Narrativa straniera Romanzi La cattiva strada
 

La cattiva strada La cattiva strada

La cattiva strada

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Questa è la storia di un amore. Un amore indomabile, travolgente. E innanzitutto proibito. Quello che lega un ragazzo appena quattordicenne a una suora che di anni ne ha ventisei. La passione che vivono, fino in fondo e senza rimorsi, queste due giovanissime creature viene raccontata con candore e precisione, senza compiacimenti e senza moralismi, da uno scrittore che all'epoca ha solo diciott'anni. In questo romanzo dotato di una grazia quasi prodigiosa (e che inevitabilmente ci fa pensare a un altro romanzo, pressoché perfetto, opera di un adolescente: Il diavolo in corpo di Radiguet) percepiamo, tra Denis e suor Clotilde, una tensione erotica palpabile, bruciante: e ogni qualvolta ci sono loro due, soltanto loro due, la pagina è come illuminata. Gli altri – genitori, autorità scolastiche, gerarchie ecclesiastiche – faranno tutto quanto è in loro potere per opporsi a quell'amore. Ma non vi è migliore risposta dell'epigrafe apposta al libro dall'autore stesso: «Credi nel tuo Dio se puoi, ma credi soprattutto nella vita. Se la tua vita dimentica il tuo Dio, tieniti stretta la vita...». Non è un caso che Emmanuel Carrère abbia definito Japrisot «un grande scrittore», «uno dei più originali del suo tempo».

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La cattiva strada 2019-06-27 14:09:39 Antonella76
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    27 Giugno, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Credi nella vita...



Japrisot, appena diciottenne, scrive, negli anni '50, questa storia proibita, scandalosa:...la storia di un amore, di una passione bruciante, tra un ragazzino di 14 anni ed una suora di 26.
Lo scontro tra etica e sentimento, tra morale e pulsioni, nonché tra religione e desiderio, percorre tutto il libro, senza che si riesca a trovare un punto d'incontro, senza che si riesca a decidere quanto sia lecito difendere l'amore ad ogni costo.
Ma inevitabilmente tu, lettore, vuoi questo amore.
Io sì, di sicuro.
Forse perché i due grandi "ostacoli", ovvero la differenza d'età (che qui sconfina nel reato!) e la tonaca di lei, vengono messi in ombra da una considerazione importante: lei, suor Clotilde, ha 26 anni, è vero, ma è come se ne avesse quattordici come Denis, non ha mai vissuto veramente, non ha mai scelto nulla, tantomeno la vita monastica che le è stata imposta dalla famiglia fin da bambina...non conosce la vita, non sa cosa sia l'amore.
Eppure quando se lo ritrova davanti lo sa riconoscere, nonostante si senta dilaniata dai sensi di colpa, verso Denis e verso Dio, lei riconosce questo sentimento che non le dà scampo, un sentimento prepotente, immorale, che le invade ogni pensiero...e che la fa sentire, per la prima volta, viva.
Impaurita, inesperta, terrorizzata...ma viva!
E piano piano inizia a combattere la sua personalissima guerra contro l'abito che indossa, contro la rabbia dei genitori di lui, contro i giudizi della gente, la cui cattiveria raggiunge vette inenarrabili.

"Dio è morto? Esiste qualcun altro oltre a noi? A noi due insieme? Dio è morto.
Esistiamo solo noi."

CREDI NEL TUO DIO SE PUOI,
MA CREDI SOPRATTUTTO NELLA VITA.
SE LA TUA VITA DIMENTICA IL TUO DIO,
TIENITI STRETTA LA VITA.
SE IL TUO DIO TI IMPEDISCE DI VIVERE,
ABBANDONA IL TUO DIO.
LA TUA VITA È L'UNICA COSA CHE HAI
E, CHIUNQUE TU SIA,
IL TUO DIO NON È IL MIO.

Un romanzo fatto di dettagli, dall'erotismo appena accennato e mai volgare.
Sullo sfondo la Francia occupata dai tedeschi, il pane razionato, la fine della seconda guerra mondiale, il rigidissimo ambiente scolastico gesuita, il freddissimo ambiente famigliare in casa, l'amicizia sigillata a suon di botte e quella che salta in aria con le mine...

Scrivere tutto questo a 18 anni è prodigioso.
Leggerlo è un vero piacere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

La cattiva strada 2019-03-18 12:40:19 DanySanny
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    18 Marzo, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno scandalo garbato

Quando Japrisot scrive questo libro, nel 1950, ha solo diciotto anni. Un libro provocatorio, irriverente, una penna che non ha paura di esprimersi nella maniera più assoluta possibile perché in essa arde il fuoco dell’indignazione, il grido della protesta, l’incontrovertibile certezza del giusto che vive in chi è sì cresciuto, ma non ancora vissuto.
La storia è semplice, archetipica quasi: Denis, quattordici anni, la testa persa nei litigi a scuola, quasi bullo, ma senza accanimento, senza cattiveria, si innamora di Clotilde, che di anni ne ha ventisei. Forse un po’ estremo, ma scandaloso, perché Clotilde è una suora e allora tutto è più complicato. Da un lato la badessa, che la sorveglia, dall’altro i genitori di Denis, disinteressati allo stremo finché la reputazione della famiglia non è a rischio. La cattiva strada è la storia di questo amore e degli ostacoli che la società, deformata e ipocrita, loro oppone. Sullo sfondo, la seconda guerra mondiale, tra invasori e liberatori, tra chi muore o uccide, tra chi resta e, alla fine, diserta.

Japrisot apre il libro con nettezza e la narrazione, non a caso, è chiaramente schierata, completamente manifesta. “Se il tuo Dio ti impedisce di vivere, abbandona il tuo Dio. La tua vita è l’unica cosa che hai e chiunque tu sia, il tuo Dio non è il mio.” Al contrario di molti scrittori più maturi, in cui il giudizio è sospeso e la narrazione accade, Japrisot chiede davvero al lettore di scegliere, di pensarla come lui e a questo scopo dispiega ogni mezzo che possiede. Lo stile è semplice, limpido, piano, ma mai piatto, incalzante: Japrisot ha il dono di narrare, lo stesso di Dumas, ad esempio, e regge benissimo una narrazione che forse si allunga troppo nella parte centrale, ma che davvero trascina con la sua forza emotiva. Perché tutta questa scandalosa storia viene sempre trattata con garbo, con il silenzio luminoso e delicato di chi sa che non c’è niente di più sacro dell’innamoramento di un ragazzo, nulla di più facilmente infangabile.

I temi sono chiari: l’ipocrisia della società, il dolore della guerra, la vita sopra la religione, l’ottusità degli adulti, l’insolenza della religione. E altrettanto manifesti sono i difetti: lo schematismo della narrazione costruita in ogni aspetto per sostenere l’autore, la quantità di “ti amo” che i due protagonista si scambiano di continuo, una certa immaturità emotiva per una ventiseienne e una storia che sfida la credibilità. Immagino sarebbero pochi i genitori che non si preoccuperebbero di una relazione tra il figlio quattordicenne e una ventiseienne e credo sarebbero pochi quelli a non opporre almeno una qualche resistenza. Detto questo, pur con tutti i suoi limiti, La cattiva strada dimostra una maturità autoriale notevole, a tratti ingenua, ma di straordinaria potenza e la descrizione dell’innamoramento nella parte iniziale del libro, ha qualcosa di meravigliosamente adolescenziale, e quindi vero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri