Disperanza Disperanza

Disperanza

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Un medico è perseguitato da un profondo senso di colpa. La sparizione volontaria di sua figlia lo getta nella disperazione: il segreto che si porta dietro da tempo potrebbe essere il motivo dell'allontanamento della ragazza. Ma come è possibile che lei sia a conoscenza del suo tormento? E come mai non ne ha mai parlato con lui? Testimone di questa forte tensione famigliare una portinaia, il cui padre fu deportato in Germania e per questo particolarmente sensibile all'umano soffrire. Nel triangolo tracciato dai tre protagonisti attorno al quale gravitano tutti gli altri personaggi - si snoda una vicenda fatta di reticenze e silenzi. Il romanzo esplora quelle zone grigie dell'anima e della società, gli umiliati e offesi, per le quali il nostro tempo ha sempre meno attenzioni.



Recensione della Redazione QLibri

 
Disperanza 2013-04-21 16:46:10 Sharma
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sharma Opinione inserita da Sharma    21 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Disperazione e Speranza

Quando cambia il corso della nostra vita? Spesso senza neanche accorgercene ad agire come giro di boa è un evento o una dimenticanza, avvenuta per puro caso e contro la nostra volontà. Ma quel frangente, che ha richiesto solo pochi secondi, è riuscito a capovolgere letteralmente la nostra vita.
Una vita pacifica fatta di routine, lavoro, famiglia, moglie e figlia. Questa è la storia del Dott. Giacomo Fontana, uomo affermato professionalmente, grazie anche ad un'innata dote di compassione e comprensione dei dolori altrui, lo hanno portato dove lui si trova adesso a barcamenarsi tra ospedale e studio privato. Una famiglia con moglie e figlia, tutto liscio e lineare. La moglie Anna che da lezioni di musica. La figlia Cecilia vicina alla maggiore età ed in procinto di conseguire la maturità classica. Ma qualcosa si innesta in questo idilliaco quadro familiare: la malattia di Anna. Nessuno riesce a dargli un nome, sta di fatto che giorno dopo giorno lei si chiude in se stessa, non parla quasi più. Un mutismo devastante, una malattia che la risucchia attimo dopo attimo, giorno dopo giorno.
Ma uno sfortunatissimo giorno Giacomo prima di uscire di casa per andare a lavoro dimentica delle fialette d'insulina con delle siringhe a casa. Sarà l'inizio della fine, l'inizio del suo giro di boa. La moglie le trova se le inietterà e....coma ipoglicemico....morte. Nessuno lo accuserà, la polizia ha compreso l'accaduto, ma la figlia cosa dirà della sua dimenticanza, della sua sbadataggine che ha causato la morte della madre? Cecilia non dirà niente perché lui non avrà il coraggio di confessarlo. E' giovane, deve sostenere gli esami di maturità la confessione può attendere.
Ma le cose, come al solito, non vanno come noi pensiamo, un mattino la figlia ricostruisce, per puro caso, il tutto e decide di andarsene partire per sempre, abbandonare il padre, scappare da quel peso troppo enorme per lei.
La vita di Giacomo muta completamente, non denuncia la scomparsa e va alla ricerca della figlia perduta.
Passano mesi, abbandona il lavoro, vive per strada con pochi panni cenciosi che si ritrova addosso, ritorna a casa solo di tanto in tanto per ripulirsi e poi vaga nuovamente alla ricerca della sua amata figlia, non perde mai la speranza nella sua disperazione, perché lui non comprende la sparizione di sua figlia:
“... ma giro attorno a questo pensiero come una vite spanata che si ostina, inutilmente, a volersi fissare nel legno.”
La riesce a trovare e di colpo comprende, si illumina e capisce che la figlia sa, la pedina, sa cosa fa e come passa il suo tempo, ma non riesce mai ad avvicinarla. C'è un qualcosa in lui che glielo impedisce, è bloccato, ha paura, terrore della reazione di Cecilia, paura di un suo rifiuto...
Troverà la forza in un modo nuovo, strano, inusuale ma solo così è cosciente che potrà portarsela a casa. Un dialogo interiore fra padre e figlia.
In poche pagine che costituiscono questo racconto l'autore con una prosa pulita, netta e precisa come il taglio di un bisturi ci fa addentrare nella miseria umana , nell'abbandono, nella dimenticanza del nostro prossimo, nei casi umani che girano intorno a noi e a cui noi volontariamente voltiamo la faccia. Ma ci parla non solo del grigio di un'esistenza e di varie esistenze ma anche di coloro che donano la vita con passione e amore a coloro che hanno avuto meno di noi, donando non il grigio della vita ma le varie sfumature di colore, come un arcobaleno in pieno cielo. Un inno alla speranza che si raggiunge dopo la disperazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri