Narrativa italiana Romanzi La leggenda dei monti naviganti
 

La leggenda dei monti naviganti La leggenda dei monti naviganti

La leggenda dei monti naviganti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Un viaggio di settemila chilometri che cavalca la gobba montuosa della balena-Italia lungo Alpi e Appennini, dal Golfo del Quarnaro (Fiume) a Capo Sud (punto più meridionale della Penisola). Un'Italia di quota, poco visibile e poco raccontata. Le due parti - o forse i due "libri", alla maniera latina - del racconto, Alpi e Appennini, hanno andatura e metrica diverse. Le Alpi sono pilastri visibili, famosi; sono fatte di monoliti ben illuminati e percorse da grandi strade. Gli Appennini no: sono arcani, spopolati, dimenticati, nonostante in essi si annidi l'identità profonda della nazione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
4.7  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La leggenda dei monti naviganti 2016-08-01 07:42:33 Pelizzari
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    01 Agosto, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dalle Alpi alle Piramidi

Apri il libro e già rimani impressionato ed affascinato dalla cartina delle due metà d’Italia che ritrovi, disseminate di appunti di viaggio e di piccole storie del taccuino dell’autore viaggiatore. Sì, perché i due viaggi che racconta sono reali ed è bellissimo mettersi nei suoi panni, nella sua testa, nelle sue scarpe, perché l’autore, partito per fuggire dal mondo, ha finito per trovare un mondo nei mille luoghi senza voce nascosti fra le vertebre della lunga schiena nazionale e nei mille volti ed incontri che sono la maggiore preziosità di queste due avventure. I due viaggi si sono svolti in periodi temporali diversi. La prima parte del libro è dedicata al viaggio lungo le Alpi, dall’estremo est all’estremo ovest, lungo la cornice esterna d’Italia, lungo la catena montuosa dominante. Affascinante, non c’è che dire. Ti fa venire voglia di indossare gli scarponi e raggiungerlo, ovunque sia, basta poter vedere quello che ha visto lui. La seconda parte del libro è dedicata al viaggio lungo gli Appennini, dalla Liguria all’Aspromonte, ed è, se possibile, ancora migliore, perché è stato un viaggio capillare, su strade minori, compiuto con una Topolino del 1953, che gli ha permesso di percorrere la colonna vertebrale d’Italia e di capirne l’anima. Perché un mezzo di trasporto lento, come una bicicletta o un’utilitaria, attirano solo i simpatici, i bambini, i matti, i solitari, i vecchi originali dalla memoria di ferro, che sono proprio le persone con cui vale la pena di fermarsi sulle strade della vita e che sono state la maggiore ricchezza che questo viaggio ha portato all’anima dell’autore ed a quella di chi lo ha letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
La leggenda dei monti naviganti 2014-12-03 11:08:55 charles
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
charles Opinione inserita da charles    03 Dicembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ottimo

Un libro che non lascia indifferente.
Attraverso le Alpi in bicicletta e poi giù per
gli Appennini fino all'Aspromonte in Topolino, tutto per raccontare
un'Italia dimenticata e trascurata da uomini e istituzioni: pastori
erranti, consorzi di ragazze allevatrici di pecore, boscaioli solitari,
taverne dove si raccontano le gesta di Annibale e guardiani di rifugi
rubati all'Odissea. Paolo Rumiz dà il meglio di se e tira fuori dal cilindro fraseggi e soliloqui di grande poesia, riuscendo a far sognare pur mantenendo i piedi per terra e non risparmiando anche decise stoccate al "sistema Italia" di burocrati e palazzinari.
A me ha fatto molto pensare e anche rivalutare tanti aspetti di un'Italia che non conoscevo. Dieci euro spesi
benissimo, consigliato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ama viaggiare e soprattutto a chi ama e rispetta la natura
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La leggenda dei monti naviganti 2009-03-24 22:31:19 tokigio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
tokigio Opinione inserita da tokigio    25 Marzo, 2009
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il viaggio come grande arricchimento

Libro di viaggio, di ricerca, di origini e di luoghi nascosti e segreti.

Sorprendentemente piacevole nei contenuti, nelle immagini e nella scrittura assolutamente piacevole con alternanza di "eventi di viaggio" e "sentimenti di viaggio". Bellissime le immagini, i luoghi nascosti e le persone incontrate, si respira lo spirito del suo viaggio e della sua piccola, parte attiva e particolare attrazione oggetto di curiosità, stima e gelosia...un secondo protagonista.

Grande capacità di espressione degli aspetti meno tangibili e concreti del viaggio stesso. Scrittura molto colorata e ricca.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri