Casanova Casanova

Casanova

Saggistica

Editore

Casa editrice

Su Giacomo Casanova, scrittore avventuriero in apparenza così distante da lui, Zweig non formula giudizi morali: cerca invece di circoscriverne le qualità letterarie, quelle di un dilettante di genio, e di cogliere la sostanziale onestà dei suoi rapporti con l'altro sesso, vissuti come un mutuo scambio di piacere. All'inizio, ognuno dei nove capitoli che compongono questo ritratto sembra pervaso da un vago senso di antipatia, ma non appena si approfondisce il tema, è come se lo scrittore austriaco riconoscesse, quasi a malincuore, una sorta di intima affinità con Casanova: veneziano che visse gran parte della sua vita in esilio e il cui mito fu a sua volta un riflesso della stessa città natale. Zweig non compone una biografia convenzionale, ma un'analisi della vita di un grande seduttore, mitografo di se stesso, che seppe modellare la sua esistenza come un'opera d'arte.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Casanova 2016-03-06 16:58:22 siti
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    06 Marzo, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Originale biografia

Perché nel 1928 Zweig si dedicò alla scrittura della biografia di Casanova?
La domanda sorge spontanea dopo la lettura delle prime pagine di questo scritto che è ben lontano dalla classica biografia.
Perché dedicarsi a un “ciarlatano famoso” dalla “nobiltà poetica discutibile”? Perché contribuire a fissare il ricordo di uno fra i tanti che, senza volerlo, è assurto a gloria imperitura?
Forse l’ intima consapevolezza che la vita vera gli è sfuggita o il rammarico per una mancata aderenza del suo intimo sentire al tempo da lui vissuto? O ancora l’amara riflessione sul corso della storia? Non so, quanto è profondo Zweig tanto è etereo Casanova. Assistiamo al loro incontro, dunque.

Se è vero che “ un artista di solito dà forma a ciò che ha trascurato nella vita”, risulta chiaro che qui si è agli antipodi: secondo l’austriaco, nel caso del veneziano , l’opera d’arte è la sua vita. Non che egli abbia un alto concetto delle Memorie di Casanova, anzi ricorda che ai suoi tempi se ne leggeva un’edizione rimaneggiata e opportunamente ripulita e ci racconta anche la strana storia editoriale dello scritto. Tuttavia lo sguardo lungo dello storico ne legittima l’esistenza perché l’opera ha il pregio di consegnare il ritratto di un’epoca,veritiero come mai nessun storico o biografo poté fare; lo sguardo onesto del narratore di più ne riconosce la statura del contenuto: dalla morte di Casanova “il mondo non ha inventato (...) un racconto più romantico della sua vita e nessun personaggio più fantastico di Casanova”.
Insomma severità di giudizio e ammirazione convivono amabilmente nei primi due capitoli: “Giacomo Casanova” e “Ritratto del giovane Casanova”. Imperdibile il ritratto del quadro politico e sociale del Settecento, consegnato nel terzo capitolo e tutto dedicato agli avventurieri; l’ironia raggiunge vette godibilissime e passando per Cagliostro e Casanova e altri “impostori sublimi e ladri” si giunge all’apice rappresentato da Napoleone “il genio fra tutti questi talenti”. Attraverso i capitoli “Istruzione e talento” e “Filosofia della superficialità” ( le ultime parole di Casanova furono appunto: “Ho vissuto da filosofo”), si arriva al cuore della trattazione, alla natura del soggetto, alla sua intima essenza “Homo eroticus”. La genialità di Zweig riduce il grande seduttore a un uomo schiavo del suo impulso maniacale ma gli riconosce, proprio in questo versante, e solo in questo, l’unica scintilla di onestà. A riprova di questa tesi offre un interessante paragone con l’hidalgo Don Juan Tenorio, Don Giovanni appunto, e Casanova ne esce trionfale. Se una pecca si vuole riconoscere a tale stile di vita, questa è riconducibile al non aver annoverato la vecchiaia e allora “se lo si è invidiato fino al quarantesimo anno di età, lo si compiange dai quaranta in poi”. Fedele al criterio cronologico, Zweig dedica gli ultimi capitoli agli “Anni nel buio” e al “Ritratto del vecchio Casanova”. Sigla il lavoro il giusto riconoscimento al “Genio autobiografico”.
Da leggere sicuramente , consapevoli di avere tra le mani l’originale biografia di una geniale autobiografia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri