Narrativa italiana Romanzi Ms Kalashnikov
 

Ms Kalashnikov Ms Kalashnikov

Ms Kalashnikov

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice

Ms Kalashnikov è il racconto tutto in presa diretta di una giovane fotografa di guerra che esce dalla comfort zone del quotidiano e porta il suo corpo sul campo, in diversi angoli del pianeta, per ascoltare e darci la possibilità di ascoltare le voci di altre donne. Da Capo Verde al confine tra Libano e Siria, alla Repubblica democratica del Congo, il viaggio di F. finisce in un continente depredato prima dal colonialismo e ora dalla globalizzazione, nelle zone devastate dalla violenza della lotta civile o della guerriglia, nei luoghi del mondo che sfruttiamo ogni giorno mentre viviamo le nostre comodità mai in discussione. F. vuole vedere e scoprire con i suoi occhi un mondo altro, senza più tutti i filtri di una cultura dominante. Storie toccanti, di donne che amano, sognano, ballano, si truccano, e al tempo stesso si ribellano, lottano, uccidono.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
 
Ms Kalashnikov 2016-09-23 14:48:59 Christy Unbuonlibro
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Christy Unbuonlibro Opinione inserita da Christy Unbuonlibro    23 Settembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anche le donne sanno combattere

Ho letto Ms Kalashnikov con grande interesse, spinta da diverse tematiche e ideali a me cari che sono alla base del libro. Oltre che dalla mia passione per l’Africa, che in parte fa da sfondo alle storie raccontate.
Francesca Tosarelli è una giovane fotografa di guerra, ha viaggiato molto e ha visto tante cose nel mondo, belle e brutte, senza mai fermarsi. In questo libro ha deciso di mettere nero su bianco, insieme all’autore Riccardo Pedrini, la sua ricerca delle storie di donne guerrigliere da fotografare, documentare e portare in luce alla visione del mondo. Perché quello che non sappiamo è che le donne combattenti sono più di quante possiamo immaginare, sparse nelle varie zone di guerra.
I due autori ci raccontano i loro viaggi, alternandosi nei capitoli, come una sorta di diario. Partendo da Capo Verde, dove nasce e si sviluppa l’idea di Francesca di parlare delle donne, per arrivare in Congo.
L’intero libro è un documentario che presenta al lettore realtà molto diverse da quelle occidentali, dove il saper usare un’arma può fare la differenza tra la vita e la morte. Realtà che difficilmente immaginiamo e soprattutto troppo spesso dimentichiamo. Un libro definito da molti un manifesto.
Ho visto molte foto scattate dalla fotografa in queste zone e, parlando da ignorante in materia, le ritengo vive. Ogni sua foto mi ha trasmesso un brivido, perché mi rendo conto che i soggetti non sono messi semplicemente in posa, ma quelle armi sono davvero tra le loro mani e rappresentano la loro quotidianità.
Ho ammirato la determinazione di Francesca, che nonostante non abbia sempre avuto l’aiuto economico da parte di giornali o riviste, ha deciso comunque di andare avanti e ha creduto fino in fondo al suo progetto.
Oltre a raccontare di altre donne, Francesca ha voluto mettere anche sé stessa al centro delle storie, per rendere ancora più chiara l’idea delle differenze tra i due mondi e parlare del suo rapporto oltre che con il femminile, anche con il maschile. Rapporto che in queste zone, dove l’uomo è solitamente despota e padrone delle “sue” donne, è difficile da immaginare.
Ms Kalashnikov è un libro che soprattutto noi donne dovremmo leggere, per comprendere ancora meglio come sia vista la figura femminile in certi posti e renderci conto che la realtà in cui viviamo non è l’unica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ms Kalashnikov 2016-09-15 08:48:38 Amante di Libri
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Amante di Libri Opinione inserita da Amante di Libri    15 Settembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Donne non più vittime ma combattenti

“A volte le avventure che ti cambiano per sempre assomigliano a quelle che affronti quasi per caso.”
Durante la visione del catalogo della casa editrice “ChiareLettere”, il primo libro che ha colpito la mia attenzione è stato “Ms Kalashnikov”, sia per il titolo particolare sia per questa copertina a sfondo nero, raffigurante questa donna pronta alla guerriglia. Inizio a documentarmi e scopro, con mio grande piacere, che si tratta di un libro sulle donne, ma non una semplice descrizione della vita delle donne bensì delle guerriere, combattenti. Donne piene di sogni, desideri che tuttavia, vivono una quotidianità diversa dalla nostra: sono donne che lottano sul campo da Capo Verde al confine tra Libano e Siria alla Repubblica del Congo. Ms Kalashnikov non è solo il racconto in presa diretta di Francesca Tosarelli, la quale con grande coraggio ha deciso di uscire dalla sua zona di “pace” e di tuffarsi in guerra per vivere, sentire e percepire con tutta se stessa quest’esperienza. E’ un romanzo che può dare tanto a chi si accinge alla sua lettura perché da voce ai pensieri di donne che provengono da diversi angoli del pianeta. Ci mostra le zone devastate dalla violenza della guerra, le loro usanze e persino, nonostante il clima di terrore, anche un loro modo di far festa, vestirsi e comunicare.

Attraverso gli occhi di Wu Ming 5 e F. Tosarelli riusciamo a far luce su questo nuovo mondo basti pensare alla storia di Ja, donna forte, muscolosa ma allo stesso tempo timida e riservata che estrae la sabbia in condizioni molto precarie. Nonostante ciò, presenta una grande forza interiore , che spinge la stessa scrittrice ad avvicinarsi a lei, provando non solo curiosità ma stima ed amicizia. Emerge il desiderio di Ja di ottenere il visto turistico e nello stesso tempo la rinuncia per le varie porte che le sono state sbattute contro, la sua voglia di completare gli studi, d’insegnare alla materna. Casa, lavoro e serenità, cose per noi normalissime ma che per loro valgono tanto, in un mondo dove la mancanza di soldi e di buone condizioni di pace non permettono di condurre una vita serena e agevole.

Si susseguono all’interno del libro, le varie pagine di diario di R.P. e F., che contengono riflessioni, momenti particolari di questa loro esperienza. Questo romanzo si presenta come una possibilità di nuova scrittura, intima e molto autobiografica, che ci catapulta dentro il loro vissuto interiore. Un passo, che trovo esemplificativo di tutto il libro, mi risuona ancora in testa:

“Di giorno in giorno, in questo autunno, mi analizzo, provo a ricaricare le batterie, mi interrogo. Me la vivo meglio che posso. Mi alleno, studio, danzo. No. Non me la vivo bene. Il cuore è altrove, dove le donne hanno scelto di non essere più vittime e provano a prendere in mano la propria vita, o ciò che ne rimane. E combattere.”

Saltano all’occhio, anche le parole di Fanette Umuraza, quando descrive la situazione delle donne in Congo, l’aspettativa dei genitori sul matrimonio all’età di diciotto anni e all’opposto la sua strategia di far lavorare le donne insieme in campi maschili. L’obiettivo era mostrare alle donne, le capacità che possiedono e che sono in grado di essere uguali agli uomini. Possono desiderare le stesse cose, pianificare gli stessi progetti ed effettuare un training formativo, per proteggersi, dagli stupri, violenze ed uscire dallo status di vittima di guerra. I lutti, saccheggi, la fame sono tutti elementi che fanno parte del loro quotidiano, di queste donne che al posto dei libri tengono il mitra in mano.

“Le donne servono eccome in guerra, pure al fronte. Allo stesso modo, se c’è una resistenza, c’è bisogno di braccia. E se le donne saranno lì, al fianco degli uomini, armate, dotate di più o meno potere, con capacità differenti, quello della guerra sarà uno snodo centrale per il cambiamento.”
Dall’altra parte, come già ho accennato, accanto a situazioni di guerre, attentati, di deprivazione e soprattutto sogni infranti, vi è il comprendere le loro usanze, tradizioni e rapporto con il corpo. La musica incalzante di Olomide che ti entra nelle vene, i balli, i loro vestiti dai colori sgarcianti (come rosso, azzurro, giallo) ci portano all’interno della dimensione popolare, dove la comunicazione attraverso il corpo è alquanto eccezionale e travolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ha letti Mille splendidi soli o storie di donne siriane
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Erosione
La città e la casa
Sangue di Giuda
La sottile differenza
L'altra linea della vita
Le perfezioni
Domani e per sempre
In tua assenza
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
L'anno capovolto
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR
Lingua madre