Vortici di gloria Vortici di gloria

Vortici di gloria

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

In un racconto appassionante e di avvincente realismo, Irving Stone ha ridato vita ai maggiori e minori esponenti dell'Impressionismo francese, ripercorrendo le vicende umane e artistiche di personalità d'eccezione. Al centro del libro è Camille Pissarro, il «visionario riflessivo», come fu definito, la cui vita è strettamente intrecciata a quella di Monet, Manet, Degas, Renoir, Cézanne, Sisley, Gauguin, Van Gogh, Baudelaire, Zola e quanti altri, pittori, scrittori, mercanti d'arte, popolarono la scena artistica francese nella seconda metà dell'Ottocento. Gli incontri al Café Guerbois e al Café de la Nouvelle Athènes, le esposizioni ai Salons ufficiali, e ai Salons des refusés e, sullo sfondo, le vicende politiche della Francia a cavallo fra Secondo Impero e Terza Repubblica, fanno da cornice allo sviluppo di uno dei più esaltanti periodi creativi della storia dell'arte, narrato con fantasia e attenzione alla verità storica.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
 
Vortici di gloria 2017-10-12 20:13:21 lapis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    12 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arte, storia e letteratura

Al Cafè Guerbois si ritrova un gruppo di giovani artisti. Sono dei reietti, dei ribelli, incompresi dal mondo dell’arte tradizionale, dal pubblico contemporaneo, dai propri stessi famigliari. Hanno visto anno dopo anno le proprie opere rifiutate per l’esposizione al Salon, marchiate con quella “R” infamante come dipinti di scarsa qualità. Tele destinate all’indifferenza generale e all’elemosina di qualche raro benefattore, pur di raccogliere qualche soldo.

E’ difficile allora continuare a credere alla propria intuizione e al proprio sogno. Prendere in mano ogni giorno il pennello, attraversando la campagna in cerca di luci e colori per inseguire con tenacia la propria nuova idea di pittura. Il peso del mancato successo si trasforma così in un vincolo di affetto e di lealtà verso una lotta che, un giorno, forse, avrebbe portato i suoi risultati.

Impressionismo, un termine di derisione che provocava ilarità sfrenata.
Non è questo a cui ci dedichiamo, dipingere le nostre impressioni?
Siamo tutti Impressionisti? Benissimo. Portiamo il nome come un distintivo onorifico.

Irving Stone ci accompagna attraverso cinquant’anni di sperimentazione impressionista, partendo dalle vicende personali e artistiche del pittore che più di ogni altro ha tenuto insieme, soprattutto dal punto di vista umano, gli esponenti di questo gruppo, Camille Pisarro. Ma c’è spazio anche per gli altri, Monet, Renoir, Cezanne, Degas, tutti delineati con cura e sensibilità psicologica. E per la storia della Francia del Secondo Ottocento, ricostruita con grande precisione e accuratezza.

“Vortici di gloria” è di certo un’opera ricca e complessa, che si distingue per la straordinaria capacità di coniugare la piacevolezza di un romanzo, l’emozione di un’opera d’arte e l’attenzione alla verità di un importante lavoro di ricerca storica. Una miscela perfetta, impreziosita da una scrittura elegante e appassionata. Ci ritroviamo così a vivere insieme a questi meravigliosi artisti il peso della sconfitta, la tristezza per i tradimenti e le debolezze di qualche compagno, la gioia di un effimero successo. Sono sentimenti ed emozioni palpabili, che dimostrano come questo libro sia molto più di un’ottima ricostruzione storica, per la capacità di creare personaggi tridimensionali ed emozioni vibranti, senza per questo tradire la verità e snaturare la storia. Ed i quadri appaiono così ancora più belli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Vortici di gloria 2017-01-07 12:25:27 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    07 Gennaio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vita da pittore

Impossibile non definire “Vortici di gloria” l'ennesimo capolavoro siglato dalla penna di Irving Stone.
L'ulteriore conferma che da quando l'autore ci ha lasciato, i generi letterari del romanzo storico e della biografia romanzata si sono spenti insieme a lui.
Affermazione forte, eppure per gli estimatori del genere, è arduo trovare in circolazione qualcosa di simile.

Questo romanzo è dedicato al mondo degli Impressionisti, ne analizza la nascita ed il prendere forma come corrente, cesellando i volti e le singole personalità degli artisti, più noti e meno noti, tratteggiandone il pensiero e lo spirito creativo, seguendoli in un percorso di ascesa seminato da stenti, delusioni, insuccessi e caparbietà.

La grandezza di Stone sta nell'altissimo grado di veridicità storica, in una ricostruzione figlia di ricerca accuratissima di documenti dell'epoca, fino a calare in toto il lettore negli eventi e nelle immagini.
Nulla è lasciato al caso, le veraci descrizioni delle pietanze servite sulle tavole, i vicoli di Parigi, i fumosi e affollati cafè, eppoi la minuzia dei paesaggi , dei modelli, dei soggetti ritratti da questa nutrita schiera di pittori detti “impressionisti”.
Enorme spazio dedicato alle relazioni familiari e interpersonali tra gli artisti, per evidenziare come quelli che noi consideriamo geni della pittura le cui opere oggi vengono battute all'asta per cifre da capogiro e sono contese dai musei più famosi del globo, ai tempi venivano diseredati dalle rispettive famiglie, vivevamo nell'inedia con la pancia spesso vuota ed un cappotto rattoppato infinite volte e soprattutto lottavano per poter vendere una tela e farsi accettare dalla critica.
Lo spessore psicologico dei personaggi è eccellente, punta di diamante della narrazione di Stone, evidenziando le sfumature caratteriali di ciascun artista, le lacrime per le sconfitte, la tensione emotiva, la perseveranza nel portare avanti un ideale, la tenacia e la debolezza di qualcuno.

Un lavoro ricco e completo, che vede la fusione di storia e narrativa in un'amalgama ben congegnata. Destinato a imprimere negli occhi e nell'animo del lettore un pezzo di Storia e dei volti, cosicchè al cospetto di uno dei quadri citati, ammireremo la tela in maniera differente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Oblio e perdono
Belle Greene
La maschera di marmo
Io, Monna Lisa
Il gran mondo
L'italiano
La regina d'oro
Il botanico inglese
Gli Effinger
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù