Io sono leggenda Io sono leggenda

Io sono leggenda

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


E' il 1976. Robert Neville torna a casa dopo una giornata di duro lavoro. Cucina, pulisce, ascolta un disco, si siede in poltrona e legge un libro. Eppure la sua non è una vita normale. Soprattutto dopo il tramonto. Perché Neville è l'ultimo uomo sulla Terra. L'ultimo umano sopravvissuto, in un mondo completamente popolato da vampiri. Durante la notte Neville se ne sta rintanato nella sua roccaforte, assediato dai morti viventi avidi del suo sangue. Ma con il sorgere del sole è lui a dominare un gioco crudele e di meccanica ferocia, scandito dalle luci e dalle ombre di un tempo sempre uguale a se stesso e che impone la ripetizione di un rituale sanguinario. In questo mondo Neville, con la sua unicità, si è già trasformato in leggenda.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 11

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.3  (11)
Contenuto 
 
4.5  (11)
Piacevolezza 
 
4.6  (11)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Io sono leggenda 2016-05-06 07:42:55 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    06 Mag, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Robert.

Robert Neville è l’unico sopravvissuto; l’ultimo essere umano sulla Terra. Ogni giorno regole precise e scandite dall’esperienza determinano la sua vita garantendone la sopravvivenza. La sua è una battaglia dalla quale sa di non poter uscire vincitore, eppure non si arrende. Va avanti, tra alti e bassi, momenti di ispirazione che si alternano a tanti altri di costernazione, attimi in cui la sola e possibile consolazione a quell’isolamento a quella ferita ancora aperta per la morte della moglie Virginia e della figlia Kahy, a quell’impotenza di fronte ad una superiorità numerica e ad un nemico sconosciuto, è sorseggiare (e poi scolare) un whisky liscio con una sigaretta tra le labbra e la settima o nona sinfonia di Beethoven, o ancora il secondo concerto per pianoforte di Brahms, in sottofondo.
La solitudine è la sua migliore amica, se stesso la sua unica compagnia. Ogni miraggio di possibilità di legame affettivo o di interazione con un qualsiasi altro soggetto, è mera illusione. E allora ritorna sullo studio, sull’analisi della minaccia, sul perché di quei vampiri che ogni giorno e ad ogni ora persistono ad assediargli la casa. Ma anche questa è una motivazione relativa a cui sussegue nuovamente l’impotenza, poi l’accettazione ed ancora la ribellione.
Una delle pietre miliari della letteratura horror/fantascientifica è “Io sono leggenda”, classico del 1954 firmato Richard Matheson, un testo che nella sua brevità racchiude al suo interno molteplici riflessioni. Il primo elemento sul quale è infatti possibile interrogarsi è l’irrefrenabile istinto di sopravvivenza di Robert. Cosa lo spinge ad andare avanti? Perché nonostante tutto non si arrende, non abbandona quella partita che lo vede inevitabilmente perdente? E’ l’umanità, quel desiderio costante di voler provare, di cercare una soluzione ad un problema anche se più grande di noi perché incapaci di accettare un qualcosa così, per partito preso, senza tentare almeno di porvi una soluzione, a questo elemento consegue naturalmente l’impossibilità di staccarsi da quel che sappiamo essere stato e che non abbiamo più. O ancora è quel bisogno di sentirsi umani in una dimensione che di umano non ha più niente.
Chi è davvero il nemico di Neville? Qual è il vero ostacolo da abbattere, il vero soggetto contro cui combattere? Non è il vampiro, ma Robert stesso. Egli è tanto il suo miglior alleato quanto il suo peggior avversario. In una realtà dove qualsiasi individuo si troverebbe in difficoltà il sopravvissuto non molla e molla al tempo stesso. Non sa lui per primo per cosa sta combattendo e dunque, per quale ragione non lasciarsi a tutto quel di distruttivo che ha in casa? Però deve studiare, deve capire il perché e il per come, deve trovare una giustificazione, non può concedersi alla resa. Ma che vada tutto a quel paese, bicchieri sbattuti sul muro, alcol a volontà. La disperazione nuda e cruda. Ed ancora, la ricerca incessante di quel “perché”. Queste e tante altre tematiche sono contenute in un libro unico.
Uno stile semplice, ironico, schietto, magnetico, che arriva e cattura nelle sue maglie il lettore, sin dalle prime battute.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Io sono leggenda 2015-02-18 20:04:27 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    18 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dei vampiri non ci si stanca mai

Mi sono finalmente deciso a leggere il libro dopo avere visto varie volte l’omonimo film con protagonista Will Smith. Ero ovviamente a conoscenza delle differenze esistenti tra libro e film e del fatto che la bilancia pendesse sicuramente dalla parte del libro (che strano, non è praticamente sempre così?), però non pensavo che questo racconto di Matheson fosse così coinvolgente ed anche profondo per le tematiche trattate.
Ammetto pertanto di essere rimasto particolarmente soddisfatto, a lettura conclusa. Al di là della nota storia della serie “ultimo uomo sulla terra che deve difendersi da orde fameliche di vampiri-non morti bramosi di succhiare il suo sangue”, ho apprezzato la capacità dell’autore di incuriosire e coinvolgere il lettore conducendolo alle origini dell’epidemia che ha portato alla estinzione della razza umana ed al trionfo dei vampiri! Sembra veramente di affiancare Robert Neville, il solitario protagonista nonché novello scienziato, assistendo al suo certosino lavoro di ricerca delle cause dell’epidemia, partecipando ai suoi trionfi e condividendo le sue sconfitte.

In definitiva credo che il merito di Matheson sia innanzitutto quello di mischiare elementi tradizionali della letteratura gotica che qui si ritrovano immancabilmente (es. l’aglio, i paletti di legno, la croce…), con alcune geniali trovate e novità soprattutto per quanto riguarda il contagio e le caratteristiche della popolazione vampiresca. Proprio nelle pagine finali possiamo osservare il comportamento dei vampiri che a onore del vero non risultano poi così diversi dagli umani, per lo meno nei loro difetti ed in certi atteggiamenti tipici quali l’istinto di sopravvivenza, la sopraffazione del prossimo, la paura che nasce dal contatto con il diverso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La letteratura sui vampiri in generale, a chi ama i racconti fantastici.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono leggenda 2013-10-28 09:02:10 Donatello92
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donatello92 Opinione inserita da Donatello92    28 Ottobre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io sono leggenda ! Si, ma perchè ... ?

Ho affrontato questa lettura senza prima contaminarla con le trasposizioni\trasfigurazioni cinematografiche (è intollerabile trovarsi in copertina Will Smith in un'opera col protagonista tutto occhi azzurri e capelli biondi) e ritenendo Matheson, nonostante il gran successo, uno degli autori più sottovalutati del filone a cui appartiene. Tuttavia non ho sottovalutato il mito di questo "io sono leggenda" che sembra proprio, in tutte le sue forme, non poter far storcere il naso a nessuno.
Ebbene il mio si è storto, talvolta in negativo, talvolta in positivo.
La trama è scontata ma interessante con qualche risvolto distopico che la allontana dai soliti hack'n'slash versione zombie della letteratura moderna e non: l'ultimo uomo rimasto sulla terra deve combattere con la propria agonia e con la minaccia delle creature aliene che hanno sostituito la nostra razza, riempendo le pagine di massacri e commenti sulla deviazione umana che renderebbero questa apocalisse quasi giustificata. Ma andiamo con ordine...
Stilisticamente l'opera contribuisce ad una lettura rapida e coinvolgente, affannosa, turbolenta, riuscendo nel difficile compito di non annoiare col susseguirsi delle giornate alcoliche del protagonista Robert Neville. I compiti da rispettare sono quasi sempre gli stessi intervallati da ricordi e speranze infrante che troncano i brevi capitoli in maniera spesso ingiustificata. Quel che non ho gradito, invece, è il declinare verso un'abbandono quasi forzato della retorica e degli obblighi grammaticali, rendendo spesso difficile distinguere un pensiero da un monologo, un urlo da un sussurro, una pausa del suono da un caos di verbi e parole. Questo non va bene in un'opera che punta tutto sul piccolo mondo del protagonista (che, tuttavia, Matheson riesce ad esplicitare in maniera coinvolgente).
Non v'è bisogno di spoilers per commentare la trama che, come accennato, si distacca giusto in tempo dalla monotonia con un finale mozzafiato ed alcuni capitoli di puro genio: da dove sono sorti questi nemici epidemici che hanno preso il controllo di un mondo che non volevano? E se ci fossero sempre stati, sin dalle epopee epiche dell'antichità, passando per le battaglie della storia tanto note quanto vinte in maniera ambigua? E com'è possibile che la religione coinvolga in maniera così forte le masse da renderle febbrilmente maniacali?
Neanche il lettore più annoiato riuscirà a prendere sottogamba questi quesiti di carattere generico che contribuiscono ad un'integrazione di metateatro con il protagonista stesso senza mai distaccarlo dal filo rosso dell'opera intera. Tuttavia, ancora una volta, il naso storce verso il negativo: Neville ci insegnerà che se esci fuori dal tuo quartiere magicamente ti si blocca l'orologio, che non c'è bisogno di una laurea in biologia per comprare un libro ed imparare a studiare i virus e i batteri, che da soli si può costruire praticamente qualsiasi cosa, che decine di secoli fa, quando usavano i paletti di legno, ne avevano perfettamente presente le implicazioni di carattere medico e scientifico e, soprattutto, che se decine di creature ogni notte circondano la vostra casa per eliminarvi, state sicuri che non penseranno mai di bruciarla o di rompervi il generatore della corrente, a meno che non gli diate le chiavi, ma preferiranno lanciarvi le pietre sulla finestra.
Nel complesso ho trovato questo romanzo rapido e godibile, interessante ed intelligente per alcuni istanti, ma scritto con troppa foga di farlo diventare "leggenda", al punto da domandarsi come abbia fatto ad ottenere questo successo in un circondario di opere novecentesche fantastiche e, soprattutto, qual genere di masterpiece avremmo ottenuto se fosse stata attribuita tanta attenzione alle pagine centrali quanto a quelle della fine.
Nel complesso, però, forse "io sono leggenda" è proprio questo: un rapido viaggio all'interno del proprio io che prende il nome di Robert Neville, una descrizione del mondo che ci circonda stirato fino all'apocalisse, con numerose imperfezioni ed altri spunti di genialità. Ma, dopotutto, l'essere umano è anche questo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono leggenda 2013-04-28 23:35:27 SPACK
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
SPACK Opinione inserita da SPACK    29 Aprile, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io sono leggenda.

“[…]dopo tutto bisogna arrangiarsi” sono queste le parole del protagonista di un libro che descrive pienamente coraggio, spirito di sopravvivenza e di adattamento.

Un continuo combattere con la propria mente per non lasciarsi andare, per non arrendersi. Verosimilmente un diario quello di Neville, personaggio centrale del romanzo che ancora innamorato della propria moglie, donna che l’autore ha deciso di portargli via fin dalle prime pagine, è condannato da se stesso e dall’evolversi degli eventi in un mondo che gli riserva una vita di privazione, costretto nella casa di famiglia che non riesce ad abbandonare.

Si tende a pensare che un libro incasellato temporalmente in un periodo post apocalittico e incentrato sulla storia dell’ultimo uomo della terra possa a un certo punto risultare monotono e quindi ripetitivo ma per quanto lo siano le sue giornate il libro non lo è affatto. La capacità dell’autore ci regala un emozione per ogni giorno che passa, così che trepideremo osservando il protagonista arrancare verso la puntuale attesa delle tenebre. Padrone del giorno infatti Neville diventa un umile spettatore durante la notte, un obbligata convivenza con la morte nella continua battaglia ai limiti dell’esistenza.

Il testo è una pietra miliare del genere e personalmente ritengo che non gli sia dato il dovuto merito. Scritto magistralmente non risulterà mai noioso e saremo in grado di apprezzarlo, leggendolo in poche ore.

Recensione di R.C. aka Spack Lele

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri su epidemie in genere.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono leggenda 2013-01-04 22:40:42 Desirée
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Desirée Opinione inserita da Desirée    05 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Breve, ma intenso

Avete visto il film? Male. Dimenticatelo.
Il libro, come qualsiasi altra trasposizione cinematografica, è molto meglio. Will Smith sarà anche bravo, ma la storia è ben diversa.
Racconto breve, forse troppo per me, che avrei desiderato una storia più approfondita, ma alla fine va bene così, perché la vita di Robert Neville è monotona, forzatamente solitaria visto che lui è l'ultimo uomo sulla terra e condivide il mondo con dei vampiri, che non sono i classici alla Bram Stoker, ma sono uomini che grazie ad un batterio hanno subito una mutazione.
Insieme al sopravvissuto esploriamo la città apparentemente deserta, e lo osserviamo mentre si organizza contro i mutanti. Ci angosciamo con lui nel vedere un mondo ormai finito.
Tutto si svolge lento, fino a quando Robert non incontra una donna di nome Ruth e poi si scopre qualcosa che dà una svolta alla storia.
Lui è l'ultimo esponente della razza umana così com'era conosciuta in passato. Lui è leggenda ed è destinato a morire.
«Il cerchio è completo»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Cell di Stephen King e qualche altro libro catastrofico e post-apocalittico.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono leggenda 2012-04-15 10:18:29 Yoshi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    15 Aprile, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ANGOSCIANTE!

Credo che il titolo dica tutto!
Assurda la velocità di questo libro, non solo perchè l'ho letto in 24 ore, ma proprio perchè vieni spinto dalla curiosità angosciante di capire come diavolo va a finire.
Provate a immaginare di essere l'unico uomo sopravvissuto sulla terra e di essere l'unico cui scorre sangue sano, fresco e succulento nelle vene. Adesso immaginate che ogni notte avete alla porta schiere di vampiri che cercano di fare di voi il loro spuntino.
Come reagireste? Da farsela addosso!
Io mi sono completamente immedesimata e credetemi che non è stato semplice mantenere la respirazione regolare per tutta la lettura del libro.
La scrittura di Matheson è veloce e scorrevole.
E nonostante la quasi totale assenza di dialoghi, è scritto benissimo e non risulta per nulla pesante. Anzi, questo stile, permette al lettore di entrare in tutto e per tutto dentro alla mentre di Neville che deve cercare di sopravvivere nonostante il pericolo esterno.
Lo consiglio a chi ama libri di Zombie e affini in quanto ti fa scalpitare dal nervoso.
Rivaluterete i vampiri. Leggere per credere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Cell di S. King e libi su Zombie.
Oppure chi legge qualsiasi cosa e ha voglia di vivere una "LEGGERA" suspance!
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono leggenda 2012-02-13 13:29:52 isabella82
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
isabella82 Opinione inserita da isabella82    13 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'altro secondo Matheson


Robert Neville è l'ultimo sopravvissuto della specie umana. Il resto dell'umanità è stato contagiato da un virus misterioso e mortale che trasforma gli organismi in parassiti, non morti. Ma per tutto c'è un'evoluzione, anche per l'ultimo degli uomini, destinato forse a diventare leggenda.

Fortunatamente conosciuto e letto prima dell'uscita cinematografica, Io sono leggenda è una di quelle opere che ti fanno rinascere la voglia di credere che non esista un unico genere narrativo per ogni libro a cui ci avviciniamo. Questo infatti ne è una dimostrazione. Certamente l'involucro richiama la narrativa horror così ampiamente sviscerata da scrittori di genere precedenti allo stesso Matheson, ma sin dalle prime righe ti accorgi che quest'opera è molto di più. C'è l'approfondimento psicologico di un uomo che resta solo con la sua coscienza, che sopravvive alla trasformazione dei suoi simili. C'è l'aspetto relazionale con l'alterità, il mostruoso, il diverso per definirla in termini sociologici. E poi c'è la componente escatologica, il destino della specie, il senso di continuità a cui ogni organismo aspira.

Richard Matheson è unico nella capacità di descrivere, di creare situazioni, non luoghi della mente in cui si insinua il dubbio, il timore che ciò che si vede sia solo un terribile incubo.

Questo libro è sicuramente il biglietto da visita dell'autore, leggetelo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
tutta la produzione di Matheson
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono leggenda 2011-11-23 15:33:27 Nadiezda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    23 Novembre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Robert Neville

Il protagonista, Robert Neville, vive ogni giorno allo stesso modo.
Alla mattina si sveglia presto torna a casa prima del tramonto, chiude bene tutte le porte e controlla le finestre, cucina, pulisce, ascolta della musica, si siede in poltrona e legge un libro.
Lui però, non ha una vita normale, soprattutto dopo il tramonto.
Neville, infatti, è l’ultimo uomo sulla Terra sopravvissuto ad una guerra batteriologica, finita nel peggiore dei modi, che non lo ha fatto diventare come gli altri.
Ogni giorno deve combattere contro i suoi nemici, i vampiri.
Nella solitudine che lo circonda, Robert esegue la sua missione, studia questo fenomeno e cerca i nascondigli per sterminare le creature delle tenebre.
Durante la notte rimane rinchiuso nella sua roccaforte, assediato dai morti viventi avidi del suo sangue mentre di giorno è lui ad avere la meglio.
Però inspiegabilmente un giorno la pandemia provocherà la nascita di una nuova specie ibrida costituita da esseri anomali che ripercorreranno le tappe degli stessi vampiri. Nonostante questa scoperta, il protagonista non abbandona la sua lotta sanguinosa e continua ad uccidere, dominato dall'inconfessabile convinzione che la razza di "prima" sia l'unica realtà accettabile.
Per il protagonista non sarà facile, infatti, affogherà i suoi dispiaceri nell’alcool e nel bisogno d’amore riversato su una donna, Ruth, anch’essa vampiro, ma apparentemente immune come lui.
In questo mondo Neville, con la sua unicità, si è già trasformato in leggenda.


Mi è molto piaciuta: la descrizione del malessere del protagonista, la sua solitudine che lo opprime giorno dopo giorno, la voglia di continuare anche se sa di essere l’ultimo della sua specie.
È sicuramente un romanzo avvincente non la solita storia di vampiri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per gli amanti di storie di fantascienza/horror
Trovi utile questa opinione? 
71
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono leggenda 2011-04-27 09:51:06 witamy
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
witamy Opinione inserita da witamy    27 Aprile, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ultimo uomo sulla terra

Una delle opere migliori di Matheson. Uno stile asciutto, perfettamente orchestrato per introdurre il lettore sin dalle prime righe in un orrore irreversibile al quale il protagonista tenta disperatamente di sfuggire. Il finale rappresenta l'inevitabile conclusione di un'era che vede l'estinzione dei propri "dinosauri".

Peccato per le tre trasposizioni cinematrografiche che non rendono appieno le suggestioni del libro:

L'ultimo uomo sulla terra (1964)
1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra (The Omega Man) 1971
I am Legend (2007)

Forse solo la prima, girata a Roma (Eur), con Vincent Price rispetta un po' di più le linee del racconto originale. Le altre due, con il loro finale banalmente rassicurante, stravolgono lo spirito del romanzo e a null'altro servono che da spensierato intrattenimento cinematografico per una serata tra amici.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
i Dinosauri di Calvino
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Io sono leggenda 2010-11-28 16:03:05 barbara78E
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
barbara78E Opinione inserita da barbara78E    28 Novembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

bello

La storia non è male, per lo meno non è la solita tiritera sui vampiri... La descrizione della solitudine del personaggio è fatta molto bene, tanto che quando chiama il cane per farlo avvicinare, ci si è abituati al silenzio e dà quasi fastidio, anche se stai solo leggendo. Bello anche il finale: induce a chiedersi chi siano veramente gli "altri". Non ho visto il film e non credo che lo farò: il libro mi ha soddisfatta e non vorrei farmi influenzare dal punto di vista del regista.
Lo stile è scorrevole, anche se i flashback a volte possono creare un po' di confusione e costringere a rileggere le parti precedenti per capire dove si è arrivati. Bella la storia, angosciante (essere l'ultimo uomo sulla terra e per di più assediato da vampiri, non deve essere un'esperienza molto piacevole... ) . Coinvolge e ti lascia un senso di sospensione, simile a quello che provo quando leggo Allan Poe.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri