La musa La musa

La musa

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Un quadro nasconde misteri. Quando, in una calda giornata del luglio del 1967, Odelle Bastien sale i gradini di pietra della Skelton Gallery di Londra, non sa che molto presto la sua vita cambierà per sempre. Ora è pronta a cominciare un nuovo lavoro come dattilografa, sotto la guida dell’enigmatica e fascinosa Marjorie Quick. Un giorno alla galleria arriva un misterioso quadro portato da un ragazzo invaghitosi di Odelle: il dipinto, di cui si erano perdute le tracce per anni, getta la signora Quick in una strana inquietudine. Riaffiorano in lei i fantasmi del suo passato che, ora, investono anche Odelle e la sua storia d’amore. In effetti, la verità che il quadro nasconde risale al momento della sua creazione, nel 1936, in una grande casa di campagna in Spagna, dove Olive Schloss, la figlia di un famoso commerciante d’arte, fantastica sul suo futuro come pittrice. Nel suo fragile e rassicurante paradiso, piomba Isaac Robles, affascinante artista e rivoluzionario, che accenderà in Olive una passione capace di sbaragliare ogni sua timida previsione sul destino che l’aspetta, legando inestricabilmente la sua sorte a quella di un quadro e ai potenti segreti che nasconde. Sarà proprio quel quadro, a decenni di distanza, a unire le vite delle due straordinarie protagoniste, Odelle e Olive.



Recensione della Redazione QLibri

 
La musa 2017-03-27 17:45:13 lapis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    27 Marzo, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le donne possono essere dipinte. Non dipingere.

Alla National Gallery di Londra è esposto un dipinto del pittore spagnolo Isaac Robles. Raffigura una ragazza che regge la testa mozzata di un’altra ragazza. Sembra l’illustrazione di una favola, forse di un racconto biblico. Ma quello che colpisce sono i colori vividi, enigmatici, magnetici: l’ocra e il verde dei campi, il ruggine dei solchi della terra, il livido indaco del cielo.

Questo quadro sparì inspiegabilmente dalla Spagna durante la guerra civile e fu ritrovato trent’anni dopo in una magione inglese. Ed è quest’opera elusiva e seducente, dal significato oscuro e dalla storia misteriosa, a costituire il collegamento tra le due narrazioni che Jessie Burton propone in questo suo ultimo lavoro.

Da un lato la storia del ritrovamento del dipinto nella soffocante e razzista Londra dell’estate 1967, che si intreccia con la vicenda di Odelle, giovane immigrata caraibica, aspirante scrittrice, arrivata da Trinidad per inseguire il proprio sogno. Dall’altro la nascita del quadro nell’affascinante e pericolosa Spagna del 1936, già scossa dai primi lampi di guerra, e la storia della diciannovenne Olive, con il talento e la vocazione per la pittura, ma senza il coraggio di uscire allo scoperto e affrontare i pregiudizi che vedevano l’arte appannaggio del solo universo maschile.

Entrambe le protagoniste, determinate nella propria passione e generose verso la vita, dovranno fare i conti con i pregiudizi della società e la difficoltà di scindere la propria creatività dal bisogno di approvazione. Entrambe troveranno forza e ispirazione dai luoghi e dalle persone che incontreranno lungo il proprio cammino. Personaggi non sempre positivi, ma egoisti, imperfetti, infedeli. Ed è proprio l’ambiguità dei personaggi, oltre al senso di tensione generato dal mistero del dipinto, svelato a poco a poco, ad animare il romanzo fino alla fine.

"Ma esistono davvero l'"intera" storia e la "fama mondiale", ossia il modo giusto di guardare uno specchio? Tutto dipende dal riflesso della luce".

Jessie Burton segue in qualche modo la strada già intrapresa con “Il miniaturista”, proponendoci un nuovo romanzo a sfondo storico. “La musa” è un’opera dall’intento ambizioso, che vuole parlare di arte e creatività attraverso la ricostruzione di due periodi storici. L’idea è di certo valida e non si può non rendere merito all’autrice dell’attenzione per i dettagli e dell’occhio pittorico con cui ha saputo immaginare e descrivere suggestive atmosfere. Ciononostante, la sensazione che rimane, a fine lettura, è purtroppo quella di una certa superficialità sia per quanto riguarda l’approfondimento storico, sia per quanto riguarda la rappresentazione degli stati interiori e la crescita psicologica dei personaggi. Pur rivelando una certa fragilità, rimane comunque un buon prodotto, sincero e originale, apprezzabile soprattutto per la vividezza immaginativa.

“Un'opera d'arte ha successo solo se chi la crea possiede la convinzione necessaria per renderla reale”. In questo Jessie Burton ha raggiunto sicuramente l’obiettivo perché, pur sapendo che né il magico quadro né il pittore Isaac Robles sono mai esistiti, io alla National Gallery cercherei quell’ocra, quel verde e quell’indaco che mi si sono rimasti stampati nella mente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La musa 2017-11-29 14:57:04 violetta89
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    29 Novembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cara Burton, rimandata alla prossima!

Avevo letto "Il miniaturista", libro che ho amato molto, per cui ho preso subito anche questo ma devo dire che non mi ha lasciato il segno come ha fatto l'altro.
La trama è un po' contorta, tutto ruota intorno a un quadro che sembra appartenere al talentuoso Isaac Robles, pittore spagnolo rimasto ucciso durante la guerra civile spagnola. Come ha fatto questo quadro sparito più di 20 anni prima in Spagna a finire in Inghilterra? Se lo chiede Odelle Bastien, una ragazza di colore curiosa e molto intelligente, che lavora per una galleria d'arte insieme a Marjorie Quick, una donna misteriosa che sa più di quello che vuole dire. Odelle inizierà a interessarsi sempre più a questo quadro fino ad arrivare a scoprire la vera storia di Isaac Robles, di sua sorella e di Olive Schloss, musa di Robles (o forse qualcosa di più).
Come già detto la storia è un po' contorta, mescola forse troppi argomenti importanti: l'amore per l'arte, il razzismo negli anni '60, la guerra civile spagnola. Ne viene fuori un romanzo lungo più di 500 pagine che in alcuni punti è molto lento, in altri scorre meglio ma che almeno per me non ti colpisce mai fino in fondo né ti tiene incollato alla pagina. Gli stessi personaggi mi sono sembrati per molti versi un po' superficiali, poco definiti.
Spero che la prossima volta ci tiri fuori un altro prodotto all'altezza de Il miniaturista, ma questa volta non è andata, si poteva fare meglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri