Narrativa italiana Romanzi L'uomo con il sole in tasca
 

L'uomo con il sole in tasca L'uomo con il sole in tasca

L'uomo con il sole in tasca

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di L'uomo con il sole in tasca, romanzo di Cesare De Marchi edito da Feltrinelli. Il romanzo si svolge a Roma in un futuro non lontano. Il presidente del Consiglio viene rapito dalle "Nuove Brigate Rosse". Luigi Leandri si occupa del caso. Il presidente, nella sua angusta cella tra strette pareti insonorizzate, passa dalla crisi di claustrofobia alla lucidità investigativa, dalla paura della morte all'impazienza. I tre sequestratori discutono animatamente: Cecilia, impulsiva e violenta, vorrebbe processare subito il rapito e giustiziarlo; il giovane Mario sembra indeciso, Pietro, il capo del gruppo, impone la calma. Nella cella i sequestratori interrogano il prigioniero cominciando dai suoi primi investimenti come imprenditore. Lui è deluso, riteneva di essere un prigioniero politico, e dibatte con vivacità sull'opera nefasta della magistratura e della pubblicistica. Si parla di mafia, di Sindona, e il presidente risponde sempre puntiglioso, qualche volta scherzoso. Dopo la prova dialettica, il presidente è rincuorato, si sente sicuro e affronta l'interrogatorio con una sorta di leggerezza accademica, quasi salottiera, e si convince sempre più di potersi salvare. Frattanto Leandri continua le sue ricerche, animato da una sorta di ottimismo della ragione e pessimismo della volontà. In realtà è ormai vicino a scoprire il covo dei sequestratori. Cecilia, che ha tentato di far fuori il presidente, si spara. Il gruppo abbandona il rifugio...

Cesare De Marchi è nato nel 1949 a Genova, dove ha trascorso la prima giovinezza, e ha compiuto gli studi a Milano laureandosi in filosofia; nella città lombarda ha vissuto fino al 1995, allorché si è trasferito in Germania, dove attualmente risiede. Dal 2003 è presidente della Società Dante Alighieri di Stoccarda. Oltreché come narratore, De Marchi si è fatto apprezzare anche per la sua attività di studioso e traduttore, soprattutto in ambito germanistica. Nel 1998, con Il talento, ha vinto il Premio Campiello e il Premio Comisso e, nel 2006 i premi Frignano e Dessì per La furia del mondo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.3  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo con il sole in tasca 2014-08-15 16:15:26 Pelizzari
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    15 Agosto, 2014
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Consentitemi...

…ma appena inizi a leggere questo libro, ti è subito chiaro a quale Presidente del Consiglio l’autore intende riferirsi!!! Questo libro racconta la storia del suo ipotetico rapimento e gli aspetti chiave sono fondamentalmente due: il processo che il sequestrato subisce dai suoi rapitori, durante il quale il presidente dà prova della sua innegabile dialettica, e la caratterizzazione psicologica dei tre rapitori, che si ricostruisce sia durante i dialoghi diretti fra di loro sia durante le fasi del processo in cui raccogli comunque, anche se in modo indiretto, interessanti elementi su ciascuno di loro. Il mio personaggio preferito è Luca, il capobanda, per la sua calma e per il suo self-control. Il libro è veramente ben scritto e gli stati d’animo del presidente sono molto vivi, dalla crisi di claustrofobia alla lucidità analitica, dalla paura della morte all’impazienza. Ho trovato meno interessanti le discussioni a sfondo politico, ma l’idea di fondo della storia è veramente buona.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'uomo con il sole in tasca 2013-02-08 22:05:50 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    09 Febbraio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'Italia recente sotto processo

Libro strutturato in modo molto intelligente perché, a mio avviso, riesce a coinvolgere ed appassionare il lettore in una duplice chiave di lettura.
Infatti in questo romanzo l'autore narra sia di un ipotetico sequestro del Presidente del Consiglio italiano, anche senza nominarlo mai si capisce che si parli di Berlusconi, sia della situazione politica italiana di oggi.
L'ansia del rapito, le paure di essere scoperti dei rapitori, le indagini delle forze dell'ordine si mescolano benissimo con l'interrogatorio che deve subire il sequestrato; ed è in questo miscuglio di situazioni che De Marchi fa trapelare sia il lato umano dei protagonisti del libro che la difficile ed ingarbugliata situazione socio politica dell'Italia.
Scorrevole ed intrigante, il titolo del romanzo scaturisce dalla convinzione del protagonista di poter ottenere qualsiasi cosa dalla vita


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri sia con risvolti umani che storici
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo con il sole in tasca 2012-10-17 14:43:02 maria.luperini
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
maria.luperini Opinione inserita da maria.luperini    17 Ottobre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La manomissione delle persone

Parafrasando l’omonimo titolo del romanzo di Carofiglio, che tratta invece della manomissione delle parole, potrebbe essere questo il riassunto minimo del bel libro di Guido De Marchi. Un testo di fantapolitica scritto in un italiano preciso e colto, tuttavia moderno, che regge un gioco letterario e intellettuale affascinante e coinvolgente fino alla fine. Perché, invece, “L’uomo con il sole in tasca”?
“Un velo dorato: così gli apparve, dalla finestra cui appoggiò la fronte, l’alba di quel giorno (…) il sole stesso si annunciava appena (…) Ma lui quel sole se lo sentiva già dentro, lo aveva in tasca, lui, il sole: e la bellezza dello spettacolo che si apriva ogni mattina ai suoi piedi completava, forse, ma nulla aggiungeva alla sua felicità” (pag. 11). Che è poi la felicità dell’uomo di successo. Inizia così il romanzo e già costruisce il personaggio del Presidente del Consiglio, in cui si può facilmente riconoscere Silvio Berlusconi. La storia è quella del suo sequestro ad opera delle nuove Brigate rosse, sulla falsa riga di quello di Moro. Nel resoconto del suo interrogatorio vi è tutta la sua dialettica, nonché l’abilità di capire le persone e di sfruttarne le debolezze a suo favore, attraverso il dominio dell’immaginazione e dei desideri. Uno splendido e puntuale ritratto di manipolatore che ha la meglio su chiunque, sia esso pure un terrorista, viva di sogni (e bisogni) non realizzati. “A noi interessa che parli”, dice Mario, uno dei sequestratori, ma “nella sua logorrea ci infilerebbe anche delle risposte sensate all’interrogatorio? Quello tira fuori di tutto e di più, anche delle sue mutande ti parla, ma non di quello che gli chiedi” (pag. 45). Tant’è che del conflitto d’interessi, su cui verte il capo d’accusa del processo brigatista, il prigioniero non parlerà mai e riuscirà a condurre il gioco a modo suo, creando liti e contrasti tra i membri del gruppo. Intorno alla sua figura conosciamo a poco a poco, nell’evolversi delle situazioni e delle problematiche del sequestro, i tre terroristi. Luca, il più anziano, che è anche il capo, ex appartenente alla prima lotta armata, quella degli anni ottanta, che dimostra di essere il vero antagonista politico e che la personale lealtà e il rimpianto del passato rendono solo e perciò fragile. Cecilia, la ragazza del gruppo, accecata dal fanatismo e in perenne contrasto con lui. E Mario, il suo compagno di vita, il più giovane e ingenuo.
Su tutti, il personaggio del commissario Leandri, incaricato delle indagini, che si dimostra traghettatore dal passato al presente, quasi rassegnato alla sopravvivenza del peggio e alla morte di qualsiasi morale. “Il vero mutamento era insieme più profondo e meno visibile, avveniva nell’individuo ma non scaturiva da lui (…) alterando il senso di giustizia e dei rapporti umani, la lingua quotidiana e la mimica e forse persino la fisionomia (…) per esaurirsi poi nell’ignavia” (pag. 113). Il suo incarico e la lealtà allo Stato gli impongono di fare il suo lavoro, anche se quasi si augura di non risolvere il caso, trovando il covo: “Fosse anche stata un’eventualità verosimile, era poco per pensare di rinunciare a cercarlo, poco perfino per sperare di non trovarlo” (pag. 117). La lotta intima e morale d’un uomo profondamente onesto, deluso dal mondo (“Il mondo che cambia…ma che cosa cambiava veramente?” (pag. 113) e dal potere politico, che, con le sue riflessioni apparentemente secondarie tra le descrizioni dei deliri e delle diatribe di terroristi e prigioniero su mafia e democrazia, potere politico e società, diventa il filo conduttore dell’intero libro.
Un tuffo nel passato, per chi gli anni di piombo se li ricorda. Un educativo adeguamento al presente per i giovani. Per tutti, un’attenta e geniale analisi politica dei rischi attuali: non è più tempo di sogni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri