Narrativa italiana Romanzi Il mondo deve sapere
 

Il mondo deve sapere Il mondo deve sapere

Il mondo deve sapere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Questo libro è il diario in presa diretta di un mese vissuto nell'inferno del telemarketing. Per trenta interminabili giorni, l'autrice ha venduto al telefono aspirapolveri a migliaia di casalinghe per conto della Kirby, una grande multinazionale americana. Intanto annotava, apprendeva e soffriva in prima persona le tecniche di condizionamento e le riunioni motivazionali, le premiazioni e le umiliazioni pubbliche, orari, salari e punizioni aziendali... "Il mondo deve sapere" racconta la precarietà, riuscendo miracolosamente a fare ridere. Fino alle lacrime.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il mondo deve sapere 2012-06-24 16:42:56 EvaBlu
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
EvaBlu Opinione inserita da EvaBlu    24 Giugno, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come Michela gliele cantò al Kirby

Ricordo che fino a qualche anno fa, se eri alla ricerca di lavoro prima o poi finivi per imbattertici.

Nell’arido deserto di richieste, era quasi impossibile non cascare nell’annuncio-esca che recitava più o meno: “cercasi ambosessi, volenterosi ed ambiziosi, pronti a valorizzarsi all’interno di un gruppo motivato, giovane e dinamico, in continua evoluzione che punta sulla crescita delle risorse umane.”

Accadde anche a me, fresca fresca di laurea e con tutte le buone intenzioni di mettere a frutto il pezzo di carta e soprattutto gli anni di sacrifici. Chimere ovviamente, ma ai tempi dei primi due colloqui di gruppo alla Kirby ( senza sapere che di Kirby si trattasse), ero ancora una speranzosa assertrice della giustizia dei maccanismi sociali.

Che l’azienda in pompa magna fosse alla ricerca di telefoniste pronte a far scoccare appuntamenti indirizzate alla vendita di un elettrodomestico, lo sapevi pressappoco al terzo colloquio di gruppo. Un simile ritardo credo fosse dovuto al tentativo di intortare noi poveri ingenui con meccanismi di annichilimento collettivo e vane promesse di un futuro lavorativo prospero ed ambizioso; futuro che partiva, tuttavia, con un contratto di collaborazione ed un fisso mensile di neppure 150 Euro lordi.

La mia buona sorte fu quella di andare alla ricerca di una toilette proprio mentre, in una sala non troppo distante da quella dei colloqui, si teneva una riunione motivazionale indirizzata a coloro che già dell’organico erano entrati a far parte: una roba da far accapponare la pelle; con tanto di urla da ritornello Ka Mate dei guerrieri Maori.

La mia reazione fu solo una: la fuga!

Michela Murgia, invece, non ebbe probabilmente la mia fortuna di farsi scappare la pipì al momento giusto, e fu così che, sin dal primo giorno di vera a propria attività lavorativa, iniziò a raccontare in un blog la sua avventura di telefonista alla Kirby.

Diario portato avanti con stile ironico e con un eccellente spirito di osservazione e di analisi delle dinamiche di mercificazioni che un’azienda è in grado di adottare sia nei confronti dei propri dipendenti, precari emotivamente deboli ed insicuri che vengono irretiti in subdoli meccanismi psicologici in grado di farli crollare emotivamente fino ad una completa disintegrazione, sia rispetto al resto del mondo, rappresentato principalmente da casalinghe “turlupinate” fin dentro le sicure mura domestiche per l’acquisto di uno strumento per la pulizia della casa scadente e vergognosamente sovra-prezzato, il blog di Michela è successivamente diventato un romanzo-documento ed un film.

Perché “il mondo deve sapere”: e se poi si riesce ad essere informati tramite la penna di una scrittrice all’epoca in erba ma già talentuosa ed arguta, allora la lettura, per quanto comicamente amara ed inesorabilmente del nostro tempo, riesce anche a diventare piacevole e di sicuro successo.

È incredibile come Michela sia riuscita a cantargliele al Kirby! Che poi io mi chiedo: ma il Kirby, esiste ancora?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi cerca una sorta di documento sociale di alcune delle facce più temibili dei nostri tempi - il precariato, la necessità di lavorare, le aziende anti-etica - camuffato da diario-romanzo
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il mondo deve sapere 2011-08-09 21:11:56 Suali
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Suali Opinione inserita da Suali    09 Agosto, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mondo deve sapere

Nato come blog, che l'autrice aggiornava durante il periodo in cui lavorava come telefonista presso la Kirby, ditta di vendita porta a porta di aspirapolveri, è diventato poi un vero libro di denuncia contro le truffe e gli sfruttamenti. Offre un valido scorcio di quella che è la realtà di chi si trova al di là del telefono e delle tecniche utilizzate, ma anche di chi sta oltre le telefoniste, i "vertici" che con ogni sorta di manipolazione psicologica riescono nelle loro strategie di marketing. Non c'è una soluzione se non quella di mantenere sempre la mente lucida e i piedi per terra, senza perdere di vista i propri, veri obbiettivi e alla fine decidere di conseguenza se rimanere o scappare.
Scorrevole e piacevole, unisce l'utile al dilettevole strappando ampi sorrisi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri