Dettagli Recensione

 
Vincoli. Alle origini di Holt
 
Vincoli. Alle origini di Holt 2018-11-10 07:00:24 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    10 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un’ unica storia, tante altre storie....

“ Vincoli, alle origini di Holt “, ( 1984 ) segna l’ esordio letterario di Kent Haruf e l’ inizio della poetica di un luogo ( Holt ) attraverso il fluire del tempo ( il ‘900 ) in una relazionalita’ scandita da gesti ripetuti e definenti.
Qui nasce e declina il racconto nella voce di un vicino di casa, Sanders Roscoe, riappropriatosi di una trama tinta di noir, la storia della famiglia Goodnough, partendo dalla pionieristica migrazione di fine ‘800’ alla ricerca di un tetto e di un pezzo di terra da coltivare.
Holt si affaccia su un angolo sperduto del Colorado, una terra piatta, brulla, arida, appartenuta agli indiani, una maledetta distesa sabbiosa, con poche case, e la vita dei Goodnough, agricoltori, si trascinerà’ nella imprevedibilità e durezza della storia, il Proibizionismo, la Grande Depressione, la Seconda Guerra Mondiale, il dopoguerra fino agli anni ‘70, epilogo del racconto.
Oggi Edith è una vecchia signora dai capelli bianchi scampata miracolosamente ad un evento inderogabile e necessario, accusata di un crimine ed in attesa di processo, il fratello Lyman è morto, i suoi genitori lo sono da parecchi anni.
Il respiro del romanzo non possiede ancora la linearità narrativa e l’ intreccio relazionale di ” La Trilogia della pianura “ ne’ la scarna ed intima essenza di “ Le nostre anime di notte “, ma esprime già un gusto poetico definente, quella miscela di silenziose presenze, delicatezza, il respiro di un mondo provinciale costruito su quotidianità, relazioni, perdite, lontananze, ritorni, un soffio vitale che, nello scorrere degli anni, consegna i protagonisti ad una inevitabile accettazione di tempo e destino.
Tutto sembra accadere e protrarsi inesorabilmente, il ricordo di quello che è stato indicarci una sola via, segnata dalla impossibilità di un qualsiasi appello e giudizio, avvolta in un ripetuto … “ come sempre “….
Edith, una vita intera passata in casa, cercherà invano una ribellione per un passato ingiusto, la rigidità di forma e contenuti, un padre tirchio e frugale, egocentrico e rinunciatario, un amore sottrattole inspiegabilmente ed un destino odiato da sempre.
Il fratello Lyman sparirà improvvisamente per venti anni, unico alibi la Guerra, nauseato da un lavoro estenuante, in un viaggio che ricerca una vita mai vissuta, semplici cartoline inviate come ricordo.
Un giorno finiranno come finiranno, due vecchi, fratello e sorella, soli in mezzo alla campagna, in una casa gialla circondata dalle erbacce, accompagnati dalle sole inspiegabili presenze, da giorni che ripresentano il passato, in un luogo, Holt, marchio ancora acerbo della propria essenza.

….”Certo che non è giusto. Niente in questa faccenda è giusto. La vita non lo è. E quando ripenso a questa storia non mi sembra ci sia che questo, una serie di solchi indipendenti “...

Questo il fluire del racconto, una iscrizione inserita nella cruda verità degli accadimenti.
I propri gesti, ripetuti, sempre quelli, riconsegnano ad un piccolo mondo certo, in passato odiato ma il solo conosciuto ed il sogno di un rinnovamento in questo angolo di terra non sopravviverà a lungo.
Un sacrificio personale non più necessario, l’ incubo di un ritorno alle odiate origini, un presente mutato dopo un incidente imprevisto generano una idea risolutiva, lo sguardo posato su un braccio alzato in senso di resa ed una fredda e calma disperazione che assumerà i colori sbiaditi del presente, una casa abbandonata ormai in rovina.

Holt racchiude il passato nella calma indifferenza dei propri resti, i Goodnough oggi sono tre lapidi al cimitero, in ospedale c’ è una vecchia signora ancora elegante e bella come tanti anni prima, il futuro un’ altra storia, tante altre storie, in attesa di essere raccontate…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bella presentazione, Gianni. Questo è dunque l'esordio letterario di Haruf, e non ancora ai livelli della trilogia.
Per la verità, ho letto solo "Canto della pianura" : mi è piaciuto, ma non al punto da procurarmi subito gli altri suoi libri, anche perché ho sempre alcuni volumi che attendono lettura.
In risposta ad un precedente commento
68
14 Novembre, 2018
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, personalmente ho preferito le atmosfere di “ Le nostre anime di notte “ anche rispetto alla trilogia che non raggiunge livelli supremi
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono