Narrativa italiana Letteratura rosa Correva l'anno del nostro amore
 

Correva l'anno del nostro amore Correva l'anno del nostro amore

Correva l'anno del nostro amore

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Olivia e Valerio sono cresciuti insieme e pur venendo da mondi molto diversi sono amici inseparabili da sempre. Olivia è l'erede di una ricca famiglia di industriali; Valerio è il figlio del giardiniere e della cameriera. Differenze profonde nell'Italia pericolosa e instabile degli anni Settanta. Presto devono separarsi. Valerio si trasferisce in un'altra città, ma quello che li lega è troppo forte. Tornano così a incontrarsi saltuariamente. E l'amicizia a poco a poco si trasforma in un sentimento che fa paura. Eppure continuano a inseguirsi, perché due anime legate nel profondo non possono perdersi mai.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Correva l'anno del nostro amore 2015-12-09 10:22:16 katia46
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
katia46 Opinione inserita da katia46    09 Dicembre, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Intrecci lunghi una vita

Correva l'anno del nostro amore, di Caterina Bonvicini, è una bella storia d'amore, tratteggiata con raffinatezza attraverso i due protagonisti; Valerio e Olivia. Lui figlio del giardiniere della famiglia Morganti, Olivia l'erede di una famiglia di costruttori, i Morganti appunto. Cresciuti insieme, le differenze sociali non sono mai state un problema, un ostacolo per loro. A cinque anni si danno il primo bacio, ma presto la vita, il destino, li costringerà a dirsi addio: Valerio si deve trasferire con la madre a Roma. Si ritroveranno per la festa dei diciotto anni di Olivia, intatto ancora quel sentimento, quella voglia di vivere che li ha uniti da bambini. Ritrovarsi innamorati è quasi inevitabile. Valerio si trasferisce a Bologna per stare vicino alla ragazza che ama. Nonostante il legame forte i due protagonisti non riescono a congiungersi mai completamente, quasi che le differenze sociali creino discrepanze anche nei sentimenti. Valerio è un ragazzo che desidera riscattarsi dal suo passato, Olivia troppo viziata per appassionarsi a qualcosa con sincerità. Ed è un peccato, perché questo loro amore non supera le differenze. E' questo il vero problema? Le differenze non attraggono, ma dividono? Attraverso uno stile pulito, preciso, ma profondo, capace di farci entrare dentro la storia, che è anche la storia dell'Italia del terrorismo, dell'ascesa di Berlusconi, la scrittrice ci lascia una lieve malinconia: poteva essere, ma non è stato. Nonostante un legame che si intreccia negli anni, incapace di spezzarsi, i due protagonisti non sono capaci di fidarsi del loro amore, vittime del destino delle loro nascite. Ci si può mai riscattare completamente dal proprio destino? I due protagonisti si inseguiranno per tutta la vita, ma saranno sempre incapaci di lasciarsi andare completamente. Non sono forti abbastanza per scommettere su loro stessi.
Attraverso una scrittura lieve, matura, resta alla fine della lettura un sottile velo di tristezza. Perché ci si può amare tutta una vita, ma senza riuscire a congiungersi completamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lettura piacevole, per chi cerca una bella storia d'amore.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Correva l'anno del nostro amore 2014-05-14 14:36:49 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    14 Mag, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quell'attimo oramai perduto..

Con una scrittura rapida, chiara e concisa la Bonvicini ha dato vita ad un’opera letteraria interessante e viva. Valerio ed Olivia sono semplicemente la fotografia dell’Italia di oggi.
Il romanzo si apre a Bologna a metà anni ‘70 con Valerio, un bambino di 5 anni figlio di domestici e profondamente legato ad Olivia, la classica “principessina” erede della famiglia Morganti.
Per i primi anni della loro vita i due bambini crescono insieme legati da un affetto puro e sincero, poi, a causa di una inaspettata separazione dei genitori di Valerio vengono divisi, lui è costretto a trasferirsi a Roma con la madre mentre la piccola Morganti continua a vivere tra lezioni di tennis, inglese, sci e chi più ne ha più ne metta. L’unica persona che cerca di farle vedere il Mondo e farle capire che c’è ben altro oltre al benessere a cui la giovane è abituata, è la nonna Manon, una delle poche donne laureatasi in tempo di guerra, socialista, antifascista e terribilmente intelligente ed acculturata. Ma si sa, i giovani tendono sempre a credere di “avere ragione” e di “saperla lunga” rispetto a chi ha qualche anno di vita in più sulle spalle.
Immediatamente Valerio comprende che la sua vecchia vita di “nastrini”, tate e favori è giunta al termine. E’ perfino un’arma a doppio taglio che potrebbe riversarsi contro di lui. Conosce la realtà di “borgata”, impara la “legge del più forte” privo di un qualsiasi supporto morale e affettivo da parte della sua nuova famiglia. Sua madre è ambiziosa, brama talmente tanto il “sentirsi qualcuno”, il “non dover più essere sottoposta ad altri” che non si interessa né del figlio né di Marta, sorella di Valerio frutto della sua nuova vita. Ma è davvero quel “riscatto sociale” che può darle la felicità? O la ricerca continua di un “benessere fittizio” non è altro che un palliativo incapace poi nel concreto di lenire alla sua infelicità? Il padre naturale di Valerio, rimasto a Bologna, conduce un’esistenza insofferente ed arrendevole. Dopo l’abbandono della moglie per un altro uomo si è lasciato andare, è “preda degli eventi”: -“Cosa vuoi.. E’ andata così..”-. Max il patrigno di Valerio è invece vittima dell’ambizione della compagna.
I tempi cambiano e due ragazzi crescono, a tratti si perdono, a tratti si ritrovano e l’affetto puro e sincero che provavano in gioventù si riscopre essere amore. Ma non appena i due se ne rendono conto vengono nuovamente separati dalle circostanze e dagli avvenimenti. Si rincontreranno e si riperderanno per poi ritrovarsi ancora specchiandosi l’uno nell’altra e in ciò che sono diventati. Valerio, figlio dell’ordinarietà concluderà i suoi studi tra sacrifici e volontà ma raggiungendo un obiettivo, Olivia si dimostrerà inconcludente ed incostante su tutti i fronti. Succube della sua alta borghesia si lascerà affascinare dall’apparenza di un’altra e diversa classe media che alla fine si rivelerà essere perfino peggio di quella da cui scappava e da cui tanto si sentiva “affranta”. Non essendo mai stata istruita a “lottare” per raggiungere uno scopo non riuscirà a costruirsi un suo “perché”, una sua posizione. Vivrà nell’apatia e nella consapevolezza che “essendo le cose andate così” è palese che è priva di qualsiasi forma di talento e dunque deve accontentarsi trovando un uomo che le dia “sicurezza e stabilità”. Semplicemente si perderà in vite che non le appartengono mentre Valerio smarrirà i suoi ideali per intraprendere una carriera che tutto è tranne un qualcosa di suo.
Marta, personaggio delicatamente presente ed assente, è forse l’unica protagonista “sana” perché priva di contaminazioni. Vive nella sua Roma, fa ciò che ama ed è libera. Ha un fidanzato e non sente il bisogno di tradirlo, si accontenta di ciò che viene ed è fiera di ciò che ha, non si lamenta mai. E’ ironica, semplice ma sincera. Perché essere ambiziosi e dover cercare un qualcosa che nemmeno nei fatti desidera se ciò che ha è tutto ciò che mai potrebbe bramare? La sua non è arrendevolezza, non è un “non voglio di più”, è un essere consapevoli di ciò che si ha, esserne fieri, dargli valore per ciò che è. E’ saper apprezzare, qualità oggi rara.
La penna della Bonvicini ricostruisce impeccabilmente la storia dell’Italia degli ultimi 40 anni, descrivendo minuziosamente gli avvenimenti salienti che si sono susseguiti in questa fase storica per arrivare poi a delineare come si è giunti al declino non solo economico del nostro paese ma anche morale, culturale e sociale. Un’Italia allo sbando e senza valori è quella che ci viene descritta, ma non è una visione prettamente pessimistica, è un invito a riflettere sul “come e sul perché” si possa essere giunti a questo risultato. Lascia al lettore l’interrogativo: -“Come si può invertire questo circolo vizioso in cui siamo intrappolati?”-.
E’ un romanzo senza pretese ma la storia è caratterizzata da personaggi che si fanno amare ed essendo i fatti narrati un qualcosa in cui chiunque può rispecchiarsi, la narrazione scorre rapida e risulta essere per il lettore concreta e reale. Conciso ed inequivocabile il finale, nel complesso degno di essere letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Un romanzo attuale sulla società moderna adatto a chi desidera una lettura scorrevole ma piacevole.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri