Gargoyle Gargoyle

Gargoyle

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Una vita senza sentimenti, una carriera come famoso attore porno, nessun legame. È tutto ciò che l'anonimo protagonista di questo romanzo si trova alle spalle, mentre giace in un letto d'ospedale a seguito di un incidente stradale, completamente sfigurato dalle ustioni. Ora egli attende in solitudine, senza nessun amico, il giorno in cui sarà abbastanza forte da alzarsi dal letto e uccidersi. Tuttavia, una ragazza di nome Marianne entra nella sua stanza e comincia a parlargli come se lo conoscesse da sempre. Si tratta di una paziente psichiatrica, una geniale scultrice di gargoyle di pietra affetta da profonde crisi maniacali. Nonostante l'iniziale diffidenza del narratore Marianne tornerà nei giorni successivi, raccontandogli la loro prima storia d'amore, avvenuta nella Germania del tredicesimo secolo. Di lì, tornerà per narrargli di storie d'amore avvenute tra loro in altre epoche.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
5.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gargoyle 2019-09-08 14:47:58 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    08 Settembre, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nessun sacrificio d'amore è troppo grande

“Gargoyle” è un romanzo di narrativa generale che può però rientrare per molti versi nella categoria del realismo magico, per lo squisito equilibrio tra la descrizione dettagliata e puntuale degli avvenimenti e l'alone di mistero che permea i racconti fantastici inseriti nella narrazione.
La storia ci viene raccontata in prima persona dal protagonista stesso, che più volte nel corso del romanzo si rivolge in modo diretto al suo pubblico

«Suppongo, caro lettore, che anche tu abbia conosciuto il fuoco.»

andando un po' a superare il limite della narrativa, ma senza risultare per questo fastidioso. In questa finzione mantenuta dalla sospensione dell'incredulità, il lettore si trova a scoprire la vita del protagonista, pur senza mai conoscerne il nome; si inizia dall'evento che ha cambiato per sempre la sua esistenza, per poi inserire varie digressioni del suo passato

«Non so se sia giusto cominciare dall'incidente, perché è la prima volta che scrivo un libro. A dire il vero ho iniziato con l'incidente perché volevo catturare il tuo interesse e tirarti dentro la mia storia. E dato che stai ancora leggendo, forse ha funzionato.»

All'inizio del romanzo, il nostro antieroe è un uomo reso difficile da un passato difficile: rimasto orfano da bambino e cresciuto tra parenti irresponsabili e orfanotrofi, si ritrova solo al mondo e senza alcuna seria prospettiva di carriera; ed eccolo quindi iniziare la sua brillante ascesa nel mondo della pornografia, prima come attore e poi come produttore e sceneggiatore. La sua vita si fa sempre più sregolata, soprattutto a causa del consumo abituale di droghe, ma ecco sopraggiungere l'incidente che lo catapulterà in un letto d'ospedale, più morto che vivo. E, soprattutto, coperto di terribili ustioni.
Proprio in questo nuovo ambiente fa la sua comparsa Marianne Engel, scultrice di gargoyle e grotesque, convinta di aver già incontrato il protagonista nella loro vita passata, in particolare nella Germania del Trecento. Dopo un inizio per nulla promettente parte una serie di incontri tra i due che fanno pensare alla raccolta de Le mille e una notte, con un sultano deciso non ad uccidere la sua sposa bensì a togliersi la vita per non dover più patire a causa delle ustioni che gli ricoprono il corpo, mentre la curiosità ispirata dalle storie di Marianne riesce a ridargli il desiderio di vivere

«Volevo che continuasse a raccontare il nostro passato, ma s'interruppe.
Quando la implorai di dirmi se ci eravamo poi sposati, Marianne Engel rispose: -Devi aspettare per saperlo.»

A questa celebre raccolta di storie fantastiche si uniscono anche parecchi riferimenti alla fiaba de La bella e la bestia, perché come il principe il protagonista è costretto a cambiare la sua prospettiva di vita in seguito ad una drastica mutazione del suo aspetto esteriore. L'incidente lo poterà a migliorare se stesso specialmente nei rapporti con gli altri

«Volevo dimostrarle [a Marianne] che stavo crescendo come persona, come si dice nel gergo psicanalitico, perché doveva essere tenuta aggiornata sugli sviluppi.»

permettendogli di stringere per la prima volta delle amicizie sincere con quelli che diventeranno gli altri personaggi chiave del libro, tutti forniti del giusto spazio nella narrazione e di una storia di base interessante.
Devo ammettere di essermi avvicinata a questo libro pensando di trovare qualcosa di simile a “Le prime quindici vite di Harry August” di Claire North; non è poi stato così, eppure “Gargoyle” mi ha davvero conquistata. Sarà per l'umorismo macabro del protagonista,

«La gente che si taglia i polsi o non vuole morire davvero o è troppo stupida per farcela.»

sarà per la precisione dei riferimenti culturali, linguistici, storici e medici che provano la scrupolosa preparazione dell'autore, sarà perché il mio cuore insensibile ad ogni romance è stato toccato dalla poeticità di questa storia d'amore.
Questo romanzo non è però limitato dalla sua storia, perché va a toccare un gran numero di temi molto rilevanti ed attuali, come la fede religiosa e la dipendenza dalle sostanze stupefacenti, ben espressa dall'immagine del serpente affamato di morfina nella spina dorsale del protagonista

«La serpetroia nella spina dorsale non smetteva di muovere la coda tra le mie viscere e agitare la frase STO ARRIVANDO E TU NON PUOI FARCI NIENTE. Non mi dava nemmeno più fastidio.»

Ovviamente anche l'aspetto del nostro antieroe ci da la possibilità di riflettere e, soprattutto, di essere grati del corpo che ci è stato dato.

«Io ero bello alla nascita e da bello avevo vissuto per trentaquattro anni abbondanti, durante i quali non avevo mai concesso alla mia anima di provare un sentimento d'amore. [...] Che imprevisto contrappasso: soltanto dopo essere stata ustionata la mia pelle aveva cominciato a sentire.»

Menzione finale, ma doverosa, per la cura dell'edizione che riporta i molti cambi di font di quella originale ed anche alcuni messaggi nascosti che vi potrete divertire a scoprire durante la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Gargoyle 2015-08-18 15:11:19 Mario
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Mario    18 Agosto, 2015

Fantastico nel senso di magnifica lettura

Comprato questo libro per....la copertina che mi ispirava alquanto senza aver idea di cosa volesse dire il titolo! Piacevolissima sorpresa nello scoprire questo Andrew Davidson, al suo primo romanzo, l'autore dimostra una fantasia e uno studio/documentazione impressionante, direi mostruosa! Bravissimo autore bellissimo libro. Ho letto sotto altri commenti e son rimasto esterefatto da alcuni negativi: "narrazione lenta fino allo sfinimento" : tutt'altro, la narrazione è fluida ed accattivante! "Niente di eccezionale": per me è stato proprio eccezionale pensare e scrivere una storia, che a sua volte contiene altre bellissime e diverse "novelle"! "Ipocrita, moralista, strafritto, piacerà a tante donne purtroppo"! Io sono uomo, mi è piaciuto tantissimo e dico: purtroppo tanti uomini non hanno la sensibilità di tante donne!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Gargoyle 2011-10-10 20:36:15 wobbly
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
wobbly Opinione inserita da wobbly    10 Ottobre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore è libertà

Lo ammetto: non avevo mai sentito parlare di questo libro che ho scelto unicamente in base al titolo (amo i gargoyle) e, di conseguenza, non avevo particolari aspettative.
Ho scoperto un genere totalmente diverso da quello che leggo di solito (thriller, horror) che mi ha affascinata per la vivacità della scrittura e per il contenuto, che rapisce al punto da lasciare un senso di solitudine quando si arriva alla parola fine.
La storia si dipana in un'atmosfera onirica in cui il dubbio se sia verità o leggenda è sempre presente, fino all'ultima pagina.
Gli abbondanti riferimenti danteschi non contribuiscono ad appesantire la narrazione o a garantire un moralismo da quattro soldi bensì arricchiscono le avventure del passato raccontate da Marianne, la scultrice di gargoyle.
Fra storie d'amore tragiche e situazioni perfettamente calzanti con l'epoca in cui si svolgono, il messaggio che si coglie è che non si può parlare d'amore se non si lascia libera la persona amata.
Libera anche di scegliere il proprio destino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ama storia e leggende e.... i gargoyle, naturalmente.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri