Saggistica Salute e Benessere Le 5 ferite e come guarirle
 

Le 5 ferite e come guarirle Le 5 ferite e come guarirle

Le 5 ferite e come guarirle

Saggistica

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Le 5 ferite e come guarirle, saggio di Lise Bourbeau edito da Amrita. Le Cinque Ferite e Come Guarirle, molto concreto come i precedenti, ci dimostra come tutti i problemi di ordine fisico, emotivo o mentale derivino da queste ferite, e ci dimostra la via per guarirle. Grazie alla descrizione delle maschere che tutti abbiamo sviluppato per non vederle e non sentirle, e soprattutto per non conoscerle, riuscirete a identificare la vera causa di un disturbo preciso, per esempio l’estrema magrezza o l’obesità, oppure di certi problemi ricorrenti che rispuntano appena vi sembra di averli risolti. Rifiuto, abbandono, ingiustizia, umiliazione e tradimento, sono le 5 ferite che ci impediscono di essere ciò che siamo davvero, sono i cinque principali condizionamenti della nostra esistenza.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le 5 ferite e come guarirle 2013-04-02 09:34:43 ChiaraLotus
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ChiaraLotus Opinione inserita da ChiaraLotus    02 Aprile, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Puoi guarire la tua vita

Solitamente, recensisco su questo sito opere di narrativa. Oggi però voglio dedicare qualche minuto al libro che – sembra esagerato ma è così – ha avuto il potere di cambiarmi la vita o, se non altro, di indirizzarla verso una nuova consapevolezza. Da quando l’ho letto, nell’estate 2010, ho intrapreso un percorso finalizzato a lavorare su quanto emerso da questa lettura e devo ammettere di essere riuscita a togliere – se non del tutto almeno in buona parte – quelle maschere che per molto tempo mi hanno impedito di essere una persona libera.
Questo libro può partire da due presupposti diversi, uno metafisico e l’altro scientifico. Chi crede nella reincarnazione e nel karma, può pensare che ciascun individuo ha sviluppato queste ferite nel corso delle precedenti vite, e sia tornato sulla terra per riviverle e risolverle una volta per tutte. Ma chi si muove da una prospettiva puramente psicologica, non avrà difficoltà a collocare l’origine del male interiore nell’interpretazione che il singolo individuo da a determinate esperienze vissute nell’infanzia. Sebbene esse possano fare riferimento ad episodi più o meno significativi, le ferite che ne scaturiscono possono condizionarci per tutta la vita.
L’esempio classico è quello del bambino che, per la prima volta, viene portato all’asilo: può sentirsi abbandonato dai genitori, oppure tradito. Lo stesso episodio può dare origine a ferite differenti, oppure a nessuna. Ciò dipende dal bagaglio che il singolo porta con sé, dall’educazione ricevuta e dalla propria elaborazione mentale.
Ciascuna ferita genera una maschera, ovvero una serie di comportamenti ripetitivi che ciascuno di noi mette in atto per proteggersi, per evitare di rivivere quel determinato dolore. Anche il corpo si adegua alla ferita ed assume fattezze che ne riproducono le caratteristiche.
Chi ha una ferita da rifiuto, ad esempio, assumerà i modi tipici del fuggitivo: per paura di essere allontanato, tenderà ad isolarsi, alienarsi e chiudersi in se stesso. Il suo corpo di conseguenza tenderà ad occupare meno spazio possibile, ad essere minuto ed evanescente. Il “rigido” (ferita da ingiustizia) spesso è maniacale nella cura del proprio aspetto, ossessionato dall’ordine, dalla dieta e da altre stronz…ehm… stupidaggini affini.
Le ferite possono svilupparsi anche contemporaneamente e condizionarci nel modo di parlare, di mangiare, di lavorare, di relazionarci con gli altri … possono essere più intense nel corso della vita, oppure sparire del tutto. Ma ciascuno di noi in qualche modo è coinvolto in questo gioco della mente.
E come si guarisce?
Se ve lo dico, che senso ha leggere il libro?
Solo una piccola indicazione: là dove c’è la ferita, c’è una mancanza di amore. L’amore può esserci stato negato da altri, oppure da noi stessi. Ma quella – insieme alla capacità di perdonare e perdonarsi – è l’unica cura possibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri