Narrativa straniera Romanzi Il profumo della rosa di mezzanotte
 

Il profumo della rosa di mezzanotte Il profumo della rosa di mezzanotte

Il profumo della rosa di mezzanotte

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


India, Darjeeling. È il centesimo compleanno di Anahita Chavan, ma la sua felicità non è completa perché intorno alla tavola che la festeggia manca uno dei suoi figli. Anche se un certificato ne testimonia la morte, Anni sa che non è così: i suoi poteri di sensitiva le dicono che è ancora in vita. Quindi lascia ad Ari, uno dei nipoti, il compito di fare luce sul passato e gliene consegna la chiave: un manoscritto in cui ha raccolto la storia della sua vita. Inghilterra, Dartmoor. L'attrice Rebecca Bradley è sul set del suo nuovo film. Lord Astbury, schivo proprietario del maniero, si mostra fin troppo gentile e insiste sulla somiglianza tra Rebecca e sua nonna. Sarà il viaggio di Ari in Inghilterra e l'incontro con Rebecca a gettare nuova luce sull'amore tormentato tra lei e Donald, erede di Astbury Hall.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il profumo della rosa di mezzanotte 2020-03-23 20:33:47 Tomoko
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Tomoko Opinione inserita da Tomoko    23 Marzo, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Viaggio in India

Quando ho bisogno di una lettura distensiva, scelgo quasi sempre Lucinda Riley.
I suoi contenuti mai banali ti accompagnano dolcemente lungo tutto il racconto.
Ne “Il profumo della rosa di mezzanotte” si passa dalle bellezze dell’India con sfarzosi palazzi e bellissime principesse alla quiete delle brughiere inglesi. La protagonista è Anni, ragazza indiana che ha vissuto una vita travagliata.
Questo libro ti fa capire i veri valori:
la relazione tra Donny, un lord inglese, e Anni non conosce distanze, colore della pelle, non conosce la povertà, nè differenze tra culture, conosce solo quello che conta davvero: l’amore. Il frutto di questo amore è un bambino mulatto, nato da una relazione clandestina. Purtroppo nei primi del 900, in una società chiusa e scossa dalla prima guerra mondiale, c’erano anche persone che non vedevano di buon occhio la povera Anni.
E’ a causa della madre di Donny Lady Maud che Anni passerà una vita alla ricerca di suo figlio, passando il testimone a Suo nipote Ary prima di morire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri libri di Lucinda
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il profumo della rosa di mezzanotte 2017-08-14 08:40:33 ClaudiaM
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ClaudiaM Opinione inserita da ClaudiaM    14 Agosto, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il profumo della rosa di mezzanotte

INDIA - Anahita è ormai un’anziana donna indiana, circondata da schiere di nipoti e pronipoti. Ha una famiglia allargata, tutta derivante dalla sua unica figlia Muna. O almeno, questo è quello che tutti credono. Perché in realtà Anahita aveva avuto un altro figlio prima di Muna, Moh, di cui conserva il certificato di morte datato ormai a quasi ottanta anni prima. Tuttavia, pur avendo la prova scritta tra le mani, Anahita è certa che suo figlio non fosse morto a soli tre anni, ma che avesse vissuto fino a quel momento.
In punto di morte, Anahita incarica Ari, uno dei suoi tanti pronipoti, di scoprire cosa fosse effettivamente successo a Moh, lasciandogli in aiuto un manoscritto con tutti i suoi ricordi dell’epoca.
Perché Anahita abbia scelto proprio Ari, unico nipote dai particolari occhi blu, lo scopriremo strada facendo.
INGHILTERRA – Rebecca è un’attrice americana piuttosto conosciuta, in particolare per la sua bellezza, e nulla nella sua vita può essere nascosto ai media, compresa la proposta di matrimonio fattale da Jack e a cui non aveva dato ancora risposta. Ora il mondo è convinto che lei gli abbia detto di sì e la ragazza decide di rifugiarsi tra le mura di Astbury Hall, posto irraggiungibile sia dai paparazzi che dalla rete telefonica, per trovare pace e riflettere. Per quanto il suo scopo nella tenuta sia quello di girare un film, Rebecca decide di passare nella villa anche le notti,evitando gli hotel sovraffollati dove i media l’avrebbero sicuramente raggiunta.
Certa di essere sicura tra le mura di Astbury Hall, Rebecca fa la conoscenza del Lord della tenuta, il bizzarro Anthony, e della sua governante, fin troppo premurosa sia con il suo padrone che con Rebecca.

Quali segreti nasconde la grande villa? Cosa porterà Ari esattamente nello stesso luogo?

Mi è molto piaciuta la parte del racconto ambientata nell’epoca passata, dove impariamo a conoscere Anahita. Meno la parte presente con Rebecca e Ari, a tratti noiosa, con un risvegliante guizzo di azione e thriller nel finale.
Che Ari abbia già un’azienda simile a un impero a soli 25 anni, mi sembra un po’ esagerato. Così come il suo cambio di personalità non appena viene scaricato dalla fidanzata.
Non sarebbe guastato se nella parte di romanzo ambientata in India avessero inserito delle note a piè di pagina con la spiegazione di alcune parole usate (spesso comprensibili dal contesto, ma non sempre).

Nel complesso è un romanzo molto piacevole da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il profumo della rosa di mezzanotte 2014-03-29 07:23:16 viviana84
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
viviana84 Opinione inserita da viviana84    29 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra storia e romanticismo...

Premetto che è la prima volta che affronto questo genere di lettura, ma lo stile dell’autrice, realistico e allo stesso tempo intenso, è riuscito a rendere piacevole la lettura di questa lunghissima saga storico-familiare.
Tutto comincia con una donna che ha attraversato mezzo secolo e che, al di là della definizione di sensitiva, possiede il dono speciale di ogni madre. Quello che permette di conservare un legame indissolubile con il proprio figlio. L’anziana Anni custodisce la speranza che non tutto sia perduto e alla vigilia di una morte che sente ormai vicina, decide che sarà il suo cinico e indifferente pronipote Ari a dover seguire le orme del passato per ricostruire i misteri e la storia della sua vita. Così, quando Anni morirà, pochi giorni dopo l’ultima festa di famiglia, il nipote riceverà la lunga lettera-diario della bisnonna, che segnerà l’inizio di un viaggio tra passato e presente, tra due continenti e due culture diverse.
Nell’India del primo Novecento, un luogo magico di profumi e colori, Anni coltiva una sincera e profonda amicizia con la principessa Indira che, a dispetto di un carattere frivolo e viziato, nasconde un cuore generoso. Sarà proprio in sua compagnia che lascerà il suo paese natio per trasferirsi in Inghilterra, nella tenuta degli Astbury, dove conoscerà l’uomo destinato a cambiare il suo futuro. Ed è in questa stessa tenuta che, ai giorni nostri, Ari incontrerà Rebecca Bradley, un’attrice americana, la cui vita sembra legata al passato della nobile famiglia inglese e alle misteriose vicende che hanno segnato l’esistenza della vecchia Anni.
L’autrice mescola romanticismo, storia e un tocco di mistero. Riesce a ricreare affascinanti atmosfere e descrivere in maniera approfondita i personaggi e le vicende storiche. Forse, potrebbe ricordare le saghe televisive alla Downtown Abbey, commerciali e assolutamente d'evasione, ma per chi ama i romance mi è sembrata una lettura abbastanza piacevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Letture romantiche e gli altri libri della Riley.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri