Inverno Inverno

Inverno

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice


Alla vigilia di Natale - un Natale insolitamente caldo e senza neve - Art, collaboratore dell'ufficio legale di una multinazionale e autore di un velleitario blog di nature writing, parte per la Cornovaglia, dove ha accettato di passare le feste nella villa della madre Sophia, imprenditrice di successo ormai in pensione. Avrebbe dovuto presentarle la sua compagna, che però l'ha appena lasciato dopo un litigio: Art ha quindi impulsivamente deciso di farsi accompagnare da Lux, una ragazza misteriosa e brillante conosciuta per caso il giorno prima. Nel corso della notte al gruppetto si aggiungerà, a sorpresa, Iris, la sorella che Sophia non vede da trent'anni, emarginata dalla famiglia per la sua attitudine ribelle e contestataria e la sua militanza politica. Nel corso di tre giorni, diverse generazioni, sensibilità, visioni del mondo si scontrano e si confrontano, facendo i conti col passato e provando in qualche modo a convivere.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Inverno 2019-08-08 16:23:21 68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    08 Agosto, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno strano Natale indigesto


È la vigilia di Natale, uno dei tanti, tutto ancora da organizzare, e Sophie attende l’arrivo del figlio Arthur, collaboratore dell’ ufficio legale di una multinazionale ed autore di un blog di nature writing, in compagnia della fidanzata/compagna Charlotte. Con lui l’ improvviso ed inatteso ritorno della indesiderata e sovversiva sorella Iris, una combina guai con la quale Sophie non parla da quasi trent’anni, da quando improvvisamente una sera spari’.
Ci troviamo in Cornovaglia, nella villa di Sophie, una formidabile donna d’affari che in passato ha goduto di fama e che oggi ha deciso di trascorrere in una cittadina la sua vita da pensionata.
Ma questo è un Natale diverso, molto caldo e niente neve, e poi molte cose sono cambiate, e parecchie morte.
Innanzitutto Dio è morto, e l’amore, la poesia, il romanticismo, il romanzo, la pittura, la cultura, la decenza, il passato, la storia, la politica, il pensiero, la speranza, tutti morti.
Non proprio tutto invero, non la vita, la rivoluzione, l’ uguaglianza razziale, l’ odio e quei fantasmi che inseguono e perseguitano i nostri giorni.
E c’è anche una testa, in quella casa, staccata dal proprio corpo, lì ormai da quattro giorni, maschio o femmina non è dato saperlo, sicuramente beneducata, una testa silente a cui parlare, con una faccia e dei capelli arruffati, non spaventosa, graziosa e timida e tutt’altro che morta, pur conservando in se’ qualcosa di raccapricciante, una testa che esprime benevolenza, segue e precede Sophie, non è mai invadente, e chissà quali gusti possiede.
L’ incipit, piuttosto forte e spiazzante, apre una trama costruita su persone reali ed accadimenti del nuovo millennio.
Ecco una famiglia divisa, spaccata, singole unità pensanti, una sola estranea, Charlotte-Lux, ragazza straniera costretta a dormire nel fienile, spettatrice e vittima inconsapevole di un rito già scritto, una comparsa sul palcoscenico della vita di Sophie, tanto per cambiare, calata in un microcosmo di isterismi al quale saprà bene adattarsi e che riuscirà a sviscerare, divisa tra bugie e debolezze, uno spirito libero senza dimora ne’ un reale titolo di studio ma avvezza alla profondità, designata all’ ascolto ed alle confessioni dei singoli protagonisti.
Passato, presente, futuro, immagini che instancabili ritornano in una personale dissociazione e schizofrenica ricostruzione dei Natale pregressi, di relazioni interrotte, speranze distrutte, di una famiglia assente, destituita nelle proprie fondamenta.
Sophie continua a pensare e vorrebbe che questo giorno riacquistasse l’ importanza di un tempo, quando i significati significavano ed il Natale era una data importante. Oggi il senso delle cose è più aspro e ciascuno di noi, a suo modo e secondo i suoi tempi, tende a delegittimarsi, demoralizzarsi, demolirsi.
Lei si chiede dove si trova in questo momento e se sia possibile fermare il tempo che le scorre dentro. In questo giorno riaffiorano relazioni interrotte trasformandolo in un Natale quasi immaginario.
Ma quanto, nell’ epoca di Google, dei tweet e dei Blog collettivi, di Trump e di una fattualita’ finalistica, si può riacquistare il senso perduto?
L’ autrice fa riferimento, con pessimistica irriverenza, alle storture socio-politiche dell’oggi, probabilmente definitive, laddove ci vorrebbe un interesse vero per il significato delle parole e non qualcuno i cui interessi privano le parole di ogni significato.
Ed allora ci si domanda: dove saremmo senza la nostra capacità di vedere oltre quello che dovremmo vedere? Dove è finito lo spirito di cui ogni essere vivente è dotato e senza il quale non saremmo che pezzi di carne? E dovremmo sapere e ricordarci ( in primis i personaggi del romanzo ) che nostra madre è la nostra storia riconoscendo le proprie origini, riappropriandoci del senso del tempo, della vera bellezza e della speranza.
A questo proposito “ Cimbelino “ la citata commedia shakespeariana colma di veleni, confusione, malanimo, dove tutto alla fine si riequilibria, dove le bugie vengono smascherate e le perdite compensate, ci riconsegna ad un vecchio e rimpianto sistema relazionale, al momento irrecuperabile, se non in un privato rimosso, in tempi così duri, abulici ed inconsistenti, totalmente sottratti a desiderio ed amore, inseguendo strade e fini diversi.
Secondo capitolo ( dopo “ Ottobre “ ) di una tetralogia dedicata alle stagioni, “ Inverno “ conferma il talento poliedrico dell’ autrice, che alterna passi e scritture eterogenei, giostrando con le parole e la loro intima essenza.
Realtà e sogno, cinismo e sarcasmo, digressioni poetiche, una caos di voci in una coerenza di contenuti, citazioni di alta letteratura ( su tutte Shakespeare e Dickens ), riferimenti al presente per un testo complesso e multiforme, ad una seconda lettura cangiante, con un indiscutibile pregio: la capacità di farsi sentire e di farci riflettere scansando superficialismi ed indifferenza.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri