Narrativa straniera Romanzi La cena delle bugie
 

La cena delle bugie La cena delle bugie

La cena delle bugie

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dopo aver colto in flagrante il suo fidanzato con la sua migliore amica, Jo Donelly ha deciso di lasciare Melbourne per ritirarsi in Nuova Zelanda, nella sua cittadina natale, dove lavorerà come fisioterapista e cercherà di raccogliere i cocci del suo cuore infranto. Jo ha solo una persona che può farle ritrovare l'allegria: zia Rose, un'eccentrica amica di famiglia di mezza età, felicemente single, che vive sulla collina con un amatissimo maialino nano, quattro cani e due pecore. Spesso va a farle visita suo nipote Matthew, compagno d'infanzia di Jo, con il quale Jo aveva avuto una sola rovente notte d'amore. Ora lui è diventato un uomo di campagna, ma il suo fascino non è diminuito. Anche a causa della malattia che colpisce Rose i due giovani intensificheranno le occasioni per incontrarsi di nuovo e, forse, per riattizzare un amore che sembrava essersi spento sul nascere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La cena delle bugie 2016-02-24 13:42:26 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    24 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La cena delle bugie o le bugie dell’editore

Josephine (ma per tutti è Jo) Donelly è una fisioterapista diplomata che da anni vive in Australia. Però, dopo aver colto il fidanzato chirurgo in flagrante adulterio con la sua migliore amica, ha deciso di lasciare Melbourne e ritornare in Nuova Zelanda a Waimanu (nell'Isola del Nord), il paesino dove aveva trascorso i primi anni della sua vita.
Qui ha trovato lavoro in un piccolo ambulatorio fisioterapico e qui ci sono tutti gli amici di un tempo. In particolare c’è Rose, un’amica di famiglia cinquantenne, inglese sino alla punta delle unghie, pervicacemente single (si scoprirà in seguito perché) e, da sempre, considerata da Jo come una zia. Vive sola, sulla collina sopra il paese, in una grande casa ormai malandata dove la fanno da padroni un maialino nano, quattro cani e due pecore obese. Zia Rose ha una intelligenza vivissima, molto humor e una brillante conversazione e Jo l’adora, anche se continua a chiamarla Josephine, nome che lei detesta. Quindi, anche se è una pessima cuoca, a causa della sua perversa inventiva in cucina, è un piacere cenare da lei (per i neozelandesi, ma non per Rose, è "l'ora del te"!?!).
È proprio da zia Rose che Jo andrà ad abitare all'arrivo a Waimanu, prima di trovar casa da due coetanei assai poco socievoli. Soprattutto è da lei che Jo ritornerà a vivere quando si scoprirà che la donna è ammalata di cancro. Le starà vicino per aiutarla a superare il brutto momento. La stretta vicinanza con Rose farà sì che Jo riallacci i rapporti anche con Matthew, il nipote di Rose, suo compagno d’infanzia e amore giovanile mai dimenticato. Dopo la morte del padre, Matt è tornato in Nuova Zelanda per gestire la fattoria di famiglia ed ora anche lui si prodigherà per l’amata zia. Durante le tante cene insieme a casa della zia, Jo e Matthew potranno tornare a conoscersi, divenendo sempre più intimi. Purtroppo la malattia di Rose si rivelerà ben presto più grave di quanto temuto, nonostante la donna cerchi coraggiosamente di minimizzare la situazione. Alla fine, pur addolorati per il lutto che li colpirà, i due giovani ritroveranno la felicità insieme.
Ho acquistato questo libro ingannato dalla sua presentazione: copertina spiritosa, titolo italiano furbetto e sottotitolo "Bugie, amori segreti e tante risate. Buon appetito" decisamente fuorviante. Mi aspettavo qualcosa di simile ad una trasposizione letteraria di "Cena tra amici" (bel film comico/caustico di Alexandre de La Patellière). Nulla di più lontano da ciò. Giunto alle ultime pagine col "magone" sono arrivato alla conclusione che bisognerebbe condannare tutti gli editori, i direttori editoriali e i traduttori che cercano di fuorviare i lettori, a pesanti pene "detentive" sul tipo "non toccherai più alcuno strumento di scrittura per vent'anni!".
Premesso ciò, va detto, che il volume è tutt'altro che disprezzabile. Anzi, la Hawkins racconta con grazia e garbo un anno di vita nelle campagne neozelandesi, tra allevatori di bestiame e coltivatori, in una piccola comunità rurale che, per quanto perfettamente inserita nel nostro mondo assillato da facebook e cellulari che squillano, sembra venire da un’altra epoca. più umana.
Jo, che oltre ad essere la protagonista del romanzo è anche l’io narrante della storia, diligentemente ci descrive, come in un diario, le sue giornate, tra l’ambulatorio e la casa di Rose, rivelandoci i brutti ricordi che la agitano per il tradimento del fidanzato e le ansie per il presente suo e della cara Rose. Ci apre il cuore confidandoci senza timidezze le sue speranze ed i sentimenti che la agitano. Ho trovato lo stile della scrittrice straordinariamente, ma anche piacevolmente, "femminile" e quanto racconta è tanto realistico da far sentire in imbarazzo il lettore; quasi fosse acquattato nel buio a scrutare, con gusto voyeristico, nelle finestre accese delle case dei protagonisti.
Alla fine sono giunto alla convinzione che, probabilmente, "Dinner at Rose" (il titolo originale è molto più sensato!) sia una garbata autobiografia della scrittrice, tanto le situazioni sono palpabilmente reali. Non per nulla la Hawkins è veterinaria part time e moglie di allevatore neozelandese full time: quindi conduce una vita non molto diversa da quella di Jo.
L’unica cosa, purtroppo, che non ho trovato sono le "tante risate" promesse: vivere (e per qualcuno significa anche "rivivere") gli strazianti momenti connessi alla assistenza di un malato terminale, che nella fattispecie è anche il personaggio più simpatico ed azzeccato di tutto il libro, non è affatto divertente. Il romanzo, invece, è toccante e, a tratti, commovente. Anche i sorrisi che vengono strappati al lettore da alcune situazioni obbiettivamente buffe, sono sempre velati dalla generale consapevolezza dell’evolversi dei fatti. In ogni caso, complessivamente, un buon libro di una giovane autrice downunder (ovvero dei nostri antipodi).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi vuol entrare nello spirito dei neozelandesi, così diversi e così simili a noi.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai
Gli ansiosi
Il guardiano notturno
Le vie dell'Eden
La lingua perduta delle gru
Tomas Nevinson
La promessa
L'uomo che amava i bambini