Narrativa straniera Avventura Vendetta di sangue
 

Vendetta di sangue Vendetta di sangue

Vendetta di sangue

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Quando un uomo come Hector Cross perde tutto quello che ha, il suo dolore e la sua furia possono essere devastanti. Una mano assassina ha spezzato la vita di Hazel Bannock, la donna che amava e che stava per dargli una figlia. La neonata è sopravvissuta e ora Hector è solo, con una bambina da crescere, e un'indomabile sete di vendetta e di giustizia. E' il momento di combattere la Bestia, il gruppo di terroristi che Hector credeva di aver sconfitto. Ma bastano pochi passi nella follia e nella violenza perché Cross capisca che il nemico ha molte facce. Volti nascosti in torbidi segreti di famiglia, che Hazel non ha mai avuto il coraggio di confessargli. Volti che adesso tornano dal passato per colpire, affamati di potere e di denaro, ebbri di violenza e di perversioni, assetati di sangue.

Recensione della Redazione QLibri

 
Vendetta di sangue 2013-02-23 15:58:44 rondinella
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    23 Febbraio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una Vendetta... senza sale!

Accattivante. Insapore. Entusiasmante. Piuttosto vuoto.
Non sono impazzita, no. E' semplicemente la mia opinione.

Hector Cross ha tutto ciò che un uomo può desiderare: una bella moglie, un buon amico e tanti soldi. Troppi soldi. Il Dio denaro è impietoso, e spesso colpisce i suoi seguaci con dure azioni.
Hector Cross è un uomo tutto d'un pezzo: sua moglie rimane vittima di un assassinio e lui desidera vendetta. Superba vendetta.
Chi ha ucciso la sua adorata Hazel? I soldi sono l'unico motivo? Cosa si cela dietro il potentissimo impero della Bannock Oil?
Se volete scoprirlo, prendete questo voluminoso tomo ed immergetevi nella lettura.

Un'immersione completa, intanto. Già dall'inizio si viene catturati completamente, tant'è che è difficile straccarsi, le pagine volano via senza problemi, fluide; lo stile non ha nulla di complesso, perfettamente aderente al genere, ottimo collante dei nostri occhi che scorrono agilmente tra le righe.
Wilbur Smith non vi risparmierà nulla: descrizioni crude o più dettagliate, ma il tutto in modo da non annoiare mai. D'altronde, un romanzo d'avventura deve invogliare il lettore a proseguire dotandosi di tanta suspance, e lui ci è magistralmente riuscito, non vedrete l'ora di terminare.
La narrazione prosegue incalzante, senza intoppi o punti morti, vivida e coinvolgente.

E a questo punto vi domanderete: perché un giudizio così basso?
In breve: Vendetta di sangue è un libro pieno di contenuti, ma contenuti 'vuoti'.
Come ho già detto si fa leggere con piacere, è denso di azione, colpi di scena, vicende inaspettate, turpi passioni e tanto altro... il lettore non fa fatica ad immaginare il tutto, le scene scorrono intense nella sua mente. Ma sotto, poi, non c'è nulla.
Vuoto: personaggi 'meccanici', davvero non ho provato alcuna simpatia per loro, soprattutto per i cosiddetti 'buoni', mi sono sembrati troppo abbozzati, senza quel soffio dell'anima capace di renderli 'umani'. Capisco che da un romanzo d'avventura non si pretendono abissi psicologici, ma questa 'carenza' si riflette anche su tutti gli svolgimenti principali del romanzo levandogli emotività e veridicità.
Ne risulta un'atmosfera generale fredda, troppo distaccata, di 'superficie',o almeno così a me è sembrato.

In conclusione direi che è una lettura che consiglio se amate il genere, se non avete aspettative letterarie; nonostante la mole infatti si legge in fretta, è un libro leggero che alla fine dà anche soddisfazione e fa sentire 'pieni'. Sazia per bene, anche se ad un'analisi più attenta è abbastanza 'insipido'. E povero di nutrienti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Lettura adatta a tutti, ma senza troppe pretese
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
2.4
Stile 
 
2.5  (4)
Contenuto 
 
1.8  (4)
Piacevolezza 
 
2.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Vendetta di sangue 2013-11-29 13:51:46 SARY
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
SARY Opinione inserita da SARY    29 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Buoni contro cattivi

Hector, il protagonista, è un uomo dalle tante qualità, spiccano in particolare il coraggio e la forza. Gestisce una società di sicurezza ben ammanicata ed è sposato con la splendida miliardaria Hazel. Sono innamorati ed aspettano un erede, un quadretto familiare perfetto, ma nel passato si celano atrocità e sofferenze. Infatti, Hazel anni prima aveva perso la figlia per mano di alcuni predatori africani per questioni di petrolio ed il marito, il nostro eroe, aveva estirpato all’origine il male. É stato proprio così? Hector, Hazel e Catherine vivranno a lungo felici e contenti?
La trama non è male, purtroppo le aspettative sono alte e non vengono soddisfatte. L’inizio è noioso, cronaca rosa di vip ricchi e felici, seguono pagine a ritmo sostenuto. Il lettore rianimato è risucchiato dal vortice degli eventi, con una caccia primitiva all’uomo, non c’è spazio per le galanterie, qui gli istinti animali esplodono, l’uomo ferito vuole vendetta. E vendetta sia. L’autore si dilunga su particolari raccapriccianti per stomaci forti, fiumi di sangue e cattiveria gratuita. Il ritmo a metà cala ed ecco il colpo di scena, anzi, il colpo di grazia: il libro nel libro. No, non ci siamo proprio, perché l’autore non ha scritto due libri diversi? Oppure perché non ha inserito quel centinaio di pagine all’inizio, dando un ordine cronologico ai fatti? La storia prosegue con allusioni sessuali per tutti i gusti e si avvia alla conclusione tralasciando punti essenziali, in modo frettoloso. Vista la mole del libro, una decina di pagine in più per chiarire e chiudere il cerchio non avrebbero fatto la differenza.
Il finale è aperto, resta la curiosità di sapere chi e come metterà la parola fine alla scia di sangue.
La penna è semplice ed agevola la lettura, che nel complesso ho trovato piacevole. Tanti personaggi, diverse ambientazioni ed innumerevoli situazioni adrenaliniche. È come guardare un film, un romanzo da trasposizione cinematografica (o vi hanno già provveduto?). Ci vedo benissimo Bruce Willis nei panni di Hector e Cameron Diaz in quelli dell’amica russa; .mentre leggevo pensavo ad un incrocio tra Innocenti Bugie e Red. Forse ho pensato troppo a Bruce Willis e quindi non sono molto oggettiva e lucida nella valutazione.
Lo consiglio a chi ama l’avventura ed il pericolo, un passatempo leggero e senza pretese.

“La ferocia degli uomini gli ha strappato ogni cosa che amava. E nulla è più implacabile di un uomo che ha perso tutto.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Vendetta di sangue 2013-09-19 06:27:16 Adriano
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Adriano    19 Settembre, 2013

Una delusione

Lo stile è scorrevole e il libro si fa leggere volentieri sotto l'ombrellone, ma l'impressione è che si tratti di un'operazione puramente commerciale, con poco o nulla di veramente valido sotto il profilo letterario. La trama in particolare è slegata, prevedibile e con personaggi stereotipati, senza elaborazione interiore. Il protagonista in una trasposizione cinematografica potrebbe benissimo venir interpretato da uno Swarzenhegger prima maniera. Di contro abbondano violenza e riferimenti sessuali con sconfinamenti nel bondagismo (tutta roba che fa vendere). Il libro non è certo un'esaltazione di buoni valori morali (e questo si sa , basta leggere il titolo..) per cui trovo inutili gli sporadici e patetici tentativi di far passare i protagonisti per persone migliori di quello che sono.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vendetta di sangue 2013-03-22 10:48:48 Ferretti
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Ferretti Opinione inserita da Ferretti    22 Marzo, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Siamo proprio sicuri che l'abbia scritto lui?

WS è stato un grande Maestro. Per decenni ci ha affascinato con storie appassionanti e aneddoti che ci hanno aiutato a comprendere meglio la storia e i drammi di quella parte del mondo. Da troppo tempo i suoi libri sembrano scritti più per adempiere obbligazioni contrattuali, che per condividere con i lettori la passione che lo spingeva a scrivere romanzi indimenticabili. Leggo perplesso alcuni commenti di lettori entusiasti; posso solo pensare che non conoscano le sue saghe, che in definitiva sono quelle che lo hanno elevato alla posizione che ricopre nel panorama letterario.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Da leggere prendendo il sole in spiaggia, se poi lo dimentichi sulla sdraio, non succede nulla, non è un libro del quale si può essere fieri al vederlo esposto nella propria libreria.
La storia è incalzante. Si fa leggere. Prova pure a dare dei tocchi di classe, parlando di vini e pietanze, ma privi di classe, e per quel che ricordo WS, di classe ne aveva da vendere.
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vendetta di sangue 2013-03-06 17:28:34 marzio
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
marzio Opinione inserita da marzio    06 Marzo, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fritto misto "Lesso"

Non credo di riuscire a leggerlo fino in fondo. In realtà non c'è nè bisogno, dopo la prima pagina si capisce cosa accadrà nelle prossime dieci, ed è così ad ogni cambio di situazione. Segue pedestremente una traccia cara agli studi cinematrogafici americani, sembra più un canovaccio per un film che un libro. Le situazioni descritte sono banali, stereotipate, gratuitamente violente e volgari...e mi fermo. Non lo consiglio proprio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri