Narrativa italiana Romanzi La bambina del lago
 

La bambina del lago La bambina del lago

La bambina del lago

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Appennino emiliano: dall'alto di uno sperone di roccia, Paese Nuovo sovrasta un lago. Sotto le sue acque si intravedono la chiesa e il campanile di un altro villaggio, Paese Annegato, che venne sommerso quando fu costruita la diga per imbrigliare le acque del fiume Cigolo. Nell'estate del 1930 il dottor Astorre si trasferisce qui come medico condotto. Lo accompagna la figlia Aladina, dieci anni, molto provata dalla perdita della madre, che è nata e cresciuta proprio a Paese Nuovo. Alcuni abitanti li accolgono con affetto: Cleonice, che si occupa della grande casa in cui vanno ad abitare; Tina, la rude ostessa; il Podestà, giovane socialista nominato nonostante il fascismo; il Professore, che conosce i segreti del paese e non svela a nessuno i suoi. Il primo impatto della bambina con la montagna è traumatico: si chiude in se stessa e la madre le manca sempre più. Dialoga con animali domestici; osserva il mondo impenetrabile della quercia secolare che svetta di fronte alla sua finestra; pare sia la sola in grado di aprire la porta della soffitta che custodisce gli oggetti della madre bambina. Fino a quando, di ritorno da una passeggiata, racconta di un concerto di campane sgorgato misteriosamente dalle acque del lago. Il padre, temendo per la sua salute, pensa di tornare in città. Lo dissuade il Professore: Aladina non è la prima a sostenere di aver sentito le campane e, come riporta una storia popolare, potrebbe essere una delle poche privilegiate a possedere "il seme della magia". Tutto cambia quando Aladina incontra Gufo, un bambino solitario come lei che ama scorrazzare per i boschi. Guidata da Gufo e dal Professore, conoscerà la montagna e i suoi misteri, gli animali veri e leggendari che la abitano. Grazie al suo sguardo di bambina, scoprirà, e ci farà scoprire, alcuni dei segreti protetti dal lago o tenuti nascosti da secoli di superstizione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La bambina del lago 2019-10-03 11:32:15 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    03 Ottobre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Aladina

Il suo nome è Aladina ha appena dieci anni ed è fiera e felice di quel nome che trae origine da “Le mille e una notte”. Fanciulla di gran carattere e temperamento, da sempre ella attende la visita al Paese Nuovo, luogo natio della madre Gialdiffa e che purtroppo riuscirà a vedere soltanto quando la madre verrà a mancare. Il destino non aspetta i comandi degli uomini e non concede seconde possibilità. Aladina è sola con quel padre di nome Astorre che accetta, senza indugio e senza remore, di far da medico condotto presso proprio quella montagna ove la moglie era nata e cresciuta. È il 1930 quando il duo parte a bordo della Balilla a tre marce, è un giorno d’estate e la bambina è entusiasta all’idea di visitare Paese Nuovo, non è però consapevole, ancora, che si tratta di un viaggio definitivo e non di una breve vacanza.
Giunta nella nuova realtà e maturata questa consapevolezza la piccola muta nel suo atteggiamento, inizia a chiudersi. L’appennino emiliano domina dalla sua altezza, Paese Nuovo, sovrasta un lago che al suo interno cela una chiesa e un campanile di un altro villaggio, Paese Vecchio. Cleonice, Milcare del Poderetto, il Professore, il Podestà, il liguarro e tanti altri personaggi iniziano a far parte della vita dei protagonisti.
Aladina sente ma il mondo che la circonda diventa il suo parco giochi, gli animali i suoi migliori amici e poi ci sono loro, le campane. Le ha udite, e chissà, forse anche lei, ha quel dono così raro e particolare. L’incontro con Gufo, il bambino solitario che ama i boschi, la porterà a conoscere animali leggendari e altrettanti veri, porterà il lettore a scoprire quei segreti custoditi da una superstizione più forte di ogni altra cosa.
Con una penna magica, lineare e preziosa, Loriano e Sabina Macchivelli donano al grande pubblico una favola in piena regola che solletica le corde più intime del lettore grazie a una genuinità e a una naturalezza capace di raccontare e affrontare attraverso la magia tematiche importanti quali la perdita di un genitore. Al tutto si sommano le ambientazioni che sono, agli occhi del conoscitore, magiche e vivide nella mente. L’impostazione narrativa adottata è tipicamente in stile Macchiavelli, così come le ambientazioni storiche che ricorrono nei suoi elaborati più famosi, quindi, se deciderete di leggere questo componimento, vi sentirete semplicemente a casa. Vi è perfino un indice introduttivo atto a delineare le caratteristiche principali dei tanti protagonisti di questo ricco testo.
“La bambina del lago” è una storia che fa sorridere e che fa commuovere, è una storia che sa tenere imbrigliato il suo lettore, è una storia che sa far divertire ma che sa anche solleticare le corde più sensibili del cuore. Un romanzo che si divora, che si legge d’un fiato, che fa sognare e riflettere e che per questo è adatto tanto ad un pubblico più adulto che più giovani.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri