La treccia La treccia

La treccia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Tre donne. Tre continenti. Tre destini intrecciati. India. Smita è un’intoccabile; per sopravvivere, raccoglie escrementi a mani nude. Il suo è un mestiere che si tramanda di generazione in generazione, e che lei ha accettato, sopportando in silenzio. Ma sua figlia non seguirà le sue orme. No, lei andrà a scuola, imparerà a leggere e a scrivere, farà grandi cose. Per offrirle un futuro migliore, Smita sfiderà il mondo. Italia. Giulia adora lavorare per suo padre, proprietario dell’ultimo laboratorio di Palermo in cui si confezionano parrucche con capelli veri. Un giorno, lui ha un incidente e Giulia scopre che l’azienda è sull’orlo del fallimento. Ma lei non si scoraggia. Per salvare il laboratorio, Giulia guiderà una rivoluzione. Canada. Sarah è un avvocato di successo. Sull’altare della carriera, ha sacrificato tutto: due matrimoni, il tempo per i figli e soprattutto per sé. Poi, però, nel bel mezzo di un’arringa, Sarah sviene e niente sarà più come prima. Per vincere la battaglia, Sarah dovrà scegliere per cosa vale la pena lottare. Smita, Giulia e Sarah non si conoscono, eppure condividono la stessa forza, la stessa determinazione nel rifiutare ciò che è toccato loro in sorte. Come fili invisibili, i loro destini s’intrecceranno indissolubilmente, dando loro la possibilità di vivere con orgoglio, fiducia e speranza.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La treccia 2018-11-29 10:12:02 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    29 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Smita, Giulia e Sarah

«Attraversano e improvvisamente ci siamo, è arrivato il momento, deve lasciare la mano di sua figlia, dall’’altra parte della strada. Smita vorrebbe dirle: sii felice, non dovrai fare la mia vita, crescerai sana, non tossirai, avrai una vita migliore, più lunga, e la gente ti rispetterà. Non sarai marchiata da questo fetore infame, da quest’odore indelebile e maledetto, avrai una dignità. Nessuno ti lancerà gli avanzi come a un cane. Non chinerai mai più la testa né lo sguardo. Smita desidererebbe con tutto il cuore dirle queste cose. Ma non sa come esprimerle, come parlarle delle sue speranze, dei suoi sogni un po’ folli, di quella farfalla che si agita dentro di lei. Allora si china verso Lalita e le dice, semplicemente: vai!» p. 56/57

Tre donne. Smita, del villaggio di Badlapur, Uttar Pradesh, in India, è una intoccabile. Il suo lavoro è quello di raccogliere gli escrementi delle famiglie di ceto sociale più alto dalle fosse delle loro proprietà. Non può sottrarsi a questo, è il suo destino. Ogni mattina con la cesta che le è stata tramandata da sua madre si aggira per le venti abitazioni che le spettano ed esegue al meglio il suo lavoro, senza ricevere che gli avanzi, che l’elemosina che detti nuclei familiari decidono di donarle. Se decidono di donarglielo. Nagarajan, il marito, è un ripulitore. Il suo compito è cioè quello di rimuovere dal paese i ratti molesti che attaccano i campi, i raccolti, le persone. Quei ratti costituiscono anche il salario degli uomini che li hanno catturati e per la famiglia di Smita rappresentano anche la cena. È un uomo buono suo marito, non l’ha mai picchiata o insultata e anzi, le ha donato Lalita, la figlia amata e desiderata che ha appena sei anni. E adesso, la madre, non anela altro che mandare a scuola proprio questa figlia. A qualunque costo. Perché non vuole che subisca le sue stesse sorti, che sia condannata allo stesso epilogo. Ma quali sacrifici e quali scelte dovrà fare Smita per riuscirvi? Perché la sua condizione di intoccabile non si cancella così, semplicemente. Anzi. Sarà proprio il maestro a ricordarle quanto non vi sia possibilità di riscatto per loro che sono i reietti della società. Che fare? Sopportare? Condannare Lalilta? Scappare?
Sicilia, Palermo. Giulia Lanfredi è l’erede dell’ultima ditta specializzata in lavorazione di capelli per la realizzazione di parrucche di unica e pregiata fattezza. L’incidente del padre le apre gli occhi su quella che è la realtà di questa attività di famiglia per la quale ella ha deciso di non continuare gli studi oltre il diploma. Un segreto, quello che apprende, che, nonostante i suoi vent’anni, la colloca immediatamente nell’età adulta, con tutte le responsabilità e scelte annesse e connesse. A farle da spalla, amico, amante e complice, Kamal, sikh il cui incontro casuale rappresenterà il miracolo.

«Così vanno le cose, pensa Giulia, a volte la vita unisce i momenti più bui a quelli più luminosi. Con una mano dà e con l’altra toglie» p. 128

Montreal. Sarah Cohen, equity partner del prestigioso studio legale Johnson & Lockwood, è una avvocatessa di successo, grande professionalità e bravura. Ha tre figli, due gemelli e una bambina nati da due matrimoni diversi, è una bellissima donna, e scopre di avere il cancro. Un cancro che per primo si era portato via sua madre e che ha una particolare familiarità con le donne ashkenazite. La sua strategia è semplice: come ha tenuto nascoste le gravidanze, può tenere nascosto anche questo. Peccato che non abbia fatto i conti con l’ambiente che la circonda, un ambiente di squali dove non ti puoi permettere di sanguinare. Perché per quanto medici e infermieri l’abbiano preparata alle terapie, agli effetti e all’avanzare dalla malattia, nessuno l’ha informata su un altro aspetto ovvero quell’isolamento lento e doloroso che accompagna la malattia, quella lenta e dolorosa esclusione di cui è diventata oggetto. La sua sarà una lotta alla sopravvivenza, da un lato, ma anche alla discriminazione dall’altro perché al solo pronunciare della parola “malata” tutto attorno a lei muterà, dapprima impercettibilmente, di poi, sempre più evidentemente. Sarà qui che Sarah dovrà tirare fuori tutto il suo coraggio e la sua tenacia.
Con “La treccia” Laetitia Colombani tesse e unisce la storia di tre donne che mai si incontreranno fisicamente ma il cui destino è intrecciato da fatti, coincidenze, circostanze, vissuto. Il tutto avviene mediante una penna leggera, scarna, basica, rude, non troppo impegnativa e non caotica, che accompagna passo passo chi legge verso l’epilogo e verso quella che poi è la vera essenza dello scritto: il contenuto.
Perché tanti sono in temi trattati dall’autrice, temi che vanno dal desiderio di un riscatto sociale, al desiderio di un futuro migliore per i nostri cari, a un desiderio sempre più latente di crescita e responsabilizzazione ma anche di amore in quello che è un contesto bigotto e chiuso, alla discriminazione della donna sul mondo del lavoro, alla sua emarginazione per il solo fatto di avere il cancro e molto altro ancora. Ogni personaggio rappresentato crescerà nella narrazione e raggiungerà un nuovo stadio di consapevolezza. Lotterà per i suoi sogni, per il futuro, per l’amore, ma anche per i suoi diritti, capendo dove sono stati gli errori e cercando di porvi rimedio.
Un testo semplice e senza pretese eppure duro e forte tanto da non dimenticarsi facilmente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

La treccia 2018-09-13 09:20:55 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    13 Settembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

la simbologia del capello

La treccia di Laetitia Colombani è il romanzo d’esordio della sceneggiatrice, regista ed attrice francese. La treccia è l’elemento simbolico che tiene unite tre storie di vita, distanti l’una dall’altra, ma convergenti in un unico punto. Il progetto è comune: la rivincita del genere femminile, il superamento delle discriminazioni, l’annientamento della violenza per costruire un mondo più bello, più profondo, più rispettoso dell’identità e della cultura altrui.
E’ il racconto di tre donne diverse e differenti: Smita viva in un villaggio indiano, è sposata,, e ha una figlia. Fa un mestiere umiliante, che si tramanda da generazioni: raccoglie escrementi e pulisce latrine. Il marito, invece, cattura topi e poi ha “il diritto” di portarli a casa e mangiarli con la famiglia. Lei è molto devota, appartengono entrambi alla casta degli intoccabili, nel senso che nessuno vuole fare ciò che fanno loro, e proprio per questo motivo vanno lasciati stare. Ma Smita sogna un futuro più roseo per la piccola figlia e la sua emancipazione passa, necessariamente, attraverso la lettura e la scrittura. Difficile da attuare in un paese, dove
“fuggire significa esporsi a rappresaglie terribili. Faranno del male anche a Lalita. La vita di una bambina non vale più della sua. Le violenteranno tutt’e due e poi le impiccheranno a un albero, com’è accaduto il mese scorso a due giovani dalit di un villaggio vicino. Smita conosce quella cifra spaventosa, che fa venire i brividi: due milioni, il numero delle donne ammazzate ogni anno in India. Due milioni di vittime della barbarie degli uomini, uccise nell’indifferenza generale. Al mondo non interessa. Il mondo le ha abbandonate.”.
Ma lei non demorde e ha un piano da attuare, a qualunque costo.
Giulia, invece, abita a Palermo e con la sua famiglia da generazioni gestisce un laboratorio che produce parrucche con capelli rigorosamente veri. La sua vita è serena, fino a quando un tragico incidente che vede coinvolto il padre, la costringe a fare i conti con una grave realtà: la ditta è sull’orlo del fallimento. Per salvarla si potrebbe fare un matrimonio d’interesse. Ma forse c’è un’altra soluzione.
Sarah è un avvocato americano di gran successo. Al lavoro ha sacrificato tutto: due matrimoni, tre figli cresciuti con un educatore. Fino a quando la parola “cancro” la costringe ad accettare una realtà nettamente diversa.
“Tutte e tre dovranno spezzare le catene delle tradizioni e dei pregiudizi; percorrere nuove strade là dove sembra non ce ne sia nessuna; capire per cosa valga la pena lottare. Smita, Giulia e Sarah non s’incontreranno mai, però i loro destini, come ciocche di capelli, s’intrecceranno e ognuna trarrà forza dall’altra. Un legame tanto sottile quanto tenace, un filo d’orgoglio, fiducia e speranza che cambierà per sempre la loro esistenza.”
Un progetto comune rigenerante e dirompente, ad alto contenuto simbolico. Una scrittura scarna, essenziale, cruda e realista. Una lettura che colpisce per il suo significato intrinseco, per la determinazione narrata che muove le protagoniste, e per il suo fascino insito mutevole e travolgente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri