The Heroes The Heroes

The Heroes

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Bremer dan Gorst, maestro di spade caduto in disgrazia, ha giurato di reclamare sul campo di battaglia l’onore perduto. Il Principe Calder non ha alcun interesse per l’onore e di certo non ha intenzione di finire ammazzato. Tutto quello che vuole è il potere, e si servirà di qualsiasi bugia ed espediente, tradirà tutti gli amici per raggiungerlo. Curden lo Strozzato, l’ultimo uomo onesto rimasto al Nord, ha dedicato la sua vita all’arte della guerra, ricavandone solo ginocchia gonfie e nervi logori. Il destino del Nord sarà deciso da tre sanguinosi giorni di battaglia. Ma con entrambi gli schieramenti corrotti da intrighi, debolezze, ostilità e meschine gelosie, è improbabile che siano i cuori più nobili o anche le armi più potenti a prevalere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
The Heroes 2023-03-11 21:11:53 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    11 Marzo, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

2 matrimoni felici su 2 in un grimdark: miracolo

Con il tempo mi sono accorta che tendo ad orbitare quasi sempre verso romanzi di media lunghezza, perché i titoli troppo brevi raramente mi convincono in pieno, e per contro quelli con 500 pagine o più mi intimidiscono: penso sempre che potrei leggere due libri "normali" anziché uno così lungo! Ed ecco perché ho aspettato tanto per recuperare i volumi companion de La Prima Legge, ma la bella esperienza di lettura de "Il sapore della vendetta" mi ha spronata a continuare anche con gli altri; ed infatti parliamo di "The Heroes" che ovviamente ho impiegato più di una settimana per completare. Per fortuna la prosa di Abercrombie riesce sempre a trascinarmi nel Mondo Circolare, rendendo intrigati i suoi tomoni.

Lasciata la Styria, la narrazione ci porta questa volta nel continente settentrionale dove, ad otto anni dalla conclusione de "L'ultima ragione dei re", è in corso un conflitto che vede contrapporsi gli Uomini del Nord sotto la guida di Dow il Nero contro una coalizione formata dai soldati fedeli a Mastino e l'esercito dell'Unione (qui tradotto come Alleanza) capitanati dal Lord Maresciallo Kroy. Scontento per il protrarsi della guerra, il Primo Mago Bayaz raggiunge l'armata ed ordina di convogliare le forze in un'unica, grande azione militare; si arriva così al cuore del romanzo, che racconta principalmente i tre giorni di battaglia nella città di Osrung e nella campagna vicina, dove sorgono alcuni circoli di pietre tra i quali quello noto come gli Eroi.

La storia è quindi estremamente circoscritta -sia nel tempo sia nello spazio- ma si intuisce facilmente che le ripercussioni di questi eventi non saranno tanto importanti per il volume in sé quanto per quelli successivi ambientati nello stesso universo narrativo. Questa prospettiva alletterà magari i fan del caro Joe, però ha come rovescio della medaglia una trama troppo dipendete dagli altri libri: non tanto da rendere la lettura incomprensibile, ma abbastanza da lasciare perplesso chi ci si approcci convinto di leggere un romanzo autoconclusivo a tutti gli effetti.

Un difetto che reputo totalmente soggettivo riguarda invece i POV principali: a differenza degli altri titoli di Abercrombie ho faticato non poco ad apprezzare questi protagonisti. Quelli che più mi hanno convinta sono Finree "Fin" dan Brock ed il Principe Calder, soprattutto per come risultano vitali nella risoluzione dell'intreccio; anche Curden lo Strozzato ha un buon arco narrativo nell'insieme, mentre il Colonnello Bremer dan Gorst non sarà un personaggio particolarmente accattivante ma regala comunque qualche battuta divertente. A non essermi proprio andati giù sono stati il Caporale Tunny e Beck, specialmente quest'ultimo che non ha neppure il merito di fungere da comic relief; la sua storia poteva essere tranquillamente omessa o accorpata ad altre. Anche perché questi sei non sono gli unici POV presenti: una buona parte del numeroso cast racconta almeno un paragrafo dalla sua prospettiva, aggiungendo anche pensieri e opinioni sugli altri.

Proprio l'intrecciarsi di queste prospettive è uno degli aspetti più particolari e riusciti del romanzo, perché risulta molto utile per descrivere le scene più caotiche in modo comprensibile ed interessante, con il punto di vista che passa da vittima a carnefice e viceversa, in un crescendo incalzante. In generale, tutti i combattimenti vengono descritti in modo verosimile, dando anche spazio alle emozioni dei personaggi, senza per questo sacrificare la chiarezza del testo.

Ho apprezzato particolarmente il buon mix di personaggi già noti (tra gli altri ritornano Mastino, Ishri e Brivido) con alcuni del tutto inediti, che si uniscono all'intreccio di base dell'universo narrativo, ed infatti mi aspetto di vederli ancora presenti nei seguiti. Anche dividere a metà lo spazio dato alle due fazioni è stata una valida scelta: seppur tutti i personaggi scritti da Abercrombie siano discutibili nella migliore delle ipotesi, nei volumi precedenti si era sempre portati a patteggiare per un determinato gruppo, mentre qui viene posto l'accetto proprio sull'assenza di una parte nel giusto.

L'edizione italiana presenta poi un problema tutto suo, ossia la combinazione di una traduzione spesso farraginosa, dei nomi diversi rispetto agli altri volumi ambientati nel Mondo Circolare e dei refusi sempre più numerosi con il procedere della lettura. Speriamo quindi in una ripubblicazione che non solo renda nuovamente disponibile questo titolo nel nostro Paese, ma gli ridia anche dignità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
The Heroes 2015-01-20 15:42:06 Fonta
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    20 Gennaio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I piccoli grandi eroi

Gli eroi. Dei miti, delle persone che, con i loro atti si sono guadagnati riconoscimenti e meriti in battaglia.

Gli eroi. Persone straordinarie, ammirate e rispettate.

Già, ma chi sono realmente gli eroi? Cosa fanno per meritarsi questo prestigioso appellativo?

Da questi spunti parte il romanzo di Abercrombie, ambientato in un luogo fantasioso, con due schieramenti altrettanto inventati ma, che hanno delle fondamenta nella realtà più profonda di molti popoli ed eserciti passati ed attuali.

Il popolo del Nord è il conflitto con l'esercito dell'Alleanza. Due realtà diverse, due mondi diversi che si sfidano per la supremazia. I barbari contro gli aristocratici, il popolo dei clan con valori semplici ma, sinceri contro l'esercito reale, tanto perfetto ed impostato alla vista, quanto disorganizzato ed incompetente ai vertici interni.

Molte le figure che ruotano attorno a questi due schieramenti, che ci fanno apprezzare pregi e difetti di ambedue le fazioni ma, anche se il lettore sarà portato ad affezionarsi alla figura di Curden lo Strozzato, i veri protagonisti saranno altri due:

Il principe Calder, ovvero un uomo del nord, figlio dell'ex regnante spodestato, amante della bella vita, delle bugie e degli inganni, sa ammaliare con la parola e non ha mai maneggiato un arma. E' forse lui l'eroe?

Dall'altra parte della barricata Bremen dan Grost, un nobile decaduto, che l'esercito dell'Alleanza ha redento facendogli fare una mansione che lui odia. E' lui, che buttandosi a capofitto in ogni battaglia, cercando solo una morte gloriosa, compirà atti impossibili. E' quindi lui il nostro eroe?

Un territorio di sfida insignificante alla geografia, un altura denominata "degli Eroi" (appunto..), poco da guadagnare e molto da perdere...a voi l'epilogo!

Chi lo ha detto che i romanzi fantasy debbano discostarsi dalla realtà? Francamente in questo libro ho trovato ben poco di fantasioso o di immaginario, a parte luoghi e personaggi, che hanno però una parvenza di verità disarmante.
Abercrombie ci porta nei meandri più oscuri delle guerre (passate ed attuali), ci riporta le emozioni dei soldati e le difficoltà dei generali, il tutto imbevuto di sete di potere e voglia di emergere.

Un libro i cui tratti storici e di battaglia ricordano i primi libri di Cornwell, ma che a mio parere vanno oltre il maestro del romanzo storico medievale, addentrandosi sul senso della guerra e sull'inutilità di essa, anche se va detto, questo va a discapito dell'azione e dell'iterazione fra i personaggi...francamente mi aspettavo maggiori giochi di potere e più dialoghi serrati, che vengono sostituiti da descrizioni minuziose di luoghi e strategie che, a mio modesto avviso, rendono prolisse e lunghe parti del libro.

Resta comunque una piacevole lettura che consiglio più agli amanti del genere storico che a quelli del genere fantasy (anche medievale...non fatevi ingannare...con Il Trono di Spade c'entra poco o nulla!!!)

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
The Heroes 2013-07-07 15:57:44 rondinella
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    07 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un monologo al maschile

Questo è un libro 'maschio' in molti sensi:
- i personaggi sono quasi tutti uomini;
- il linguaggio è, di conseguenza, estremamente fine;
- ci sono tutti tipi 'tosti' (o che perlomeno, così sembrano);
- diciamo addio ad inutili idealizzazioni del tipo 'sei il mio EROE' e così via.
Ora, tralasciando le disgressioni riguardo il sesso del libro (che comunque ritengo utili per farsi un'idea), devo dire che si tratta di una lettura particolare, non totalmente appagante ma nemmeno da buttare via. Si tratta appunto di uno dei quei casi dove è d'obbligo pensare 'si può dare di più'.

La quarta di copertina per una volta ci azzecca: avete presente Martin e l'impietosità nei riguardi delle sue creature?
Joe Abercrombie non scherza a riguardo: come il collega (a fine libro ammette candidamente di aver preso alcune idee da vari autori) abbandona il buonismo e la 'perfezione' del fantasy classico per indagare il meschino, egoista e corruttibile animo umano relegando il fantasy a funzione marginale.
Quindi astenersi se siete amanti di gloria, onore, coraggio e giustizia: qui, di eroi, non ce ne sono. Neanche un grammo.

Ci sono due cose che ho apprezzato particolarmente: lo stile nelle descrizioni e i personaggi.
Riconosco immediatamente la bravura dello scrittore nelle descrizioni, il lessico si fa funzionale nel tratteggiare gli ambienti e più personale quando il soggetto è l'uomo, con molta premura nell'adattarsi al personaggio; ma ciò che ho più apprezzato è stato il modo in cui ha colmato lo spazio tra i dialoghi e tra le azioni: pensieri, monologhi interiori di una certa ironia, 'perle di saggezza' con nulla di glorioso: insomma, nessuna riga davvero necessaria eppure il brodo è stato allungato in modo gradevole, sfizioso, e si arriva a fine libro con la sensazione di aver letto tanto, quando, effettivamente, non c'è granché.
Secondo punto a favore, i personaggi: guerrieri? Sì e no. Paladini? Non esistono... Secondo la filosofia di Abercrombie durante la guerra ognuno riesce a dare... il peggio di sé!
No ad inutili buonismi, no a spassionate idee di libertà, no alla pietà o alla forza della parola: il campo di battaglia è la tomba per i vili e per gli impavidi, è la scacchiera d'interessi dei potenti che muovono le pedine come vogliono con noncuranza. I protagonisti non sono uomini eccezionali, spesso sono alla stregua di 'antieroi', ben caratterizzati, sviscerati nelle loro passioni: una metafora del mondo attuale, forte e prepotente.

A questo punto vi domanderete perché non ho dato il massimo dei voti.
Nonostante temi e situazioni incontrassero i miei gusti ho riscontrato una certa superficialità quando il tempo si fermava ed iniziava il flusso dei pensieri e dei ricordi dei personaggi; c'è questa guerra che si combatte ma non si capisce perché, ci sono cose accennate a cui non si dà una spiegazione. Tutto ciò non è importante ai fini complessivi del romanzo (che si potrebbe quasi classificare come letteratura non di genere) ma il detto - non detto lascia delle perplessità.
Ho avuto delle difficoltà anche a seguire gli scontri: le cartine aiutano, ma l'arco di tempo breve e lo show don't tell, se enfatizzati in modo eccessivo disorientano un po'. Mi sono ritrovata a leggere passaggi nel pieno della battaglia senza sapere che questa era iniziata, come una lente d'ingrandimento che si sposta qua e là lasciando dettagli in ombra.
Può darsi che la colpa sia della casa editrice che per motivi incomprensibili a noi comuni mortali ha deciso di iniziare con questo volume invece che con la precedente trilogia... un peccato.

In definitiva un fantasy (se così si può ancora definire) meritevole, con una voce potente e graffiante, conquista e si fa leggere volentieri. Forse, data la dose di sangue e di testosterone, è più adatta ad un pubblico maschile, ma se il lettore non si aspetta il grande amore o il cavaliere leale va bene per tutti.
Cos'altro dire? La vittoria è dei codardi e Joe, se stiamo parlando di uomini senza scrupoli, bagna un altro po' nel sangue.
Consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La moglie del califfo
Redemptor
Il regno delle ceneri. I libri di Ambha
Arianna
La dea in fiamme
Shorefall
Se Mefistofele sbaglia Faust
Half Lost
The witch's heart. La leggenda di Angrboda
La repubblica del drago
L'ultima missione di Gwendy
La piuma magica di Gwendy
Raybearer
La guerra dei papaveri
Half wild
The Quick