Narrativa straniera Romanzi Il piccolo Adolf non aveva le ciglia
 

Il piccolo Adolf non aveva le ciglia Il piccolo Adolf non aveva le ciglia

Il piccolo Adolf non aveva le ciglia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

E' il 1997 e Grete festeggia i suoi ottant'anni, una vita lunga e ricca di affetti. Ma è impossibile dimenticare il terribile sopruso subito tanti anni prima: l'infanzia felice, il lavoro d'impiegata alla Gestapo, il matrimonio con un uomo importante dell'aristocrazia hitleriana, la gravidanza, la separazione forzata dal bambino e la sua ricerca disperata. Una tragica esperienza che porterà Grete a prendere consapevolezza della reale natura del nazismo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il piccolo Adolf non aveva le ciglia 2013-03-19 21:38:06 Cla93
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cla93 Opinione inserita da Cla93    19 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA VIOLENZA DELL'AMORE MATERNO

L'amore... deve essere qualcosa che ti fa totalmente uscire da te stesso.
Qualcosa di violento, che strappa il tuo Io e mette qualcun altro al centro di te stesso.
Questo libro è la storia meravigliosa di una donna, Grete, che vive la sua infanzia durante l'ascesa di Hitler al potere, e che viene convertita al nazismo dal padre, convinto sostenitore di Adolf Hitler.
Grete si sposerà con una SS, che sente di amare con tuta se stessa.
Ma le vicende del suo matrimonio - la gravidanza, il piccolo Adolf, il programma nazista T4, il manicomio - le fanno comprendere quanto sia sbagliata l'ideologia nazista e quanti orrori sono stati compiuti da questi fanatici.
Allora Grete dovrà fare i conti con questi orrori, con il proprio passato, con un marito che non ama più e con un futuro incerto, di fronte alla continua minaccia di morte che comporta la guerra.
La storia è forte, toccante, interpellante.
Quanto veramente sappiamo di ciò che è stato?
Quanto è giusto ricordare, quanto è giusto rendersi conto?
Lo stile del libro è molto scorrevole; è scritto in prima persona, si apre in medias res e la storia viene raccontata mediante vari flashback.
E' coinvolgente, e ci aiuta a capire quanto sia importante conoscere e soprattutto battersi contro certe violenze...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il piccolo Adolf non aveva le ciglia 2008-06-18 20:14:29 Maristella
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Maristella Opinione inserita da Maristella    18 Giugno, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Passato personale e collettivo

Helga Schneider nata in Polonia, vissuta in Germania ed in Austria, si trasferisce nel 1963 in Italia, a Bologna, dove si sposa ed assume la cittadinanza italiana. La sua infanzia trascorsa a Berlino negli anno oscuri del Nazismo le trasmette ferite indelebili che possiamo conoscere e condividere con lei attraverso la lettura dei suoi libri, tutti scritti in lingua italiana. Segnata dall’abbandono della madre che lascia lei ed il fratello, piccolissimi, per seguire un ideale di morte ( diventerà infatti una feroce aguzzina delle SS nei più tristemente famosi campi di sterminio), Helga con grande consapevolezza rende partecipi i lettori delle sue intime afflizioni rivangando in un passato personale e collettivo e affermando il bisogno di una memoria da conoscere e mantenere viva per dar voce ad una parte di Storia spesso banalizzata e giustificata, se non addirittura negata. Nel “ Il piccolo Adolf non aveva le ciglia”, l’autrice riporta alla luce il doloroso ricordo di una di quelle tragedie che sono state sepolte nella memoria: il muto olocausto dei deboli, di tutti quelli che l’ideologia nazista riteneva non degni di vivere perché considerati “pesi morti”, pesi che gravavano sull’economia germanica e sull’utopica perfezione e purezza della razza ariana. E così, se da una parte Darwin aveva teorizzato una selezione naturale della specie, il nazismo, con un’operazione denominata T4, aveva avviato un programma di selezione artificiale destinata a dare una “dolce morte” che si prefiggeva come fine l’eliminazione di bambini ed adulti portatori di handicap, di anziani, di invalidi e persino di soldati, che dopo essere stati decorati al valore con la croce di ferro, erano tornati dal fronte riportando gravi e inabilitanti ferite. L’angosciante storia raccontata in questo libro non fa parte della storia privata dell’autrice ma è stata ricavata da un’intervista rilasciatale da una donna, molti anni dopo la fine del conflitto. La Schneider, in un continuo e tormentato ritorno fra passato e presente, ci racconta così la storia di Greta. Siamo nel 1997 e Greta, attorniata dall’affetto dei suoi cari, si appresta a festeggiare il suo ottantesimo compleanno. Ma, complice un album fotografico che prende a sfogliare nell’attesa dell’arrivo dei suoi amici, Greta rivive tutta la sua vita facendosi pian piano trasportare dall’onda dei ricordi. Così la rivediamo, ancora bambina, in una Germania che lentamente si riprende dalla Prima Guerra Mondiale, in un’atmosfera che appare lieve e quasi poetica se non fosse che lo spettro della follia hitleriana lentamente si insinua nell’animo della gente contagiandolo di assurde visioni. La ritroviamo ragazza, cresciuta all’ombra del nazionalismo convinto del padre, lavorare per gli uffici della Gestapo, fino all’incontro ed al matrimonio con Gregor Von Witting, bello, affascinante e ricco SS, con incarichi importanti sulla “questione ebraica”. Cieca d’amore, la vediamo sottoporsi ad esami medici prenatali per assicurare al futuro marito la sua perfetta idoneità a fattrice di bambini di pura razza ariana. Riviviamo con lei la nascita del piccolo Adolf, così chiamato in onore del Fuhrer, strappato all’abbraccio materno perché nato imperfetto e portato lontano per essere “curato” al meglio. Ma una madre non può credere alle bugie, perché a parlare dentro di lei è la voce del cuore, una voce che non mente mai. E l’amore per lui la porterà, dopo averla coinvolta in uno straziante percorso di orrore e morte, alla presa di coscienza dell’aberrazione ideologica entro la quale aveva sempre vissuto. Greta ricostruirà la sua esistenza contornandola di affetti veri e duraturi, ma mai potrà dimenticare il piccolo Adolf, nato senza ciglia , vittima di una follia lucida e criminale, una follia che pur incomprensibile deve essere resa nota perché non possa essere ripetuta. Helga Schneider fa della sua scrittura una missione che, annullando la distanza temporale dagli eventi accaduti, dia ancora voce agli ultimi testimoni diretti per dissolvere un revisionismo benevolo che potrebbe spianare la via ad un ingiusto quanto irresponsabile “negazionismo”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Conversazione nella Catedral
Questo post è stato rimosso
Mia diletta
L'opposto di me stessa
Il sogno di Ryosuke
Paese infinito
La piuma cadendo impara a volare
L'ultimo figlio
I miei giorni alla libreria Morisaki
Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore