La settima luna La settima luna

La settima luna

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La notizia è di quelle che richiedono un brindisi speciale. Su una terrazza incastonata nel Supramonte, in uno degli hotel più incantevoli della Sardegna, il vicequestore Vito Strega sta festeggiando la nascita della nuova unità investigativa sui crimini seriali. Con lui ci sono le inseparabili ispettrici Eva Croce e Mara Rais. Finalmente tutto sembra andare per il verso giusto. Ma una telefonata li riporta alla realtà e i tre devono salutare il cielo terso e il sole dell’isola. Nelle terre paludose del Parco del Ticino è stato ritrovato il corpo di una ragazza. Quando l’ispettrice Clara Pontecorvo arriva sul posto, stenta a credere ai propri occhi: la vittima ha le mani legate dietro la schiena e indossa una maschera bovina. Mancava solo questo per Clara, che ha già un grosso problema: è alta 1,98, non trova mai dei vestiti adatti a lei. Tantomeno un uomo. L’istinto le dice che quella scena del crimine potrebbe essere la riproduzione di un altro delitto avvenuto anni prima in Sardegna. E nessuno, meglio di Strega, Rais e Croce, conosce quel caso, che aleggia ancora nelle loro vite come un’ossessione. Ora a piede libero c’è un emulatore, che vuole i riflettori puntati su di sé… I poliziotti dovranno essere più uniti che mai, e Vito Strega, per la prima volta così vulnerabile, si troverà a fare i conti con il proprio passato. Piergiorgio Pulixi, in un romanzo dal passo ritmato di danza, si addentra nei meandri oscuri dell’umano e interroga l’essenza più intima di una terra impenetrabile. Dall’inizio alla fine, una domanda, come un tarlo, accompagna Strega e noi lettori: sono i poliziotti a dare la caccia al killer o è lui a dare la caccia a loro?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
 
La settima luna 2022-09-17 16:08:30 Mian88
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    17 Settembre, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Teresa Poletto

«Strega rifletté sulla sensazione della collega. Anche Mara Rais aveva detto la stessa cosa: il caso di Dolores Murgiaaveva risvegliato sas animas malas, aveva affermato.»

Tra gli scrittori italiani da non perdere c’è sicuramente Piergiorgio Pulixi. Scrittore dalla penna magnetica, la prosa fluida e lo stile impeccabile è noto al grande pubblico per opere quali “L’isola delle anime”, “Lo stupore della notte”, “Un colpo al cuore”. Pulixi è ancora un autore di quelli che sanno risvegliare il lettore dal torpore, trasmettere emozioni ed anche trattenere tra le pagine grazie a colpi di scena ben ponderati e intrighi da scoprire. Le sue storie sono sempre originali, mai banali e capaci, soprattutto, di toccare corde nel profondo che fanno meditare.
E torniamo quindi ad abitare queste pagine. La squadra investigativa di Vito Strega è proprio nel bel mezzo dei festeggiamenti per un precedente caso risolto in Sardegna quando viene sconvolta da un nuovo avvenimento: una morte improvvisa quanto inaspettata, il ritrovamento di un corpo di una donna nelle terre del Parco del Ticino. È denudata, non sembra aver subito violenza sessuale ma certamente è stata drogata, ed ancora indossa una maschera bovina e le mani sono legate dietro alla schiena. Sarà Clara Pontecorvo, la new entry, ispettrice toscana, di questo quarto libro sui Canti del Male a fare il collegamento con un omicidio rituale risolto dalla squadra di Vito Strega. Non solo la donna colpisce per il suo aspetto imponente e la sua altezza ma è anche dotata di ironia e schiettezza. Il corpo di Teresa Poletto, donna rinvenuta priva di vita, è un mistero che affascina. Chi era davvero la ragazza? Oppressa dai debiti ella viveva tra le stanze di un hotel. Ma come poteva sopravvivere in una situazione del genere? Perché la sua scomparsa è minimizzata sin nei più eclettici termini e dagli stessi parenti?

«La morte era come se fosse un’ospite indesiderata che si autoinvitava a una festa con la precisa intenzione di rovinarla, riuscendoci puntualmente. Era la sua maledizione. Non poteva godersi un attimo di felicità senza che il buio riuscisse a scovarlo e tormentarlo.»

Dal ritmo incalzante, una squadra ben mixata, composta da personaggi eterogenei e di varie origini sociali e culturali, riti ancestrali, misticismo e un ritmo narrativo rapido, accattivante, in un canto degli “innocenti” che prende sempre più forma e corpo, è “La settima luna”. Un libro che presenta una piccola, piccola lacuna, se così vogliamo definirla ma che… lascio al lettore il beneficio del dubbio di trovare.
Nel complesso un libro da leggere, un altro episodio delle avventure che merita di essere scoperto, una riconferma per il narratore. Un ritmo incalzante con dialoghi accattivanti e ben funzionali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La settima luna 2022-09-10 09:06:39 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    10 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Misfatti familiari

Piergiorgio Pulixi ha pubblicato, tra gli altri, Lo stupore della notte, L’isola delle anime, Un colpo al cuore, ed ora torna in libreria con La settima luna. Che vede coinvolta la squadra investigativa capitanata da Vito Strega.
La squadra sta, appunto, festeggiando per un caso risolto in Sardegna, quando una notizia li sconvolge: viene trovato un cadavere nelle terre del Parco del Ticino, è di una giovane donna, che è stata denudata, con una maschera bovina e le mani legate dietro la schiena. Non ha subito violenza sessuale, ma pare essere stata drogata. Il rituale ricorda quello già visto in precedenza in Sardegna. Un emulatore? O altro? Intanto si scava nel passato della vittima e non solo. La ragazza viveva in un hotel, pare oppresso dai debiti. Come faceva a sopravvivere? Perché tutti i suoi familiari, tranne la sorella, minimizzano la sua scomparsa, fino alla tragica scoperta? Cosa nascondo, soprattutto il padre?
Un giallo bellissimo, che ho divorato con voracità. Pulixi,
“In un romanzo dal passo ritmato di danza, si addentra nei meandri oscuri dell’animo umano,e interroga l’essenza più intima di una terra impenetrabile.”
Un romanzo che rimanda a riti ancestrali, alla notte dei tempi dove tutto ha origine. Un ritratto della malvagità umana, sui mali dei tempi moderni che coinvolge il lettore , anche non amante del genere a cui appartiene. Un’analisi lucida e spietata, narrata con una prosa fluida e precisa di grande impatto narrativo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Intrighi e morte sull'Adda
La casa delle luci
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio
Assassinio a Pedra Manna
Morte accidentale di un amministratore di condominio