Malastagione Malastagione

Malastagione

Editore

Casa editrice

È il il crepuscolo e il vecchio Adùmas ha appena bevuto qualche sorso di grappa, giusto per ingannare l'attesa, quando poco lontano spunta una bestia come non ne ha mai viste. Non c'è grappa o crepuscolo che tenga: davanti ai suoi occhi è appena comparso un cinghiale con un piede umano tra le fauci. I paesani, convinti che il vecchio abbia alzato troppo il gomito, sono subito pronti a schernirlo. Tutti, tranne Marco Gherardini, ispettore della Forestale che nonostante la sua giovane età sa bene quanti segreti possa nascondere la terra scura sotto i castagni. E poiché anche un Forestale può occuparsi di delitti, Poiana comincia subito a indagare attorno al caso del cadavere privo di un piede che forse giace in mezzo al bosco.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.8  (6)
Contenuto 
 
3.2  (6)
Piacevolezza 
 
3.7  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Malastagione 2014-10-29 18:31:19 topodibiblioteca
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    29 Ottobre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Brividi sull'Appennino

Ho riletto questo libro a distanza di alcuni anni e credo proprio di potere affermare che è stata una piacevolissima riscoperta! Malastagione inaugura un nuovo filone giallo della premiata ditta “Guccini-Macchiavelli” ed introduce un nuovo personaggio: Marco Gherardini detto “poiana”, ispettore della forestale in quel di Casedisopra, borgo situato nell’Appennino tosco-emiliano.

Chi ha già letto romanzi di Guccini e Macchiavelli è al corrente che i due scrittori amano profondamente la montagna e la frequentano assiduamente (Guccini ha abbandonato Bologna per tornare alle origini nella sua Pàvana, sull’Appennino modenese). Pertanto il territorio appenninico è il vero protagonista di questa storia ed i due autori hanno l’indiscusso merito di tratteggiare Casedisopra in maniera molto convincente. Questa amena località infatti la possiamo vedere, sentire, toccare con mano come se effettivamente fossimo là, magari seduti a gustare una bistecca Chianina nella locanda di “Benito”, divertendoci ad ascoltare gli sfottò che si scambiano gli avventori, tutti abitanti del posto che si conoscono da una vita. Le descrizioni dei paesaggi, dei boschi, delle abitudini tipiche risultano sicuramente credibili e verosimili. Così come sono assolutamente attuali anche i problemi: il progressivo abbandono di borghi e paesi, il fenomeno del bracconaggio, il pericolo di incendi dolosi, la speculazione edilizia (più o meno) selvaggia che sottrae terreno alla montagna per costruire case ed alberghi per turisti grazie alle generose concessioni dei Piani Regolatori adottati dai Comuni. La vicenda narrata tocca proprio questi elementi che stanno alla base dell’indagine condotta dall’ispettore Gherardini. Egli è sveglio, furbo e tenace e a quanto pare ben si merita l’appellativo di “poiana” che si porta dietro fin dalla giovane età. Gherardini è un vero uccello rapace: aspetta, osserva la preda e nel momento in cui questa si scopre la aggredisce e la inchioda alle proprie responsabilità!

In conclusione ritengo Malastagione una lettura leggera ma consigliata, tanto che al più presto leggerò anche il nuovo romanzo recentemente uscito (La pioggia fa sul serio) sempre incentrato sulla figura dell’ispettore Gherardini coinvolto in una nuova indagine. A mio avviso, l’unico neo, potrebbe essere la mancanza di un vero colpo di scena nel giallo. Infatti, chi si aspetta particolari emozioni, depistaggi, tradimenti, tipici della letteratura nordica o scandinava (ad es. Jo Nesbo), potrebbe rimanere deluso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
in primis altri romanzi gialli di Guccini e Macchiavelli
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Malastagione 2012-03-22 18:08:12 Fabio
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Fabio    22 Marzo, 2012

Allegro non troppo

Ancora l'Appennino e ancora piccole comunità. In fondo anche la Bologna di Sarti non è certo una metropoli. L'inizio è molto buono e la descrizione del borgo azzeccata, un po' meno i personaggi di contorno sfuocati anche se sgargianti. Piacevolissimi i dialoghi e le cose "della montagna" anche se i personaggi principali non riescono a far trasparire la ruvidezza dei montanari. Ottimo il richiamo alla natura e ai rapporti umani mentre l'intrigo si banalizza nel finale non spiegandosi e azzoppandosi nel tentativo della sorpresa. Il romanzo scorre benissimo ma, alla fine, senti di non aver letto niente d'imperdibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Vitali
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Malastagione 2011-10-03 01:54:30 Francesco
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Francesco    03 Ottobre, 2011

Piacevole

Per chi mai abbia vissuto la montagna, leggere questo libro accompagna dolcemente in contesti semplici e dai profumi antichi che soltanto la vita a pieno contatto con il nostro straordinario Appennino può offrirci.
Il "Poiana" è un ragazzo molto giovane (28 anni) che si ribella ad un mondo standardizzato da falsi valori. La tenacità di questo personaggio è estremamente coinvolgente.
Si percepisce dalla lettura del testo un desiderio di protezione e riscoperta di stili di vita oramai abbandonati e profanati da aspirazioni futili ed ingannevoli che ci allontanano dal gusto vero e semplice della felicità.
Guccini e Macchiavelli ci offrono una lezione di vita basata su rispetto e amore per ciò che davvero conta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Malastagione 2011-07-04 21:35:57 Marco
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Marco    04 Luglio, 2011

Fuori dal comune

Argomento dell'opera sicuramente "originale" per quanto riguarda i romanzi di Macchiavelli: qui non troviamo più i luoghi ed i personaggi a noi cari di Bologna, bensì un giovane della forestale, "Poiana", alle prese con un caso più unico che raro in un paesino degli Appennini emiliani. Sicuramente la trama non è incalzante, non tiene il lettore con il fiato sospeso come in romanzi precedenti ma, a mio parere, in alcuni punti il climax è comunque in crescendo, tenendo desta l'attenzione di chi legge.
Il romanzo nel suo complesso risulta quindi piacevole e leggibile, anche se il buon vecchio Sarti Antonio non tradisce mai.
Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Malastagione 2011-06-01 00:29:35 dreamer
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
dreamer Opinione inserita da dreamer    01 Giugno, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Acerbo

Chi ama la profondità delle creature di Guccini, il rutilante Macchiavelli dei gialli ambientati a Bologna, o il riuscitissimo "Tango e gli altri" della stessa accoppiata, rimarrà forse deluso come me da questa storia ambientata sugli appennini bolognesi. Peraltro la montagna ed i personaggi che la popolano sono le uniche cose vive del romanzo, mentre personaggi principali e comprimari non mi hanno convinto, descritti con pennellate troppo veloci ed in relazione tra loro con legami deboli e quasi casuali. La trama scorre un pò lenta e senza sussulti verso una direzione abbastanza prevedibile, per cui.. speriamo la prossima!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
41
Segnala questa recensione ad un moderatore
Malastagione 2011-02-09 15:52:30 bikerina
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
bikerina Opinione inserita da bikerina    09 Febbraio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

la prima recensione

Non vi aspettate nessun colpo di scena in questo libro.
E' una lettura piacevole, scorrevole, anche se preferivo Macchiavelli da solo.
Personaggi raccontati bene nelle loro miserie e meschinità ma anche nei loro valori.
Una storia di gente di montagna alle prese con un delitto....non è roba da tutti i giorni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Morte accidentale di un amministratore di condominio
Appuntamento mortale
Chiedi al portiere
La vita paga il sabato
La Svedese
Scripta manent
Un volo per Sara
Undici morti non bastano
Una stella senza luce
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore