanzia e l'adolescenza tra un rifiuto e un altro, girovagando da una famiglia affidataria ad un'altra: ha provato la solitudine, il dolore e l'abbandono.
Eppure adesso, attraverso i tuffi, ha capito, per la prima volta, che può esistere qualcosa di prezioso per cui lottare e da cui ottenere, forse, un riscatto.
Ma un'altra brutta sorpresa attende il povero Marco: di nuovo un episodio sfortunato e negativo gli farà mettere in dubbio la possibilità di diventare un tuffatore.
A causa dell'incidente il ragazzo conosce una bravissima fisioterapista, Lara, che si comporta con lui in modo opposto rispetto a come tutti fino a quel momento l'avevano trattato. Lara lo prende a cuore, lo vuole aiutare; addirittura lo vuole portare al suo paesino, a Sarcola, perché la sabbia e il mare possano avere un effetto positivo sulla sua salute. Ma sarà solo per questo? Oppure ci sono altre motivazioni per cui Lara vuole tornare al suo paese dopo quasi vent'anni e portare con sé Marco?
Vorrei lasciar scoprire all'eventuale lettore gli altri tasselli della trama e il finale del romanzo.
Avevo letto ed amato il primo libro di Basile, “Lo strano viaggio di un oggetto smarrito” che, in effetti, ha con questo alcune affinità, ad esempio il sapore dolce di una storia ammantata di buoni sentimenti, quasi una fiaba moderna.
“La leggenda del ragazzo che credeva nel mare” tuttavia non è riuscito a coinvolgermi come l'altro romanzo, vi ho letto anche una certa dose di retorica, qualche elemento troppo scontato che più che attrarmi mi ha respinto. Mi è sembrato, in alcuni punti, veramente troppo banale e carico di luoghi comuni.
È comunque una lettura scorrevole e piacevole, che lascia qualche traccia di salsedine e un po' dell'azzurro intenso del mare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Non conosco questo autore e, in verità, la trama incuriosisce... :)
In risposta ad un precedente commento
Chiara77
13 Agosto, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
L'autore si caratterizza per scrivere queste fiabe moderne, dalle trame in effetti ricche di emozioni e amore. Mi piace, però ho preferito il primo libro, come ho scritto nella recensione. Comunque te li consiglio entrambi.
Ciao Chiara, a me è successo il contrario, ho adorato questo libro e quindi ho letto anche l'altro e devo dire che anche se mi è piaciuto non mi è arrivato al cuore come questo. Che Basile dia il meglio di sé alla prima lettura!?!
Fede
In risposta ad un precedente commento
Chiara77
14 Agosto, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Federica, può darsi... aspettiamo il terzo allora, magari ci farà di nuovo l'effetto della prima lettura! ;))
Un caro saluto,
Chiara
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri