Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
 

Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone

Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Una ragazza, nuda, in una grotta che affaccia su una spiaggia appartata della città; l’hanno uccisa con una coltellata al cuore. Un abito da sposa che galleggia sull’acqua. In un febbraio gelido che sembra ricacciare indietro nell’anima i sentimenti, impedendogli di uscire alla luce del sole, Lojacono e i Bastardi si trovano a indagare su un omicidio che non ha alcuna spiegazione evidente. O forse ne ha troppe. Ognuno con il proprio segreto, ognuno con il proprio sogno ben nascosto, i poliziotti di Pizzofalcone ce la metteranno tutta per risolvere il mistero: la ragazza della grotta lo esige. Perché non solo qualcuno le ha tolto il futuro, ma lo ha fatto un attimo prima di un giorno speciale. Quello che doveva essere il più bello della sua vita.


Recensione della Redazione QLibri

 
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone 2020-01-17 10:06:43 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    17 Gennaio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fiducia

Ventotto anni. Giovane, bella, carismatica era Franci. Era perché di lei ormai non resta che un corpo privo di vita, un corpo nudo ucciso da un fendente in pieno cuore, un corpo ucciso a poche ore da quello che sarebbe stato il suo matrimonio con Giovanni Sorbo, figlio incensurato (laureato in economia, residente a Milano e prestante attività lavorativa in una importante filiale bancaria del milanese) del boss dell’omonimo clan mafioso. Uno dei più importanti, uno dei più potenti. Come dunque non sospettare immediatamente di una sua responsabilità nell’uccisione della ragazza? Anche indiretta, ma pur sempre una responsabilità. Lojacono e la sua squadra, coadiuvati da Laura Piras, non sono però convinti di questa prima ricostruzione. Troppo semplice ma soprattutto c’è qualcosa che non torna. Gli abiti ripiegati in perfetto ordine, il luogo del ritrovamento in prossimità della grotta degli innamorati ma pur sempre in pieno territorio di criminalità organizzata, il fatto che la vittima non abbia reagito così da far pensare ad una fiducia mal riposta. Le indagini proseguono e con esse i pezzi di un puzzle che cerca di essere ricostruito tra il dolore dei familiari, del cugino, della di lui moglie e della di lei migliore amica, dei singoli personaggi dei bastardi di Pizzofalcone che tra un tassello e l’altro vivono le loro così diverse vite. Vite fatti di amori che non possono sbocciare, di amori che non possono essere dichiarati, di amori che tardano a trovare la loro luce, di amori che devono ricostruirsi per un bene superiore.

«Due più due. Alla fine, è sempre questione di due più due. Voi nel vostro mestiere fate così, no? Mettete in fila le cose, le sommate fra di loro e traete le conclusioni. E pensate pure che siano oggettive, le conclusioni. Che invece, ve lo posso garantire, sono spesso figlie del pregiudizio.»

Quello orchestrato in “Nozze” da Maurizio De Giovanni è un giallo dai tratti tipici dell’autore e al contempo composto da un mistero che ben si interfaccia e intermezza con le varie vicissitudini personali che riguardano ciascun protagonista. L’opera è dunque caratterizzata da un buon ritmo narrativo, rapido e fluente, a cui si affianca una trama compatta e ben costruita seppur sia facilmente intuibile chi sia il responsabile dell’omicidio. Ad ogni modo il testo è di piacevole lettura, porta avanti le avventure dei personaggi in modo lineare e senza eccessivi colpi di scena ed è capace di affrontare anche tematiche sottese quali, appunto, il non fidarsi delle apparenze, del pregiudizio. Forse non il migliore dello scrittore ma godibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone 2020-04-21 09:38:22 ornella donna
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    21 Aprile, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il commissariato più problematico

Tornano I Bastardi di Pizzofalcone in quest’ultimo libro di Maurizio De Giovanni, intitolato Nozze. Un libro condotto con particolare sapienza narrativa sia per la storia raccontata, curiosa ed avvincente, sia per la caratterizzazione dei personaggi, colti con precisione ed efficacia. Un testo a cui non sia può non affezionare proprio per questo tratto distintivo dei protagonisti, colti bene nel loro vivere e sentire quotidiano.
Il commissariato, nato dal raggruppamento di personalità investigatrici particolari e con qualche problema, sul quale nessuno è mai stato disposto a scommettere, che al contrario si è rivelato essere efficiente e di qualità, è qui sempre lo stesso. Un commissariato, i cui:
“fantasmi della chiusura si erano quasi del tutto diradati grazie ad una sequenza di successi professionali . (…) Eppure era una compagine raccogliticcia, composta dai rifiuti degli altri nuclei della città. Tutti poliziotti dei quali si poteva fare a meno, che avrebbero dovuto limitarsi a gestire la burocrazia di una struttura da liquidare a causa delle malversazioni di quanti li avevano preceduti.”
Ora è alle prese con un omicidio efferato: una giovane donna è stata trovata morta, in una grotta, nuda, e con accanto l’abito di nozze che avrebbe dovuto indossare proprio il giorno seguente. Chi ha commesso un crimine tanto disumano? Ha forse a che fare con la personalità ambigua del futuro suocero della donna, uomo in odore di mafia? E’ difficile indagare, i segreti paiono essere troppi, ma la verità non può esimersi, deve essere raggiunta.
Una bella lettura. Un testo che risponde bene ai canoni classici del genere a cui appartiene. Una lettura di fascino e di intrigo, che trasporta, con grande capacità, il lettore verso un finale che sorprende. Un’ottima analisi delle miserie umane, dei sentimenti, delle ambiguità che segnano spesso la condizione umana in quanto tale. Alla prossima avventura sulla scia di personaggi e trame che non si possono che amare in profondità.

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone 2020-01-21 17:18:12 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    21 Gennaio, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fiori d'arancio

Con “Nozze” torna in libreria, per la gioia degli affezionati lettori, la squadra di poliziotti in servizio in un Commissariato di Polizia di Napoli, detti i “Bastardi di Pizzofalcone”, protagonisti seriali di alcuni fortunati romanzi dello scrittore napoletano Maurizio De Giovanni, da cui sono state tratte anche alcune fiction RAI di grande successo.
Questi poliziotti sono così indicati perché si trattava, al principio della loro destinazione in servizio nel quartiere omonimo, dei peggiori elementi, per non dire gli scarti, dei vari commissariati di polizia sparsi per la città. Soggetti caduti in disgrazia, nelle sedi di provenienza, in apparenza per motivi disciplinari, ma in realtà vittime essi stessi per primi, poiché il loro personale umanissimo senso della giustizia li ha portati a strafare, in un modo o nell’altro, nell’esercizio delle loro funzioni, e quindi considerati dai superiori più come seccature ingombranti anziché valide risorse dell’organico.
Non sono cattivi poliziotti, tutt’altro, sono solo scomodi, è preferibile sbarazzarsene, in quanto patate bollenti da maneggiare con le molle, inclusi in una lista nera di indesiderati anche se ingiustamente. Elementi ideali da destinare come sostituti dei titolari in un commissariato fresco di scandalo, e prossimo alla chiusura, data la corruzione dei colleghi in ruolo, coinvolti in giri di droga, e quindi indicati come “bastardi” dai residenti del quartiere.
Serve quindi sostituire pro tempore i bastardi corrotti con altri poliziotti raffazzonati, comunque cattivi soggetti e quindi del pari imbastarditi, intanto che si completi l’iter burocratico della chiusura o accorpamento con altre sedi diversamente dislocate in città della struttura di quartiere.
Senonché la squadra delle presunte zavorre inutili e ingombranti si dimostra invece ben presto, già all’inizio del suo insediamento, un tutt’uno solido, solidale, splendidamente attivo e operativo sul territorio con la massima efficienza, efficacia e tempestività, ognuno di loro spinto dal ritrovato spirito di corpo, dall’orgoglio di lavorare fianco a fianco ai colleghi senza più il marchio dei reietti o cattivi soggetti, e grazie alla ritrovata fiducia nei propri mezzi la squadra così coesa tira fuori il meglio di sé.
Così “i bastardi di Pizzofalcone” risolvono brillantemente alcuni casi di difficile soluzione, costringendo quindi le autorità a rivalutare sia il commissariato che i suoi effettivi, tutti, nessuno escluso, anche ampliando la squadra con nuovi arrivi. Soprattutto i residenti riconsiderano gli agenti come figura intrinseca e rassicurante sul territorio, a cui affidarsi con fiducia e riconoscenza.
In quest’ultimo romanzo della serie, i nostri indagano su un omicidio alquanto insolito sia per la vittima coinvolta sia per le modalità di esecuzione dell’odioso reato, ma anche per l’apparente mancanza di un movente sufficientemente valido da spinger qualcuno a commettere un delitto tanto grave. La vittima è infatti una giovane, e ricchissima ereditiera, figlia unica di una coppia della Napoli facoltosa, omicidio avvenuto proprio il giorno prima del suo matrimonio, il giorno più bello della vita per qualsiasi ragazza al mondo.
Una giovane bellissima, ricchissima, colta, educata, Francesca è una ragazza solare e vitale, stupenda, frizzante, amata e riverita da tutti, senza un neo, una pecca, la classica brava ragazza orgoglio dei propri genitori. Anche il futuro marito è un bravo ragazzo, anche se di famiglia non proprio irreprensibile: si tratta infatti del figliolo di uno dei più potenti, e spietati, capi della malavita organizzata della città. Forse solo questo potrebbe essere un motivo valido a giustificare il delitto, una forma di vendetta trasversale, ma il futuro sposo è quello che si dice un giovane pulito e perbene, fuoriuscito fin dall’inizio dagli affari loschi della famiglia, un uomo che ha studiato proficuamente e si è formato professionalmente all’estero, rifacendosi un’esistenza cristallina.
Senza ombra alcuna di sospetto o di coinvolgimento negli affari loschi della famiglia, nemmeno in altra forma perfettamente legale, come oramai d’uso nella malavita, da colletto bianco impiegato nel riciclaggio dei capitali di delittuosa provenienza, nulla di tutto ciò, niente di neanche lontanamente illecito. Il giovane ha tagliato decisamente qualsiasi legame con ogni modus vivendi anche solo superficiale con gli affari di famiglia, con quel mondo ai margini o fuori dalla società civile.
E a questo sembrano pervenire sia le indagini sul campo della squadra dei bastardi, che quella della locale divisione antimafia, con cui agiscono in competizione, sia le indagini private, di pari se non superiore efficacia, svolte dallo stesso boss malavitoso, anch’egli desideroso di apprendere la verità e tuttavia anche lui propenso ad escludere un movente che coinvolga il figliolo solo per il nome che si ritrova. Ma intanto la giovane vittima è stata assassinata spietatamente, un’esecuzione fredda e predeterminata, con una sola coltellata al cuore, ritrovata completamente nuda e supina in un sito assai inconsueto. Si era infatti recata la sera prima del matrimonio in una grotta sul mare, un posto romantico e solitario dove sono soliti appartarsi gli innamorati, recando con sé il proprio abito di sposa, spogliandosi e sistemando in un angolo ordinatamente gli abiti indossati, senza alcun segno di violenza o di costrizione. L’omicidio viene denunciato proprio grazie all’abito nuziale, scagliato in acqua come per sfregio dall’assassino, poiché il classico completo bianco tradizionale da sposa viene avvistato galleggiare sul tratto di mare adiacente la grotta dell’omicidio, quasi il volteggiare di un fantasma bianco sul mare.
Un giallo, quindi, ma un mistero sui generis, come lo sono tutti i libri di de Giovanni, non solo quelli più noti della serie dei “Bastardi”, o quelli aventi a protagonista l’altrettanto fortunato personaggio creato dallo scrittore napoletano, il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, della Regia Questura della Napoli fascista.
De Giovanni non scrive gialli, anche se ne conosce la struttura e sa dipanarla al lettore, egli offre ben altro a chi legge, e lo fa da maestro, racconta cioè storie insigne di ordinaria umanità.
Non narra enigmi, misteri, intrighi, in sé e per sé, ma li prende a pretesto, rappresentano una scusa, l’innesco, l’input, con cui egli ci racconta, e ci descrive altro, il cuore delle persone.
Maurizio de Giovanni ci parla infatti di uomini, di donne, e delle cose, delle bellezze e delle storture, che dagli uomini e dalle donne vengono.
Ci parla di polizia, di commissari, di ispettori, di agenti, di sostituti procuratori, di medici legali, descrive con professionalità metodi e tecniche investigative, ci illustra le procedure di indagini con lealtà e rigore scientifico, ma non dimentica mai che ognuno dei personaggi è una persona, prima di essere un poliziotto, ciascuno di loro è diverso e fine a se stesso, ha un suo vissuto, un suo bagaglio emozionale, una sua realtà umana unica e inimitabile che in un modo o nell’altro trascende e trasfonde nelle sue azioni professionali. Non è un caso, è un effetto voluto; i personaggi fanno squadra, e si completano, ognuno di loro ha una sua storia, differente ma ugualmente interessante, che si intreccia in qualche misura sulla Storia su cui indagano: in questo modo, con questo espediente, De Giovanni ci racconta più storie in una. Essendo un appassionato affabulatore moderno, lo scrittore desidera dire, dirci, raccontare, emozionare, desidera spendersi in quello che più lo gratifica nella vita, in quello che ogni autore veramente degno di questo nome ama fare: scrivere.
E scrivendo De Giovanni ci parla delle persone che lui stesso incontra nel suo vivere quotidiano, che conosce, che sa, che vede, di cui sente dire, di cui ha letto, che vivono in una città che è un caleidoscopio di caratteri, di generi, di fatti, di avvenimenti che gli offre quindi una miniera inesauribile di personaggi, idee e avvenimenti, tutta la città ed il suo variegato campionario umano assurge a materia da considerare, valutare, sviscerare nelle sue verità, un capitale enorme di varie, variegata, e emozionantissima umanità.
Un’umanità eccezionale, che solo una città di eccezionale umanità come Napoli può offrire, con tutte le sue contraddizioni, miserie, commozioni, sensibilità, delicatezza, empatia ineguagliabile.
Anche “Nozze” non fa eccezione, o forse sì, perché in “Nozze” protagoniste assolute sono le donne.
Donna è una vittima, donne le poliziotte uniche ed unite ad individuare la verità dei fatti; donne sono le intuizioni che inducono a pensare che la realtà, spesso quella ideale, non è mai perfetta come vuole apparire; donne o femminili o femminine sono i particolari, i risvolti, i dettagli di tutta la storia, incentrata proprio nel momento più bello, e intrinsecamente femminile, della vita di una donna, quello in cui convola a nozze con la persona amata. Giunge al suo apice, in quel giorno fatidico, il tocco tutto assolutamente e squisitamente femminile di ogni donna nell’industriarsi nei preparativi, nell’ individuare la data e la chiesa adatte, nell’addobbo floreale, nella scelta dell’abito nuziale, che deve rispondere a precise caratteristiche per coniugare al meglio al presente antiche tradizioni tramandate da generazioni di donne, nel viaggio di nozze, nel ricevimento, nelle bomboniere, nel mazzolino di fiori che costituisce il bouquet da lanciare poi esclusivamente alle donne dopo la cerimonia.
Dettagli femminili che solo le donne possono approntare, hanno occhio per queste cose, sanno letteralmente sposare tradizione e tempi moderni, hanno attenzione per i dettagli più minuti, notano subito ogni minima discrepanza, che nessun uomo si degnerebbe invece di considerare, oltre che un’occhiata superficiale. Solo le donne intendono come nessun uomo potrebbe fare che una promessa sposa non oserebbe mai correre il minimo rischio di sgualcire il proprio abito nuziale, e un abito del tradizionalissimo color bianco per di più, il giorno prima della data cruciale, recandolo con sé in un luogo umido e sporco come una grotta sul mare; se lo fa è perché è una donna, prima ancora di essere una promessa sposa, e solo un’altra donna sa capirlo, intenderne il motivo supremo.
Le nozze, dopotutto, e in definitiva, sono l’apoteosi, e il capolinea dell’amore: e Maurizio de Giovanni questo fa, nei suoi libri parla di amore, ogni specie di amore reale, senza alcuna discrepanza.
Magari, al lettore maschile, individuare l’assassino può apparire facile già al principio del romanzo, il romanzo stesso sembra non essere al livello di quelli precedenti dello stesso autore, un gradino sotto per complessità d’indagine e individuazione del reo, ma è una illusione, una pia illusione tutta maschile: serve l’occhio di una donna per intenderlo, dopotutto il termine “nozze” è di genere femminile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Maurizio De Giovanni...e a chi ama Napoli, visceralmente!
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fiore di roccia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.6 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri