Il segreto Il segreto

Il segreto

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Roseanne McNulty è una centenaria reclusa in manicomio. Il Dr. Grene è il suo psichiatra. Entrambi stanno scrivendo: lei, clandestinamente, sta completando la sua autobiografia; lui scrive il suo diario. Il dr. Grene nei suoi diari racconta le ricerche che sta facendo sulla sua paziente Roseanne, la cui vita, nei documenti ufficiali, è molto diversa dalla verità che lei racconta. Il dottore non è per niente convinto della versione ufficiale e tende a credere alla sua paziente. Poco a poco, emerge la menzogna più grande: il neonato per cui è stata accusata di infanticidio non è morto, ma è stato affidato a un orfanotrofio. Quel bambino portava il nome del dottore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il segreto 2014-09-20 12:48:09 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    20 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il segreto

I personaggi principali sono un'anziana, quasi centenaria, signora e uno psichiatra, che hanno in comune l'istituto per malattie mentali in una città dell'Irlanda occidentale; entrambi scrivono appunti e promemoria in maniera parallela; l'anziana signora si addentra nel lontano passato e nel surreale, lo psichiatra riflette sulla sua attività professionale e sui suoi pazienti. Interessante è il racconto, non sempre lucido, dell'anziana signora in quanto è spesso riferito alla tragica sofferenza dovuta alla guerra per l'indipendenza d'Irlanda nella seconda decade del '900. Le storie e gli appunti/riflessioni narrate sono, come già detto, parallele, ma hanno punti di convergenza fino ad arrivare a un intreccio particolarmente commovente ma, nel contempo, che non riesce a far giustizia di un tragico misfatto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il segreto 2011-07-04 13:22:54 Giulian
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Giulian Opinione inserita da Giulian    04 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Svelamento di un segreto

Sapiente mescolanza di ingredienti adatti a chi ama i drammi a forti tinte: dolore, abbandono, morte, uccisioni, trame oscure, ma anche gioie, amore, pentimento, perdono, ritrovamenti. La storia è affascinante, benché sotto alcuni aspetti poco verosimile (ma con quello che vediamo nella realtà odierna, c’è ancora qualcosa che si possa giudicare inverosimile?). I toni accesi della trama, comunque, giungono al lettore stemperati da almeno due elementi che rappresentano, più della trama stessa, gli aspetti più interessanti del romanzo:
1) la narrazione delle identiche vicende attraverso differenti punti di vista: grazie a ciò gli avvenimenti appaiono filtrati dai personaggi che tendono, spinti da motivazioni diverse, a reinterpretare la realtà a modo proprio;
2) la profonda, persino cavillosa, indagine introspettiva, per la quale ogni gesto, ogni piega della storia viene analizzata, spiegata, ampliata con digressioni e associazioni di idee e ricordi, adornata di considerazioni sul significato della vita e sulla fragilità dell’uomo.
A causa di ciò la lettura non è sempre scorrevole e facile, ma in fondo la verosimiglianza del romanzo sta proprio in questa volontà di riprodurre i flussi di pensiero e di memoria che caratterizzano il mondo interiore di ogni essere umano e di descrivere come le opinioni e le passioni possano portare alla personalizzazione della realtà.
È un libro piacevole, colto e nel complesso emozionante. Finalone a sorpresa, anche se non del tutto imprevedibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri