Narrativa straniera Romanzi L'albero della vergogna
 

L'albero della vergogna L'albero della vergogna

L'albero della vergogna

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

All’indomani della vittoria di Franco, il piccolo paesino di Gexto, nei Paesi Baschi, è un luogo paralizzato dalla paura: rappresaglie ed esecuzioni da parte di “quelli della Falange” sono all’ordine del giorno, e poco a poco gli uomini stanno scomparendo: alcuni sono caduti in guerra, altri vengono portati via in passeggiate dalle quali non si fa più ritorno, oppure fucilati di fronte alle loro famiglie, fra le grida delle loro donne. Ma chi c’è dall’altra parte? Altri uomini. Questa è la storia di Rogelio Cerón, uno di loro, un falangista ventenne che fa quello che fa senza sapere bene perché. Un giorno uccide un maestro repubblicano sotto lo sguardo del figlio, un bambino di dieci anni; per lui niente sarà mai più lo stesso, quegli occhi gli rimarranno impressi nella memoria per sempre: occhi fissi, freddi, che non piangono, ma che promettono vendetta. Trent’anni dopo, gli abitanti del paesino si chiederanno quale mistero si celi dietro la figura solitaria del “pover’uomo della baracca”, che da molto tempo conduce una vita da eremita prendendosi cura di un albero di fico, sopportando in silenzio l’assedio di un vicino convinto che sotto la pianta ci sia un tesoro. Cosa si nasconde, realmente, sotto quell’albero? Qual è il suo significato?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'albero della vergogna 2020-04-10 10:36:41 Mian88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    10 Aprile, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rogelio Céron

Gexto, 1937. Siamo nel pieno di un periodo storico estremamente complesso e che rappresenta uno spaccato di storia che non può essere dimenticato. E lui è Rogelio Céron, un giovanissimo falangista di diciannove anni che aiuta insieme ai suoi amici i vittoriosi “franchisti”. A fare cosa? A ripulire la Spagna dai rossi separatisti. Come? Durante la notte e nei modi meno leciti perché nessuno deve potersela cavare, nessuno può sottrarsi e deve sottrarsi al regime del comandante Franco. Notti con protagoniste quelle “passeggiate” da cui nessuno fa più ritorno. Perché i nemici vanno estirpati come radici di piante velenose. Devono pagare con la vita la loro insurrezione. Per sbarazzarsi del corpo quale miglior modo di fosse comuni o di abbandoni in piena regola nel luogo dell’uccisione? Corpi che per questo non hanno né un funerale né una sepoltura di alcun genere.
Una storia di vita, questa, che ad un certo punto prende una piega inaspettata. Una piega tale che lo porta a vedere in modo diverso quel che il regime franchista impone e che lo porta a staccarsi da quel in cui credeva finendo con il seguire pensieri autonomi e proprie sensazioni.
Il cambiamento ha inizio da Gabino, il figlio del maestro denunciato che conosciamo quasi subito e che all’età di dieci anni vede suo padre e suo fratello sedicenne portati via da sei uomini. Lo sguardo si ferma su Rogelio perché in quel gruppo di carnefici c’è anche lui. E quest’ultimo mai dimenticherà quello sguardo. Il tumulto interiore è tale da funzionare come molla. Quando, ancora, scopre che i cadaveri dei due uomini sono scomparsi sa che il responsabile è il bambino. Quel bambino che lo trafigge nel pensiero, quel bambino che sembra bramare vendetta.

«Che cosa mi è successo per credere che questo marmocchio mi ucciderebbe nel corso del tempo? Sono venuto, sì, ma si tratta di compassione, il dolore costringe il poveretto a fare qualcosa per i suoi cari, occuparsi della loro tomba, starle vicino, abbellirla e in un certo senso è logico che chieda l’aiuto di uno dei carnefici... mi ha scelto. Tutto qui.»

Decide per questo di trasferirsi in campagna e di vivere in un appezzamento di terra nuda. Si ciba dei doni di Cipriana, la moglie del sindaco, e vive come un eremita incurante di quel che gli accade intorno. Il soprannome di Ficodindia viene naturale quando su quel pezzo di terra brulla sorge un fico, un fico da cui tutti scaccia e che protegge con cura. Ma il passato non lo abbandona, è marchiato. Tutti sanno chi è stato. Tutti sanno quello che ha fatto. Tutti sanno a chi appartiene. È un clima di terrore che non consente di essere liberi. È un clima in cui il pensiero ha il sopravvento perché nella solitudine si può riflettere, valutare le proprie azioni, capire cosa si può davvero aver imparato o non imparato nella vita fino a raggiungere l’armonia.
Questo e molto altro ancora è “L’albero della vergogna” di Ramiro Pinilla. Un libro caratterizzato da una penna meticolosa e precisa, una penna doviziosa che non lascia niente al caso e che al contrario si prefigge di solleticare la curiosità storica del lettore, da un lato, e la sua bramosia di sapere, dall’altro. Nella personalità di Rogelio il conoscitore carpisce, il conoscitore si rispecchia. Soffre, medita, si interroga. Ricerca insieme al protagonista la rinascita. Il tutto in un connubio di emozioni che vanno dall’amore, all’odio, alla vendetta, alla nuova possibilità per quel futuro che ci osserva dal filo dell’orizzonte.
Un elaborato solido, con un personaggio stratificato e forte perché fedele a se stesso e a quei sentimenti che trovano linfa nella possibilità di una redenzione. Un componimento che è il ritratto vivido e profondo di una pagina importante del percorso dell’umanità.
Intenso, articolato, introspettivo, dal contenuto duro e forte, sensibile. Un autore che è una grande scoperta e per la quale dobbiamo ringraziare Fernando Aramburo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri