Narrativa italiana Fantascienza Verso l'infinito
 

Verso l'infinito Verso l'infinito

Verso l'infinito

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Verso l’infinito, romanzo di Ottavio Pattacini edito da Caosfera. La Terra è sull’orlo del baratro, il disastro ambientale è ormai insostenibile. Andrais è un pianeta popolato da rettili intelligenti ed evoluti, con un altro grandissimo problema, la mancanza d’acqua. Steve, diplomatico in carriera, giunge un giorno su Andrais…

Ottavio Pattacini è nato a Parma nel 1966. È da sempre appassionato di paleontologia, geologia, astronomia, storia medievale e civiltà antiche. “Verso l’infinito” è il suo romanzo d’esordio.

Recensione della Redazione QLibri

 
Verso l'infinito 2014-04-11 17:35:01 romantica82
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
2.0
romantica82 Opinione inserita da romantica82    11 Aprile, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Verso l'infinito - Ottavio Pattacini

Due mondi, due culture, due stili di vita, un’unica soluzione..
“Molti erano gli ologiornalisti che avevano definito quel periodo il peggiore della storia dopo l’epidemia di peste nera del 1348”. Steve, politico di professione e figlio di un noto astronomo, proferisce questa frase emblematica a suo padre in riferimento al periodo storico in cui i due vivono. Una congiuntura complicata, in cui la politica guarda alla dèbacle della Terra cercando nel progetto Galileo la soluzione alla crisi occupazionale che la attanaglia da secoli.
Un pianeta ormai esausto, distrutto dall’indisciplinata industrializzazione che ha ingabbiato il sistema climatico in una confusione perenne tra giorno e notte: il Mondo ha, dunque, dimenticato, come una forma di ribellione alla violenza subita dall’uomo, la scansione tra la luce ed il buio che cadenza lo scorrere del tempo, ma l’alternarsi del giorni è impercettibile perchè tutte le ore sono accompagnate da una luce verdastra e fioca.
Non si scorgono più le stelle, i bei tramonti e la vegetazione, ma il Pianeta è una discarica a cielo aperto.
Siamo nel terzo decennio del XXII secolo ed, in questa cornice politico-ambientale e sociale così complicata, che sembra quasi portare agli eccessi la recessione economica che oggi, nel XXI secolo, stiamo vivendo, l’unica soluzione prospettata, a causa della fortissima disoccupazione e dell’ inquinamento che avevano innalzato il tasso di mortalità ad un livello pari a quello del XIV secolo, è rappresentata dallo spostamento della macchina industriale umana su altri Pianeti in modo da arrestare la decadenza del sistema ecologico terrestre. Tali sono i punti programmatici del progetto Galileo che prima ho citato: forse l’ultimo tentativo di riparare a secoli di sfruttamento sfrenato ed immorale. L’umanità, negli ultimi tre secoli, si è comportata come un virus che ha distrutto tutte le risorse del Pianeta, su cui ha posato lo sguardo, portandolo a trasformarsi dall’Eden biblico a deserto contaminato e privo di vita.
Proprio in questo quadro apocalittico una nuova notizia sconvolge la vita dei protagonisti e confonde le idee di tutti: la presenza di una sonda che è entrata nel nostro sistema solare di origine sconosciuta. Un oggetto, dunque, che sembra essere la risposta definitiva ed inconfutabile ad un millenario quesito che si è posto l’umanità: siamo soli nell’universo? Pur nella sua straordinarietà, questa notizia è foriera di preoccupazioni in Steve, che rappresenta la politica, e, al contrario, di entusiasmo in Samuel, suo padre, che rappresenta la scienza.
Chi ha costruito la sonda e per quale fine? Sono dei semplici esploratori o hanno delle finalità belliche? Tali fantomatici costruttori, abitanti di Adrais, sono anch’essi alle prese con una situazione ai limiti dell’estinzione. Non l’inquinamento, non la disoccupazione, ma la lenta ed inesorabile disidratazione del loro Pianeta. Una crisi così violenta che ha portato ad una pace forzata, adornata da un’altrettanta forzata cooperazione, tra le due grandi Nazioni, che fino a quel momento erano state in guerra tra secoli, e che rappresentano la razza rettiloide evolutasi su Adrais.
Cosa accadrà quando rettiloidi e umani si incontreranno braccati dall’estinzione imminente e spinti dal desiderio di sopravvivenza?
Di certo non posso rilevare altro su una trama elaborata e che procede con suspence, altrimenti toglierei il gusto della lettura di questo romanzo di esordio di Ottavio Pattacini, ma vorrei aggiungere delle considerazioni riguardanti lo stile e l’iter narrativo.
Forti sono le influenze di Asimov quanto all’interazione dei personaggi ed alla descrizione di luoghi effettivamente mai visti, come la superficie di Marte o di Titano, che risultano accurate ed assolutamente verosimili.
L’iter narrativo è alternato tra momenti di pathos fortemente emotivi e pagine in cui l’autore sembra voler dare al lettore il tempo necessario per riprendere fiato.
Essendo un romanzo d’esordio, mostra quei fisiologici limiti propri di uno stile ancora da limare, ma, nel complesso, il romanzo è adeguato a trascorrere ore immersi in un nuovo mondo che affonda nella nostra epoca attuale i semi della sua esistenza.
La grafica stampata sulla copertina, tuttavia, è più adeguata ad un testo universitario di astrofisica che ad un libro di narrativa senza profonde pretese scientifiche ed indirizzato ad un pubblico che vuole solo leggere una storia. Sarebbe stato meglio aggiungere qualche particolare, riguardante la vicenda raccontata, così da rendere più stuzzicante l’immagine di copertina.

Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Verso l'infinito 2014-06-08 13:32:45 Fabrizio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Fabrizio    08 Giugno, 2014

Da leggere

Un romanzo gradevole, con una trama elaborata al punto giusto. Le vicende che il protagonista affronta, al di là della trama principale, sono diverse e questo impedisce al lettore di annoiarsi leggendo pagine di scarso interesse. Piacevoli sono le battute e gli spunti di sana ironia da parte delle spalle del protagonista, sapientemente alternati a situazioni di emotività e tensione, senza tuttavia mai scadere nella volgarità o nel cattivo gusto.
Non aggiungo altri particolari alla trama, il recensore è già stato esaudiente, tuttavia ho apprezzato il finale che si è dimostrato all'altezza della storia. In una vicenda curiosa e interessante come questa, e soprattutto in questo genere letterario, è facile immaginare una caduta del ritmo, e leggere quindi un finale scontato e prevedibile. Invece l'autore riesce sempre a tenere viva l'attenzione del lettore concludendo la vicenda in modo intelligente.
L'ossatura della storia è duplice: da una parte scopriamo che nel 2188 la Terra è devastata da una disastrosa situazione ambientale (l'ambiente è evidentemente un tema caro all'autore) e dal grande disagio delle masse sociali legate alla mancanza di un posto di lavoro. Temi questi che, con la crisi e la triste vicenda della terra dei fuochi sono più che mai d'attualità. Tutto questo quindi, a maggior ragione giustifica l'umanità a occhieggiare con interesse i pianeti del sistema solare, quale fonte di minerali e risorse per una Terra ormai esausta e sfruttata all'inverosimile, dove persino il clima è impazzito.
Dall'altra, l'autore si inventa un assetato mondo alieno, la cui aridità (di cui non ne spiego il motivo) mette a repentaglio l'esistenza stessa della civiltà residente. Così anche questi esseri, questi adrasiani, dovranno rimboccarsi le maniche per tentare di sopravvivere e impedire così l'estinzione della propria specie.
Il fortuito incontro con i terrestri originerà tutta una serie di circostanze e situazioni in cui l'autore vi sguazza con destrezza, rendendo piacevole il seguito della storia.
I personaggi sono ben delineati e caratterizzati, gli ambienti sono ben descritti, la leggibilità è scorrevole. La scelta di termini eleganti, qualche spiegazione scientifica e sporadici accenni all'arte e al buon gusto contribuiscono a una lettura gradevole del testo.
Ho notato che a volte l'autore si ripete, non ne ho capito bene il motivo. Forse per ribadire un particolare concetto, oppure si tratta di semplice ingenuità.
Nella parte iniziale la narrazione è tranquilla, ma poi l'incalzante ritmo degli eventi mi porta a giudicare questo libro come un ottimo romanzo di fantascienza, cosa piuttosto rara per un esordiente, che si legge volentieri, permettendo così il trascorrere delle ore immersi in questa piacevole lettura. Il libro stuzzica e incuriosisce.
Questo è un prodotto decisamente curato, perchè la sua realizzazione ha impiegato diversi anni. Infatti l'autore alla fine del libro descrive le ricerche che ha svolto e le fonti in cui si è procurato le notizie e le informazioni che ha inserito nel romanzo, che sono diverse.
Decisamente consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri