Buskashi Buskashi

Buskashi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Gino Strada, chirurgo di guerra e fondatore di Emergency, l'associazione umanitaria italiana per la cura e la riabilitazione delle vittime di guerra e delle mine antiuomo, racconta in questo libro la storia del viaggio in Afghanistan iniziato il 9 settembre 2001, due giorni prima dell'attentato terroristico di New York. L'autore firma questo diario di viaggio che è al tempo stesso una testimonianza della guerra che ha portato alla disfatta dei talebani, la conquista della capitale da parte dell'Alleanza del nord e la "liberazione" di Kabul.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Buskashi 2021-08-20 19:31:16 alessandrabrac
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
alessandrabrac Opinione inserita da alessandrabrac    20 Agosto, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un uomo di pace

Dopo la morte di Gino Strada e la tragedia in corso in Afganistan ho ripreso in mano, dopo vari anni, il libro Buskashì – Viaggio dentro la guerra, in cui il fondatore di Emergency racconta il suo viaggio verso Kabul all’indomani dell’undici settembre 2001, andando al contrario rispetto a tutti gli occidentali che, in previsione dell’attacco statunitense al paese, da esso stanno evacuando.
Perché Strada ha capito che da quel momento in Afganistan c’è ancora più bisogno di Emergency, perché “non si conosce atto di guerra senza rifugiati, senza sfollati, senza gente che fugge”, senza gente che ha fame. Guerra vuol dire “morti e feriti, mutilati e malattie ed epidemie”. Mentre tutti, ONU, WHO, WFP, UHNCR, evacuano Gino Strada cerca disperatamente di entrare in Afganistan ed infine ci riesce, un po’ in aereo, un po’ attraverso strade e sentieri di montagna. Arriva finalmente nel Panshir, dove qualche giorno prima dell’undici settembre è stato ucciso in un attentato Ahmad Shah Massud, il leader dell’opposizione afgana ai talebani. Arriva nell’ospedale di Emergency di Anabah dove cominciano ad arrivare anche le prime vittime, specie bambini, dei bombardamenti americani; da qui fa di tutto per riaprire l’ospedale di Kabul, chiuso per conflitti con il mullah Abbas, capo della polizia religiosa talebana, che non sopportava che Emergency curasse tutti i bisognosi, uomini e donne, talebani, mujaiddin e civili.
E’ la storia del viaggio verso la guerra di un uomo intrepido che la guerra la odia. Perché non esistono guerre giuste. “Il giusto altro non è che l’utile del più forte” In Afganistan molti esseri umani sono morti perché a molti è stato utile e perché molti si sono sentiti nel giusto, dice Strada in una parte del libro. E continua.... “mentre tutti agiscono nel giusto, i cittadini afgani vengono uccisi, molti mutilati e resi invalidi, molti sono i fuggitivi”.
Il libro contiene alla fine la dichiarazione universale dei diritti umani , con l’auspicio di Gino che quando si comincerà a metterla in pratica, allora si potrà sperare in un mondo che sta progettando il proprio futuro e non la propria autodistruzione. A distanza di quasi vent’anni dal libro purtroppo questo resta ancora un auspicio!

?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Buskashi 2014-07-31 19:10:34 giacomo
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da giacomo    31 Luglio, 2014

I resti di una carcassa...l'afghanistan

Gino Strada racconta, con uno stile estremamente essenziale, tipico di molti medici che si improvvisano scrittori, la missione in Afghanistan, successiva all'attacco dell'11 Settembre, di Emergency.
L'autore non narra solamente le difficoltà nell'entrare a Kabul, le conseguenze del conflitto e le paure dello staff,autoctono ed europeo, dell' ONG, ma critica duramente anche le politiche di alcuni stati e l'indifferenza dell'Occidente nei confronti di un paese da sempre dilaniato dalla guerra.
Libro dal contenuto cruento, che riesce a descrivere appieno la realtà del conflitto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Svelare il Giappone
A tutto Giappone
Iro iro. Il Giappone tra pop e sublime
In viaggio
Come se io fossi te
Lo spazio tra le nuvole. Il viaggio come cura
Il calamaro gigante
La neve di Yuzawa. Immagini dal Giappone
Verso la cuna del mondo. Lettere dall'India
L'isola delle tartarughe
I love Tokyo
Isolitudini
I love Japan
Tokyo tutto l'anno
L'albero delle quaglie
Quando guidavano le stelle