Saggistica Scienze umane La rabbia ti fa bella. Il potere della rabbia femminile
 

La rabbia ti fa bella. Il potere della rabbia femminile La rabbia ti fa bella. Il potere della rabbia femminile

La rabbia ti fa bella. Il potere della rabbia femminile

Saggistica

Editore

Casa editrice

Un libro di trasformazione che esorta le donne del ventunesimo secolo ad abbracciare la loro rabbia e a usarla come strumento per un duraturo cambiamento personale e sociale. Le donne sono arrabbiate e non è difficile capire perché. Siamo sottopagate e lavoriamo troppo. Troppo sensibili o non abbastanza. Troppo dimesse o troppo appariscenti. Troppo grasse o troppo magre. Puttane o puritane. Se veniamo molestate, ci dicono che ce la siamo cercata e ci chiedono se è così difficile fare un sorriso (sì, lo è). Nonostante ci sia stato detto il contrario per tutta la vita, la rabbia è una delle risorse più importanti che abbiamo, il nostro strumento più acuminato contro l'oppressione sia personale che politica. Ci è stato ripetuto per molto tempo di reprimerla, lasciando che corroda i nostri corpi e le nostre menti in modi che nemmeno immaginiamo. Eppure questo sentimento è uno strumento vitale, il nostro radar per l'ingiustizia e un catalizzatore per il cambiamento. E, viceversa, la critica sociale e culturale verso la nostra rabbia è un astuto modo di limitare e controllare il nostro potere. "La rabbia ti fa bella" sostiene che questo sentimento fa parte di noi, e che comprendere fino in fondo una delle nostre emozioni più importanti ci darà un grande senso di liberazione e ci connetterà a un intero universo di donne non più interessate a essere compiacenti a tutti i costi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La rabbia ti fa bella. Il potere della rabbia femminile 2020-12-27 11:16:40 Endlesslybooks
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Endlesslybooks Opinione inserita da Endlesslybooks    27 Dicembre, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cuori in fiamme

Perché le donne si arrabbiano così poco? Perché quando lo fano e mostrano la loro frustrazione vengono considerate isteriche? Perché la rabbia femminile è socialmente inaccettabile? Perché siamo chiuse in una gabbia dalla quale non possiamo uscire? Queste sono solo alcune delle domande che sorgono spontanee dopo la lettura di questo volume di fondamentale importanza per chiunque!

So bene che le tematiche di disparità di genere creano solo tensioni e contrasti data la delicatezza dell'argomento. Forse il problema fondamentale è che si fa fatica ad ascoltare, a porre una vera attenzione sulle persone, sulle cose. Siamo ciechi o ci "conviene" esserlo. Trovo importante essere informati sulla società, su cosa succede, come essa si sviluppa, su come è stata e su come potrebbe essere. E la storia delle donne è una parte che non va dimenticata.

L'autrice porta alla luce alcune tematiche sociali partendo da un ricordo di famiglia per indicare quanto le norme di genere soffochino l'indipendenza della personalità, dell'anima dentro quello specifico corpo. Durante il giorno del matrimonio dei suoi genitori, tra i regali di nozze vi era un prezioso set di piatti e stoviglie, che la madre utilizzava solo in occasioni speciali: i figli non si potevano avvicinare. Soraya ricorda di aver visto la madre, dopo qualche anno, buttare a terra tutto il servizio dando sfogo a una forte emozione: la rabbia! Eppure non vi erano urla non uscivano parole dalla sua bocca, tutto era composto, imprigionato. Dopo aver finito e sorriso alla figlia, la donna tornò alle sue incombenze.

Chiaramente, l'episodio descritto risale a una generazione fa, e ci sono stati già notevoli cambiamenti, anche se molte donne e ragazze delle generazioni attuali, possono riscontrare una certa familiarità nel modo in cui questa signora si era sfogata.

Moltissime donne sono intrappolate nel ruolo di madre, moglie-partner, sorella, amica e devono seguire o fanno molta fatica a staccarsi da questa realtà che è per loro una seconda pelle. Ciò porta a una minore considerazione dei propri bisogni e a un maggior incremento del carco mentale (occuparsi della casa, familiari, amici) facendole diventare invisibili. Da qui si genera una valanga di frustrazione che porta poi a una rabbia repressa.

I temi trattati dal saggio sono molteplici e sono accompagnati da statistiche e studi che spesso (e tristemente) mostrano delle evidenti disparità in ambito domestico, lavorativo, economico, sessuale, legato al senso di sicurezza, libertà di espressione... Non è sempre così in tutti i settori e in tutte le società, ma non si può negare l'evidenza a livello globale. Vengono inoltre trattati temi quali la maternità, violenze e molestie, i pregiudizi e le discriminazioni in un mondo in cui si stanno facendo i primi passi per la parità, ma sono ancora troppo piccoli per portare ad un vero equilibrio tra i generi.

Viene anche aperta una parentesi per fare dei confronti anche con le comunità LGBT e degli afroamericani sia uomini che donne, che molto spesso, hanno meno voce in capitolo rispetto alle donne etero bianche.

Com'è possibile che ci siano ancora così tante difficoltà a staccarsi da una società di vecchio stampo, nonostante tutti i progressi fatti nell'ultimo secolo? Perché qui è più difficile cambiare? Perché gli individui non possono semplicemente essere se stessi senza ruoli da interpretare? Perché le donne non hanno il coraggio di alzare la voce per far valere i propri bisogni e diritti come gli altri? Perché le conseguenze di una tale richiesta spaventano così tanto? Una società equilibrata non porterebbe solo più vantaggi?

Nonostante i dati shockanti che si leggono tra queste pagine, c'è una speranza: che le donne riescano ad entrare a contatto con la rabbia, un'emozione forte, che permette di reagire a ingiustizie, se ben utilizzata in modo sano. Mostrando rabbia, la donna, l'individuo può mostrare di avere un valore e di reagire alle ingiustizie subite, perché anche se la donna è più soggetta a ciò, anche molti uomini vivono le stesse condizioni. E le ingiustizie subite non hanno genere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

A proposito del senso della vita
Vietato scrivere
L'amore sempre
Homo Deus
Eros il dolceamaro
Quando i figli crescono e i genitori invecchiano
Questo immenso non sapere
Un mondo sbagliato
Il metodo scandinavo per vivere felici
Storia dell'eternità
Basta dirlo
Contro il sacrificio
Il corpo elettrico
Il grido di Giobbe
Verso un sapere dell'anima
Le leggi delle mappe mentali