Dettagli Recensione

 
La Marie del Porto
 
La Marie del Porto 2019-04-09 08:47:29 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    09 Aprile, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'intelligenza sottovalutata di Marie

Con “La Marie del porto” Georges Simenon ci propone un romanzo molto diverso dai suoi soliti, non essendo, quello presentato, né un giallo né un noir bensì essendo un testo che si avvicina molto di più a tutta quella serie di scritti da lui incentrati sull’introspezione, sulla ricerca, sulla riflessione. Redatto dall’autore all’età di trentasei anni e a distanza di ben venti anni da “Au Pont des Arches”, prima sua opera composta all’età di appena sedici lustri, in questo componimento, come da nota biografica, egli cerca una verità umana che va al di là della psicologia, essendo suddetta soltanto “una verità ufficiale, falsa come un santino, buona per gli scolari diligenti”. E seppur consapevole di aver colto soltanto un fremito di quella verità, di quella vita vera, di esser ben lontano dall’aver realizzato l’antica ambizione di aver innestato l’ambito del pensiero in quello delle sensazioni, di confonderli, di mescolarli al punto da far sì che l’uomo sia soltanto uomo, senza sapere se pensa o agisce, ha scritto e nello scrivere è nata Marie, la “Marie del porto”.
Port-en-Bessin, una mattina come tante, un corteo funebre. Un padre che muore, figli che vengono spartiti e figlie adolescenti, ma considerate adulte, che restano a cavarsela da sole al mondo perché orfani anche di madre. I cieli sono plumbei, tutto il paese è raccolto per il triste avvenimento, a stonare in questo coro di uomini e donne vi è soltanto Chatelard, un forestiero benestante, con bar e beni vari di proprietà, che è il compagno di Odile, la sorella maggiore della protagonista che pare faccia la vita a Cherbourg. Marie ha appena diciassette anni e mezzo, ma ha le idee chiare, sa quel che vuole e non è disposta a scendere a compromessi: troverà quell’uomo di suo gradimento (quale Chatelard è o potrebbe essere), che voglia vivere nel paesino con aspirazioni alla pesca, che sia proprietario di una casa nel luogo e di una barca che gli consenta di uscire, appunto, per mare con totale autonomia e il giusto benestare dell’esser padroni.
La commedia si dipana con cautela ma anche con rapidità. In appena 151 pagine l’opera si conclude confermandoci quella che la maestria del francese. Pagina dopo pagina conosciamo le avventure di questi personaggi, apprezziamo la scaltrezza di questa giovane donna appellata “acqua cheta” perché non si sa mai quel che pensa, spesso sottovalutata, quando in realtà è dotata di grande intelligenza e astuzia. Crea un equilibrio fatto di giuste distanze, alcuna concessione, piccoli slanci mai risolutivi, affinché quell’uomo adulto, quel trentacinquenne, sia schiavo di un desiderio più grande che diventa ossessione.
Simenon riesce a dar vita a un romanzo che incuriosisce, forse non il suo migliore, ma certamente capace di tenere incollato il lettore che a più riprese si interroga sulle sorti di questa strategia sul fil del rasoio. Riuscirà Marie nell’impresa della conquista?
Il tutto con l’immancabile penna a cui siamo abituati, con le ponderate atmosfere fosche e misteriose che siamo soventi ritrovare nei gialli e con la sveltezza e fluidità che sono consoni ad un elaborato chiaro, semplice, lineare e con un obiettivo ben preciso quale “La Marie del porto” è.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Non tra i migliori Simenon, dunque.
In risposta ad un precedente commento
Matelda
13 Aprile, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Certamente Emilio , come al solito sono d'accordo con te. Penso però che sia "tutto grasso che cola" - antico proverbio, rispetto a quel che in genere " passa il convento". odierno..
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Omicidio a Manhattan
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La casa delle tenebre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La Santuzza è una rosa
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Abel
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lo scambio
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sua Eccellenza perde un pezzo
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Giù nella valle
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Perdersi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tempo di caccia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Sotto la pioggia gentile
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Le schegge
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il vento soffia dove vuole
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Linea di fuoco
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Tempesta in giugno