Saggistica Storia e biografie La condizione umana
 

La condizione umana La condizione umana

La condizione umana

Saggistica

Editore

Casa editrice

"La condizione umana" si svolge nella fase immediatamente seguente la Rivoluzione cinese, la fase più tragica: quella dell'insurrezione di Shangai del 1927, quando gli operai in armi, guidati dai comunisti, liberano la città prima dell'arrivo di Chang Kai-shek alla testa delle truppe del Kuomintang. Partito comunista cinese e Kuomintang sono ancora alleati, ma già si presagisce la tragica soluzione finale. Chang rompe l'alleanza che Stalin continuava a sostenere, e questa sua ostinazione condanna i comunisti al massacro. La "condizione umana" che interessa Malraux non è quella disperata di centinaia di milioni di diseredati, ma il sentimento dell'impossibilità di comunicazione con l'altro che è la caratteristica saliente dell'essere umano.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La condizione umana 2018-11-13 15:05:53 Mian88
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    13 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'essere umano

«C’erano milioni di vite e tutte ora respingevano la sua; ma che cosa era la loro meschina condanna al confronto della morte che ora si allontanava da lui che sembrava fluire a lunghi fiotti fuori dal suo corpo, come il sangue dell’altro? Tutta quell’ombra immobile e scintillante, era la vita, come il fiume, come il mare invisibile in lontananza, il mare…»

Siamo nel 1927, siamo in Cina e siamo di fronte ai venti giorni più cruenti e sanguinari collocati a ridosso di quella che sarà la Rivoluzione cinese. Siamo cioè nella fase dell’insurrezione di Shangai quando gli operai guidati dai comunisti liberarono la città prima dell'arrivo di Chang Kai-shek alla testa delle truppe del Kuomintang. Siamo agli ultimi tocchi dell’alleanza del partito comunista cinese Kuomintang, siamo in quel preludio in cui Chang Kai-shek romperà l’alleanza con Stalin portando i comunisti alla condanna definitiva: il massacro. Cinque sono i personaggi: Gisors, Clappique, Cen, Kio, e Ferral. Una sola, sarà la morte fisica che si paleserà nel romanzo, collettiva, al contrario la sensazione che si dipanerà.
Perché negli intenti di Malraux non vi è solo la ricostruzione storica del susseguirsi degli eventi, non vi è solo la ricostruzione politica della filosofia e della ragion d’essere un partito, si va oltre. I protagonisti diventano fautori, testimonianza, sentimento. Purtroppo però l’opera non è di facile lettura a causa di uno stile narrativo, di cui è rivestito l’io parlante, prolisso, articolato, volutamente ricercato che, vuoi per una traduzione non pienamente soddisfacente, vuoi per quel caos affatto calmo che le pagine racchiudono, ne rende talvolta confuso e complesso il contenuto nonché farraginoso lo scorrimento. Tema e colonna portante dello scritto è la morte, che aleggia in ogni contenuto, in ogni riflessione e in particolare nella concezione della “morte attiva a discapito di un lasciarsi morire passivo”. Lottare e se necessario morire per un fine, uno scopo, un obiettivo in una lotta continua alla ricerca della comunicazione con il prossimo sono un qualcosa a cui l’essere umano non può sottrarsi.
Scoperto per caso grazie a una menzione da parte di Andrea Camilleri, “La condizione umana”, Premio Goncourt classe 1933, è uno scritto ricco di contenuti e di spunti di riflessione la cui lettura consiglio a tutti gli appassionati di storia e di politica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri