Bella figura Bella figura

Bella figura

Saggistica

Editore

Casa editrice

Nel parcheggio di un ristorante una donna accusa l’amante, piccolo imprenditore prossimo al fallimento, di aver scelto, per la loro cenetta intima, un posto che gli è stato consigliato dalla moglie; quando finalmente decidono di andare altrove, lui, facendo manovra, investe un’anziana signora; niente di grave, tranne il fatto che l’anziana signora è lì per festeggiare il suo compleanno in compagnia del figlio e della nuora – che guarda caso è anche un’amica intima della moglie del fedifrago. Lo spunto, da commedia di boulevard, mette in moto l’inesorabile meccanismo del teatro di Yasmina Reza, il cui virtuosismo sta nel mostrare – mediante gesti minimi, battute feroci, plumbei silenzi – i patetici contorcimenti dei cinque personaggi, tutti costantemente sull’orlo di una crisi di nervi, per mantenere una parvenza di decoro: per fare, appunto, bella figura. Si ride molto, leggendo queste pagine, ma sempre sul filo di un’angoscia sottile, di un lancinante interrogativo. «Quello che mi interessa è osservare la musica dei comportamenti, e riprodurla» ha affermato Yasmina Reza: la quale orchestra il suo esilarante e grottesco quintetto con un senso acuto dell’ellissi e del sottaciuto, imprimendogli un ritmo impeccabile e tempi brillantissimi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
3.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Bella figura 2019-12-12 09:31:51 DanySanny
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    12 Dicembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una crudele mediocrità

Yasmina Reza è oggi considerata la più grande drammaturga vivente di lingua francese. E certo è innegabile che in lei il teatro è sempre messa in scena dell’opera e la scrittura ancella di un’esperienza in cui la recitazione e la vivificazione attraverso gli attori si compenetrano continuamente nel testo. Dunque al lettore che legga l’opera e non la veda rappresentata, è richiesto un certo grado di sforzo immaginativo per apprezzare al meglio sceneggiature altrimenti a rischio di una certa media monotonia. E invece a voler vedere bene, in questo libro della Reza, che inizia come una classica commedia da Sex and the City, le scene tra il grottesco e l’iperbolico non mancano e anche la risata, se possibile, riesce a volte a farsi libera e meno amara di quanto ci si aspetterebbe dall’autrice del famoso “Dio del massacro”. La trama è semplice, risale da subito sulle cosce di Andrea stese fuori della macchina del suo amante, nel parcheggio di un ristorante mentre litigano per la gelosia di lei e la lassità di lui. Peccato che mentre la nube sembra diradarsi, nello stesso locale si presenti una cara amica della moglie tradita del protagonista con annessi marito e suocera. L’imbarazzo manifesto, dapprima taciuto e dissimulato, cresce di scena in scena fino a esplodere nella tensione elettrica tra personaggi sempre più borderline e sovreccitati, chiusi in un solipsismo che, amaramente, non ha nulla di eccezionale e anzi è quello normale di un uomo in difficoltà economica, di una donna troppo puritana o di un uomo che non riesce ad avere il comando o ancora di una amante costretta a vivere ai margini della vita. E tutto per mantenere la facciata, la “bella figura” che dà il titolo al libro: non è tanto l’ipocrisia a interessare la Reza, perché questa viene data come connaturata, piuttosto al centro del mirino ci sono i meccanismi di autoinganno o i fragili equilibri della credulità, i meschini tentativi della preservazione personale e anche l’indefessa capacità umana di adattarsi a ogni disfacimento.

Yasmina Reza non si discosta molto da quello che sa fare: usare la commedia, distesa o cinica per scoperchiare la buona educazione delle relazioni umane e per far deflagrare un bagliore di cruda e sinistra verità. Lo fa bene al solito e con un gusto per la rappresentazione molto spiccato, ma i temi forse non troppo originalmente sviluppati restano tutti lì, sulla pagina, e conducono il lettore troppo vicino alla parola scritta per rendere le opere della Reza davvero memorabili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre sorelle
Surrender
La donna vendicativa
Gli spettri
Mozart. Il teatro dal mondo
Dizionario del bibliomane
Il Purgatorio di Dante
Chagall. Autoritratto con sette dita
Natale in casa Cupiello
L'Inferno di Dante
Venezia salva
Antigone. Una riscrittura
Antigone
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori
Sarri prima di Sarri
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca