Dettagli Recensione

 
Città irreale
 
Città irreale 2019-08-12 10:17:06 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    12 Agosto, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alina

Il suo nome è Alina e ha ventisette anni. È nata a Roma e per molto tempo ha cercato di diventare inglese nonostante il profondo legame che la lega alla sua città natia. È una persona incostante che per tenersi viva fa tante cose, anche sbagliate. Evita con cura tutto quello da cui non può tornare indietro, anche l’Italia che ha lasciato da molto tempo. Quando è arrivata a Londra, Miwa ha dovuto spiegarle tutto perché nemmeno come si facesse un foglio Excel si ricordava.

«Mi ha dovuto spiegare tutto da capo Miwa, perché io nel mio piccolo avevo qualcuno sotto di me che si occupava di queste cose, a Roma. Non lo rimpiango mica, preferisco stare in quel palazzo alto che si dà arie da fucina di talenti con uno stipendio da multinazionale che sottopormi a quel processo di stagionatura lenta che qualcuno in Italia chiama carriera. Soprattutto nel nostro settore, dove non salviamo certo vite umane ma al limite facciamo sapere in giro se qualcuno l’ha fatto, tanto vale fare le cose in grande.»

Perché lei nella capitale un buon lavoro lo aveva, aveva anche i suoi sottoposti, ma non riusciva ad avere quella pazienza di tanti colleghi per fare una carriera che sarebbe stata incapace di renderla felice. È giovane la protagonista del romanzo d’esordio di Cristina Marconi ma ha anche le idee chiare: Roma non è il luogo in cui poter essere felice. Le sta stretta, ha bisogno di evadere, ha bisogno di realizzarsi, vuole distinguersi dagli altri, è ambiziosa. E allora trova il coraggio di andarsene e di vivere la sua vita da un’altra prospettiva, non ha più niente a trattenerla.
E così siamo a Londra in un continuo di salti temporali, attimi che scorrono, realtà che si contrappongono a quella che conosciamo. Osserviamo le fasi dell’ambientazione dell’eroina, con quegli appartamenti condivisi o di periferia dove la notte siamo accompagnati da sconosciuti occasionali e un bagaglio di pensieri, scrutiamo le nostre più intime contraddizioni, vediamo il nostro paese da un differente punto di vista ma ci rendiamo anche conto che perfino nel luogo che crediamo essere più libero e trasgressivo ci si può sentire soli e in bilico tra le tante identità che indossiamo quando la libertà ci abbraccia. E c’è anche l’amore, quello di Iain che sarà una storia tutt’altro che facile e che porterà Alina a doversi confrontare con un altro e ulteriore mondo a quelli che già ha conosciuto. In questo contrasto di universi che si incontrano, riuscirà questa relazione a riportarla alla sua dimensione?
Amicizia, amore, ricerca della propria identità, ambizione, voglia di realizzarsi, abbandono, sono soltanto alcune delle tematiche che l’autrice affronta in questo non impegnativo scritto mediante uno stile semplice e fluente che accompagna e conduce senza troppe difficoltà il lettore. Purtroppo, però, per quanto ne riconosca le potenzialità non sono riuscita a lasciarmi completamente coinvolgere dalle vicende e soprattutto dalla storia, circostanza, questa, che ha inevitabilmente influito sul mio grado di piacevolezza dell’opera.
Da sottolineare, in conclusione, che il testo si ferma volontariamente al 2016 e quindi a prima della Brexit.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri