Narrativa straniera Romanzi Bellezza e tristezza
 

Bellezza e tristezza Bellezza e tristezza

Bellezza e tristezza

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Dal groviglio di ombre e di ossessioni che scandiscono ogni storia d'amore, Kawabata tratteggia i personaggi di questo suo romanzo e li introduce in uno strano paesaggio sentimentale; Otoko e la sua bellissima e giovane allieva; un ragazzo ingenuo e appassionato; la moglie di Oki che ha sepolto nelle cure della casa tutto il suo carico di rancori e gelosie. In questa atmosfera grigia, crepuscolare, e quasi rassegnata, irrompe a un certo punto un'ondata di passione torbida e impetuosa. Ognuno dei personaggi appare dominato da un'idea ossessiva e su tutti incombe un presagio di tempesta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Bellezza e tristezza 2016-09-05 05:46:12 C.U.B.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    05 Settembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le campane di Tokyo

La malinconia d’amore avvolge e anima i protagonisti del racconto, il fruscio di una seta raffinata scandisce il percorrere delle frasi, delle immagini, dei capitoli. Una passione prorompente e soffocata dalle doglie della disgrazia si svela in passato attraverso il presente di Otoko, che di quell’amore di gioventu’ ne fece pazzia, e che dopo tanti anni pare non saperlo assopire .

Oki siede in uno scompartimento del treno e ritorna verso il fantasma di quella ragazza che lo strappo’ da un matrimonio insipido e che lui non volle, non seppe scegliere.
Ancora, Kawabata non si accontenta e aggiunge un'altra relazione controversa. Quella del rapporto viscerale di una allieva e della sua maestra, medita vendetta in un piano silente eppure esplicito, diabolico, irreparabilmente femminile.

Se tristezza aleggia in questi rapporti erosivi, bellezza troneggia invece nel classicismo giapponese di cui Kawabata Yasunari si fa portavoce ed ambasciatore , mesto, in penombra, eppure cosi’ incisivo, poetico, elegante, ammaliante.
Gia’ le prime pagine risuonano attraverso le campane dei templi piu’ famosi, che le radio trasmettono per salutare il vecchio anno. I tempi brevi ma dilatati nei colori del tramonto, scie di viola ad annebbiare il rosso. Cerimonie dove il te’ e’ sorseggiato in tazze su cui poggiarono i raggi della luna .
Elementi del paesaggio circostante che nella loro staticita’ non rallentano ma saturano, mentre la vicenda si svolge tra ossessioni sezionate e sensualita’ celate.

Buona lettura.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bellezza e tristezza 2016-08-01 06:00:02 LaClo
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
LaClo Opinione inserita da LaClo    01 Agosto, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ricordo dell'amore

(Spoiler)
Le tematiche principali del romanzo sono senza dubbio il ricordo, l'arte e l'amore nelle sue differenti forme. Tali filoni sono strettamente correlati e intracciati. Infatti la memoria e il ricordo si concretizzano nell'opera d'arte, la quale diventa il riflesso dell'interiorità e della psiche dei personaggi. Il tema dell'amore è anch'esso legato al ricordo, sia Oki che Otoko hanno la mente rivolta al passato e le loro opere sono il riflesso di questa inclinazione al passato: il romanzo di Oki più famoso sarà sempre "La sedicenne" che ricorda il suo amore passato per Otoko; mentre l'opera di Otoko più significativa è quella relativa all'ascensione del bambino che rimane incompleta e simboleggia pertanto il mancato superamento del passato che coincide con la morte della sua bambina.

L'amore si carica di tanti significati e sfumature com'è tipico di molti romanzi di Kawabata. Il romanzo ci presenta una gamma ristretta di personaggi che riescono tuttavia a fornire un quadro completo dei vari tipi di amore.

La prima coppia è formata da Otoko e Oki il cui amore è intenso e per Otoko sedicenne rappresenta qualcosa di sacro e profondo che la caratterizza in modo sensibile durante tutto il romanzo. Anche per Oki la relazione assume un significato così importante da dedicarle addirittura un romanzo.
Oki e Otoko sono destinati a separasi e a vivere il loro amore nel ricordo spesso doloroso e nel caso di Otoko traumatico.

Oki mantiene la relazione con la moglie dalla quale ha due figli. La moglie Fumiko è la rappresentazione della gelosia, ma si tratta di una gelosia più delicata rispetto a quella fredda e calcolatrice di Keiko. Fumiko avverte il pericolo che la passata relazione può portare all'interno del suo nucleo famigliare e tutti i personaggi si accaniscono su di lei e la sottopongono a continue umiliazioni, la prima delle quali è costituita dalla richiesta del marito di battere a macchina il manoscritto del romanzo che narra del suo amore per Otoko.

Anche Otoko dopo la delusione d'amore ricostruisce un rapporto simile a quello di Oki, il rapporto di Otoko è però più complesso e particolare, infatti si lega all'allieva Keiko con la quale si crea il rapporto più interessante del romanzo. Infatti, attraverso le due figure femminili si esplica il complesso rapporto tra arte e amore e in particolare si approfondisce il divario tra l'arte tradizionale giapponese, praticata da Otoko e l'arte contemporanea praticata da Keiko. Otoko utilizza l'arte in modo quasi catartico confermato dal desiderio di dipingere l'amante Keiko come una figura religiosa e purificare in un certo senso la loro relazione. Keiko invece utilizza l'arte per veicolare i suoi messaggi di vendetta,infatti si presenta presso l'abitazione di Oki portando i suoi quadri.

La relazione ha per le due donne significati differenti: Otoko vede nel rapporto saffico una sorta di purificazione, una purezza che non può raggiungere mediante la relazione con un uomo. Keiko vive la relazione in modo più passionale e ama Otoko come quest'ultima ama ancora Oki, ma al contrario dell'insegnante non riesce a superare la gelosia e diventa simile a Fumiko nella sua sofferenza e gelosia.

Keiko però è tanto bella quanto fredda, la sua bellezza esteriore la rendono poetica e essenziale come lo stile di Kawabata. La vendetta che Keiko avviene in modo metodico e rappresenta una sorta di contrappasso: seduce il figlio di Oki e lo uccide, pareggiando la perdita subito dall'amata Otoko. La forma di amore tra Keiko e Taichiro è quello forse più legato ai sensi e dimostra l'imperfezione delle relazioni umane e la morte di Taichiro diverrà in un futuro imprecisato il passato irrimediabile.

Un altro aspetto interessante e senza dubbio lo stile di Kawabata che si concretizza soprattutto nei dialoghi e nelle descrizioni del paesaggio, rappresentato in modo molto evocativo e a tratti sembra quasi che lo stile assuma la caratteristiche di un haiku. In conclusione lo stile poetico ed essenziale di Kawabata appare il vero simbolo della vena estetica che percorre tutti i suoi romanzi e rispecchia perfettamente i suoi personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bellezza e tristezza 2009-11-17 17:46:39 uzzy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
uzzy Opinione inserita da uzzy    17 Novembre, 2009
  -   Guarda tutte le mie opinioni

amore nel tempo

Libro sull'amore che resiste al tempo come un ossessione.Libro sull'amore tra una donna e un uomo e sull'amore tra due donne.Libro sospeso nel tempo e nello spazio.Libro con un ritmo sotterraneo ma che trasporta senza dare al lettore la sensazione di muoversi tra le righe.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
Il miele e l'amarezza
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello