Saggistica Salute e Benessere Andare avanti guardando indietro
 

Andare avanti guardando indietro Andare avanti guardando indietro

Andare avanti guardando indietro

Editore

Casa editrice


Due campioni del rugby come Mauro e Mirco Bergamasco, affiancati da Matteo Rampin, dimostrano in queste pagine che i motivi del successo di questo sport non sono accidentali, ma affondano le loro radici nei regolamenti, nell'orgoglio e nell'umiltà dei giocatori, nella disciplina, nell'etica stessa del rugby. In una parola, nella sua filosofia. Tecniche, mischie e placcaggi, il celebre "terzo tempo" e i fiumi di birra che dopo ogni partita riconciliano le squadre avversarie, il proverbiale fair play dei giocatori e del pubblico, la logica fondamentale del gruppo sono tutti aspetti che indicano risvolti umani e morali insospettabili quando si assiste alla vera e propria battaglia che si combatte sul campo. I fratelli Bergamasco illustrano con semplicità il significato di uno sport che riflette in profondità la lotta che anima la vita e i nostri impulsi più ancestrali, riprodotti nel microcosmo sociale che è la squadra.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Andare avanti guardando indietro 2016-10-03 10:21:10 Riccardo76
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    03 Ottobre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scuola di vita

Il Rugby è uno sport nobile alla quale mi sono avvicinato da poco e per caso, accompagnando mio figlio di cinque anni ai suoi primi allenamenti, e poi al primo torno ufficiale. Con questo stimolo ho letto questo libro ben scritto e appassionante, con la voglia di capire cosa c’è dietro a questo sport che a prima vista è quanto di più “violento” e confusionario ci possa essere per un sport di squadra.
Leggendo questo libro si capisce invece di quanta organizzazione e precisione ci voglia per poter praticare al meglio e con la massima sicurezza possibile questo sport. Ogni regola ha un suo senso, la violazione anche di una sola regola rende il gioco poco fluido e piacevole.
La lettura conduce a tre livelli di interesse: quello per le regole base dello sport, la filosofia che lo contraddistingue e le emozioni che trasmette. Leggendo il libro si possono capire i fondamenti, ma soprattutto le analogie che lo accomunano più ad uno sport di lotta che a qualcosa di simile al calcio o al basket. Le emozioni che si provano, governate da adrenalina e estrema concentrazione, sono intense e funzionali all'amore che nonostante tutto nasce in chi lo pratica. Lo spirito di squadra, forse più forte nel Rugby che in altri sport, è fondamentale per la sopravvivenza prima ancora che per la vittoria, il rispetto per l’avversario anche se manifestatamene inferiore.
Il libro spiega la filosofia di questo sport che è un modo di vivere, un modo di essere, un’educazione che vale per tutta la vita. La sopportazione del dolore, la dissimulazione dell’inganno, leggasi simulazioni non ammesse, il rispetto per l’autorità nella figura dell’arbitro, l’inutilità della protesta, dannosa e penalizzante per il gruppo. L’individualismo diventa fondamentale, ma solo se a servizio della comunità, gli infortuni diventano una sfida a rialzarsi sempre, a continuare a combattere, solo chi è in piedi può giocare, chi è a terra non serve a nulla, diventa trasparente. Mauro e Mirco raccontano episodi della loro carriera, le botte prese, le delusioni e le immense gioie, i gravi infortuni, dolorosi, vengono raccontanti come una cronaca, non per piangersi addosso.
Un bel libro che racchiude lo spirito del Rugby, secondo i fratelli Bergamasco. Rampin, psicoterapeuta, ci fornisce in parallelo una chiave di lettura più vicina alla psicologia e alla filosofia che questo favoloso sport racchiude in se.
Continuo a vedere mio figlio giocare a Rugby ed è una delle cose più belle ed emozionanti per me, lo vedo lottare e crescere, seguendo, per il momento, questa strada non semplice forse, ma sicuramente bellissima.

“Dici rugby e pensi a un sacco di botte e zuffe gigantesche, poi guardi i bambini giocarlo e ti rendi conto di quanto sei ignorante”

(Trofeo Topolino 2002: la più importante manifestazione nazionale di mini rugby).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri