Narrativa straniera Romanzi A briglia sciolta
 

A briglia sciolta A briglia sciolta

A briglia sciolta

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Giappone, anni trenta: è tempo di attentati e complotti da parte di gruppi estremisti. In questo contesto ritroviamo Honda Shigekuni, già protagonista di Neve di primavera, nel secondo episodio della tetralogia di Mishima, Il mare della fertilità. È ora giudice della Corte di appello di Osaka, ha compiuto trentotto anni, da dieci anni è sposato con la mite Rie, da cui non ha avuto figli, e conduce una vita tranquilla e abitudinaria. Un giorno però, presenziando a un torneo di kendo, fa la conoscenza di Isao Iinuma, per Honda la reincarnazione dell’aristocratico compagno di scuola Kiyoaki Matsugae, la cui morte aveva segnato per lui la fine della giovinezza.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
A briglia sciolta 2014-07-07 08:27:15 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    07 Luglio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una controfigura per Mishima?

"A briglia sciolta" (tradotto anche "Cavalli in fuga") è il secondo libro della tetralogia "Il mare della fertilità", di Mishima. Segue il bellissimo "Neve di primavera", nel quale emerge l'amicizia fra l'aristocratico Kiyoaki (che muore giovanissimo) e Honda, che è coprotagonista anche in questo secondo volume . Ora siamo nel 1932: egli, a 38 anni, ha fatto carriera nella Magistratura.
Sono ormai trascorsi 20 anni dagli ultimi fatti del romanzo precedente.
Honda identifica nel diciannovenne Isao, figlio del precettore di Kiyoaki, l'incarnazione di quest'ultimo.
Le vicende riguardano sia il Magistrato, che tende a seguire e proteggere il giovane, sia (soprattutto) Isao, profondamente colpito e sconvolto dalla lettura di un breve testo che illustra le azioni , ambientate quasi mezzo secolo prima, di un gruppo di samurai inorriditi dall'occidentalizzazione del Giappone, che aveva rotto il suo lunghissimo isolamento; testo che si conclude con il 'seppuku' di sei di essi, in nome della grandezza dell'Imperatore. Questo 'suicidio rituale' per sventramento è fortemente vagheggiato da Isao che raduna intorno a sé un gruppo di estrema destra, e costituirà la modalità di morte che si darà lo stesso Mishima.
Come possiamo notare, qui emergono vari elementi di carattere 'autobiografico', non nel senso letterale del termine, ma ad un livello profondo esistenziale e politico.

Dobbiamo ora considerare storicamente l'occidentalizzazione del Giappone in alcuni momenti:
- a fine '800 (periodo degli avvenimenti, letti nel breve testo da Isao, che tanto lo segnano), in cui la cultura occidentale inizia a permeare sensibilmente la tradizione nipponica;
- nei primi anni '30 del '900 (quando è ambientato il romanzo), con le ripercussioni della crisi del '29, portatrice di povertà e di corruzione negli ambienti governativi;
- nella seconda metà degli anni '60 (quando il libro è stato scritto): gli USA avevano ormai smitizzato e privato di effettivi poteri la figura dell'Imperatore ed 'occidentalizzato' la nuova Costituzione. E' un periodo in cui Mishima, a oltre quarant'anni di età, è sgomento, disperato al cospetto di un Giappone che ha perso la sua essenza.

"A briglia sciolta", stilisticamente a un livello molto alto, non può non inquietare il lettore che conosca la biografia dell'autore, in particolare il suo terribile gesto finale di autoannientamento.
Già nel suo libro d'esordio "Confessioni di una maschera" troviamo il giovanissimo protagonista attratto da una morte cruenta. Ora sono trascorsi oltre vent'anni: il 'corteggiamento' della morte autoinflitta si fa più pressante; sotto questo aspetto l'identificazione dell'autore col 'sentire' del personaggio di Isao è parecchio inquietante: "Il pensiero della morte non (...) abbandonava mai" Isao; "l'idea di darsi la morte continuava a rinnovare in lui qualcosa di luminoso, una gioia voluttuosa e particolare".

Al centro del romanzo, una grandiosa e indimenticabile scena del teatro tradizionale giapponese: "... un canto con voce quieta come la pioggia che scende bagnando una riva sabbiosa: ' La ruota del carro del sale gira senza sosta in questo mondo fluttuante. Oh, quanto breve ed effimera è la nostra vita!' ".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Neve di primavera"
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri